Tolomeo IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Tolomeo Filopatore" rimanda qui. Se stai cercando altri faraoni chiamati "Filopatore", vedi Tolomeo Filopatore (disambigua).
Tolomeo IV
(Tolomeo Filopatore)
PtolemyIV-StatueHead MuseumOfFineArtsBoston.png
Testa in marmo di Tolomeo IV (Museum of Fine Arts, Boston)
Signore d'Egitto
In carica 222204 a.C.
Predecessore Tolomeo III
Successore Tolomeo V
Nome completo Πτολεμαῖος Φιλοπάτωρ
Ptolemaĩos Philopátor
Nascita c. 244 a.C.
Morte 204 a.C.
Dinastia Tolemaica
Padre Tolomeo III
Madre Berenice II
Consorte Arsinoe III
Figli Tolomeo V

Tolomeo Filopatore[1] (in greco antico: Πτολεμαῖος Φιλοπάτωρ, Ptolemaĩos Philopátor; 244 a.C. circa – 204 a.C.), chiamato nella storiografia moderna Tolomeo IV, è stato un faraone egizio appartenente al periodo tolemaico, quarto sovrano della dinastia dal 222 a.C. alla sua morte.

Durante il suo regno acquisirono molta influenza due ministri, Agatocle e Sosibio, che condizionarono la vita pubblica e privata del sovrano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Moneta di Tolomeo IV

Figlio di Tolomeo III e di Berenice II, succedette al padre nel 222 a.C. e sotto il suo regno iniziò il lento declino dell'Egitto. Nel 217 a.C. sposò la sorella Arsinoe III e lasciò il governo dello stato nelle mani dei due ministri Agatocle e Sosibio.

Antioco III il Grande mosse una serie di attacchi in Celesiria, nel 221 e durante la quarta guerra siriaca, che, iniziata nel 219, ebbe termine nel 217 a.C. con la vittoria egiziana nella Battaglia di Rafia. Ciononostante l'Egitto conobbe un periodo di rivolte interne, che portarono alla costituzione, verso il 208 a.C., del regno indipendente della Tebaide, governato dall'usurpatore Haruennefer. Tolomeo Filopatore è conosciuto anche per aver costruito la τεσσαρακοντήρης (traslitterato in tessarakontèrēs) una nave con quaranta ordini di remi per ogni fiancata, la più grande galera mai costruita di cui sia giunta notizia.[2]

Morì probabilmente nel 204 a.C., lasciando il regno al figlio Tolomeo V Epifane, di 5 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accentato Filopàtore, secondo il greco (Φιλοπάτωρ, -ορος)
  2. ^ Carlos Solís Santos, Macchine, tecniche e meccanica, in «Storia Einaudi dei Greci e dei Romani», vol. 7, p. 708.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter A. Clayton, Chronicles of the Pharaohs: the reign-by-reign record of the rulers and dynasties of ancient Egypt, London, Thames & Hudson, 2006 ISBN 0-500-28628-0.
  • Werner Huß, Ägypten in hellenistischer Zeit 332-30 v. Chr., C. H. Beck, München, 2001 ISBN 3-406-47154-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
246222 a.C.
Tolomeo III
222205 a.C. 204180 a.C.
Tolomeo V
Controllo di autorità VIAF: (EN2154849 · LCCN: (ENno2003046116 · GND: (DE118641794 · CERL: cnp00397111