Domenico Musti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Musti (Sezze, 23 ottobre 1934Roma, 17 novembre 2010) è stato uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studente dell'Università di Pisa, fu allievo della Scuola normale. Conseguì la laurea in Lettere il 13 novembre 1956 sotto la guida di Giovanni Pugliese Carratelli, discutendo una tesi dal titolo Epistole di sovrani ellenistici.

Dopo aver ricoperto incarichi presso le università di Heidelberg, Urbino, Firenze e l'Istituto Orientale di Napoli, dal novembre 1981 è succeduto a Silvio Accame alla cattedra di Storia greca della Facoltà di Lettere e filosofia della Sapienza, restando in carica fino al 2009.

Formidabile studioso, ha lasciato dietro di sé una profonda traccia negli studi sul mondo antico, assieme a una bibliografia che conta oltre trecento contributi[1].

Opere (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • Polibio e l'imperialismo romano, Napoli 1978.
  • La storiografia greca. Guida storica e critica, (a c. di), Roma-Bari 1979.
  • L'economia in Grecia, Roma-Bari 1981.
  • Pausania, Guida della Grecia, I. L'Attica, (a c. di), Milano 1982.
  • Le origini dei Greci. Dori e mondo egeo, (a c. di), Roma-Bari 1985.
  • Pausania, Guida della Grecia, II. La Corinzia e l'Argolide, (a c. di), Milano 1986.
  • Storia greca. Linee di sviluppo dall'età micenea all'età romana, Roma-Bari 1989.
  • Pausania, Guida della Grecia, III. La Laconia, (a c. di), Milano 1991.
  • Pausania, Guida della Grecia, IV. La Messenia, (a c. di), Milano, 1991.
  • Demokratìa. Origini di un'idea, Roma-Bari 1995.
  • Il simposio nel suo sviluppo storico, Roma-Bari 2001.
  • Introduzione alla storia greca dalle origini all'età romana, Roma-Bari 2003.
  • Magna Grecia. Il quadro storico, Roma-Bari 2005.
  • Lo scudo di Achille. Idee e forme di città nel mondo antico, Roma-Bari 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Tufano, Luca Macale, Bibliografia di Domenico Musti (1934-2010), in Atti dei Convegni Lincei, Fare storia antica. In ricordo di Domenico Musti, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN266876918 · LCCN: (ENn78096115 · SBN: IT\ICCU\CFIV\036958 · ISNI: (EN0000 0001 2277 3512 · GND: (DE143549278 · BNF: (FRcb12056394x (data) · BAV: ADV10005349