Antioco II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo sovrano del regno di Commagene, vedi Antioco II di Commagene.
Antioco II
(Antioco Teo)
AntiochusIIMET.jpg
Moneta raffigurante Antioco II (Metropolitan Museum of Art, New York)
Sovrano dell'impero seleucide
In carica 261246 a.C.
Predecessore Antioco I
Successore Seleuco II
Nome completo Αντίοχος Θεός, Antíochos Theós
Nascita 286 a.C.
Morte Efeso, agosto 246 a.C.
Luogo di sepoltura Mausoleo di Belevi, Selçuk
Dinastia Seleucide
Padre Antioco I
Madre Stratonice di Siria
Consorte Laodice I,
Berenice
Figli Da Laodice I: Seleuco II, Antioco Ierace, Stratonice di Cappadocia, Laodice, Apama
Da Berenice: Antioco

Antioco Teo (in greco antico: Αντίοχος Θεός, Antíochos Theós; 286 a.C.Efeso, agosto 246 a.C.[1]), chiamato nella storiografia moderna Antioco II, è stato un sovrano seleucide, figlio di Antioco I Sotere, che governò dal 261 a.C. fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Antioco I Sotere e di Stratonice, figlia del diadoco Demetrio I Poliorcete, succedette al padre nel 261 a.C., dopo essere stato coreggente dal 269 a.C.

Ereditò uno stato in guerra con l'Egitto, che venne combattuta principalmente lungo le coste dell'Asia Minore (la "Seconda guerra siriaca"). Antioco fece inoltre alcuni tentativi di sbarcare in Tracia.[2] Durante la guerra gli venne dato il titolo "Teo" che significa "Dio" in greco, dopo aver liberato i Milesi dal tiranno Timarco.

Nel 256 a.C. concesse l'indipendenza alla Cappadocia, che aveva come re Ariamne II.

In Battriana, il suo satrapo Diodoto si ribellò nel 250 a.C., fondando uno stato, che si sarebbe espanso in India, con un'interessante fusione delle culture greca e indiana. Poco dopo, nel 248 a.C., Arsace I guidò una rivolta in Partia, che privò Antioco anche di questi territori.

In quel periodo, Antioco fece pace con l'Egitto di Tolomeo II Filadelfo, ponendo fine alla seconda guerra siriaca, che aveva avuto esito positivo per il re seleucide poiché era entrato in possesso della Panfilia, della Cilicia e della Ionia. Per sigillare la pace ripudiò nel 250 a.C. la moglie Laodice I e sposò la figlia di Tolomeo, Berenice. Tuttavia, dopo la morte di Tolomeo, Antioco richiamò Laodice, che gli fece riconoscere come erede al trono il suo primogenito Seleuco II Callinico; Berenice e il figlioletto vennero uccisi dopo poco tempo.

Morì avvelenato da Laodice e gli succedette il figlio Seleuco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Branko F. van Oppen de Ruiter, Berenice II Euergetis: Essays in Early Hellenistic Queenship, Springer, 2016, ISBN 978-11-374-9462-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sovrano dell'Impero seleucide Successore
Antioco I 261246 a.C. Seleuco II
Controllo di autorità VIAF: (EN57675602 · GND: (DE128838442 · CERL: cnp00513507