Regno di Cirene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Cirene
Dati amministrativi
Nome completo Βασίλειο της Κυρήνης
Basíleio tes Kyrénes
Regno di Cirene
Nome ufficiale Βασίλειο της Κυρήνης
Lingue ufficiali Koinè
Lingue parlate Koinè, egizio e berbero
Capitale Cirene
Dipendente da Impero persiano (525-475 a.C.)
Regno tolemaico d'Egitto (276-96 a.C.)
Politica
Forma di Stato Regno
Forma di governo Monarchia
Nascita 630 a.C. ca. con Batto I
Causa Fondazione di Cirene
Fine 96 a.C. con Tolomeo Apione
Causa Annessione alla repubblica romana
Territorio e popolazione
Bacino geografico Cirenaica
Economia
Valuta Dracma greca
Commerci con Regni ellenistici, Cartagine, Repubblica romana
Evoluzione storica
Succeduto da Roman SPQR banner.svg Repubblica romana
Ora parte di Libia Libia, Egitto Egitto

Il Regno di Cirene o Regno di Cirenaica (in greco antico: Βασίλειο της Κυρήνης, Basíleio tes Kyrénes è stato un regno del mondo antico, prima di cultura greca e poi ellenistica. Il regno nacque intorno al 630 a.C. con la fondazione di Cirene da parte di Batto I, che diede inizio alla prima dinastia regnante dei Battiadi.[1]

Tra il 525 e il 475 a.C. il regno fu sotto l'egemonia persiana e nel 440 a.C. la dinastia dei Battiadi finì con la proclamazione della Repubblica, stato satellite della Persia.[2] Cirene venne conquistata da Alessandro Magno nel 331 a.C. ed entrò poi a far parte dei territori del diadoco Tolomeo I; ottenne l'indipendenza sotto il figliastro di questi, Magas, nel 276 a.C., ma fu comunque sotto il controllo dell'Egitto tolemaico.

Nel 249 a.C. fu proclamata nuovamente la repubblica, ad opera di Ecdelo e Demofane, ma dopo tre anni venne annesso al regno d'Egitto,[3] senza indipendenza fino al 163 a.C., quando il fratello minore del re d'Egitto, Tolomeo VIII, venne incoronato re di Cirene;[4] questi, quando diventò re d'Egitto, fece rientrare la Cirenaica sotto il dominio egizio ma dopo la sua morte fu dato come regno indipendente al suo figlio naturale, Tolomeo Apione, che regnò indipendentemente dal 102 al 96 a.C. Quando morì, Apione lasciò il suo regno alla repubblica romana, che lo racchiuse nella provincia di Creta e Cirene.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bunson 2014, pag. 91; Sacks, Murray 1995, pag. 73.
  2. ^ Bunson 2014, pag. 91; Sacks, Murray 1995, pag. 74.
  3. ^ Robinson 2011, pag. 130.
  4. ^ Bagnall 1976, pag. 27.
  5. ^ Bunson 2014, pag. 91.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roger S. Bagnall, The Administration of the Ptolomaic Possessions Outside Egypt: With 3 Maps, Brill Archive, 1976, ISBN 978-90-04-04490-6.
  • Margaret Bunson, Encyclopedia of Ancient Egypt, Infobase Publishing, 2014, ISBN 978-1-4381-0997-8.
  • Eric W. Robinson, Democracy Beyond Athens: Popular Government in the Greek Classical Age, Cambridge University Press, 2011, ISBN 978-0-521-84331-7.
  • David Sacks, Oswyn Murray, A Dictionary of the Ancient Greek World, Oxford University Press, 1995, ISBN 978-0-19-511206-1.