Filetero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il commediografo ateniese, vedi Filetero di Atene.
Filetero
Attalus I coin depicting Philetairos.jpg
Filetero su di un tetradracma di Attalo I
Re di Pergamo
In carica 281263 a.C.
Predecessore nessuno
Successore Eumene I
Nascita Tio, 343 a.C.
Morte Pergamo, 263 a.C.
Dinastia Attalide
Padre Attalo
Madre Boa
Figli Eumene I (adottivo)

Filetero (Tio, 343 a.C.Pergamo, 263 a.C.) è stato un sovrano paflagone, re di Pergamo dal 281 a.C. fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Tio, nella Paflagonia, fu tesoriere di Lisimaco, diadoco di Alessandro Magno e re della Tracia.

Nel 282 a.C. si impossessò della città di Pergamo, nella Troade (Asia Minore). Dopo aver tradito Lisimaco, alla sua morte a Corupedio (281 a.C.), passò dalla parte di Seleuco.

Quando anche questi morì (280 a.C.), Filetero rimase fedele al figlio di Seleuco, Antioco I ed ottenne dunque una notevole autonomia nell'amministrazione del territorio di Pergamo. Pur non trasformando la città in un regno autonomo, la gestì di fatto come un piccolo principato indipendente; è per questo considerato come il fondatore della dinastia degli Attalidi, futuri sovrani di Pergamo. Morì nel 263 a.C.

Fu venerato come divinità a Pergamo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., The Cambridge Ancient History, Cambridge University Press, 1984, ISBN 0-521-23445-X, p. 92.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Pergamo Successore
nessuno 282 - 263 a.C. Eumene I
Controllo di autorità VIAF: (EN54949446 · GND: (DE119046482 · CERL: cnp00545851