Diodoto I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diodoto I
DiodotusGoldCoin.jpg
Moneta d'oro di Diodoto, 250 a.C. circa.
Basileos del Regno greco-battriano
In carica 255 a.C. circa – 239 a.C.
Predecessore nessuno
Successore Diodoto II
Morte 239 a.C.
Casa reale casata di Diodoto
Consorte Apamea di Siria
Figli Diodoto II

Diodoto I Sotere (in greco antico: Διόδοτος Α' ὁ Σωτήρ, Diόdotos I o Sotér; 285 a.C.239 a.C.) è stato un satrapo dell'Impero seleucide che governava la regione della Battria.

Dopo la morte di Antioco II si ribellò e fondò un regno ellenistico indipendente noto come regno greco-battriano.[1]

Diodoto era inoltre un contemporaneo, e forse alleato, di Andragora, il satrapo seleucide di Partia che all'incirca negli stessi anni si proclamò indipendente dall'Impero seleucide.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non si è certi della sua data di nascita (che si stima intorno al 285 a.C.) né del luogo di nascita.

Non si sa neanche quando sia diventato satrapo della Battria (una regione che nel ventunesimo secolo rientra nei confini di Pakistan e Afghanistan), tuttavia si è certi che dopo la morte di Antioco II e la sua dichiarazione di guerra all'Egitto Tolemaico, ha proclamato l'indipendenza dei suoi domini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Musti, The Date of the Secession of Parthia from the Seleucid Kingdom, in F. W. Walbank, A. E. Astin, M. W. Frederiksen e R. M. Ogilvie (a cura di), The Cambridge Ancient History: Volume 7, Part 1: The Hellenistic World, Cambridge, Cambridge University Press, 1986, pp. 220-221, ISBN 9781139054348.
  • Frank L. Holt, Thundering Zeus: The Making of Hellenistic Bactria, Berkeley, CA, University of California Press, 1999, ISBN 0520211405.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Trogo, Prol., 41; Giustino, xli.4.5, che lo chiama Theodotus; Strabone xi.515

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]