Marco Giuniano Giustino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Storie filippiche" e "Historiae Philippicae" rimandano qui. Se stai cercando l'omonima opera di Teopompo, vedi Storie filippiche (Teopompo)
Epitome historiarum Trogi Pompeii

Marco Giuniano Giustino (in latino: Marcus Iunianius (o Iunianus) Iustinus; fl. II secolo; ... – ...) è stato uno storico romano dell'epoca degli Antonini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La datazione proposta per Giustino sarebbe da porre tra II e III secolo d.C.[1]. Secondo la lettera premessa all'unica opera di lui pervenuta, in un periodo di riposo, durante il quale si trovava a Roma, si dedicò ad estrapolare dall'opera di Pompeo Trogo ciò che riteneva degno di nota ed utile alla lettura ed all'educazione morale, proprio per formare "una specie di piccolo mazzo di fiori, perché i conoscitori di greco ne avessero un mezzo d'essere istruiti"[2].
Dopo averla composta, la inviò ad un amico per fargliela correggere e per rendere conto del suo otium (dal che si deduce che fosse impegnato in politica). Inoltre, ulteriore spia dell'impegno di Giustino a livello politico o, quantomeno, come insegnante di retorica è il fatto che egli usi un numero sostanziale di espressioni tecniche del diritto, attestate anche nel Digesto e nelle declamationes di Quintiliano[3].

L'Epitome da Trogo[modifica | modifica wikitesto]

Di Giustino ci restano gli Historiarum Philippicarum T. Pompeii Trogi libri XLIV in epitomen redacti, ossia il riassunto - non sappiamo quanto rispondente all'originale in percentuale di testo conservato - dell'opera dello storico narbonese d'età augustea. In effetti, Giustino resta fedele al proposito espresso nella Praefatio di estrapolare quanto non risultasse utile: eliminati i discorsi diretti, tipici della storiografia e le digressioni troppo ampie, l'epitome di Giustino conserva lo scheletro della narrazione.
L'opera, più interessante per la parte aneddotica che per quella storica[4], spesso disordinata ed erronea, ebbe larghissima diffusione nella tarda romanità. Essa risulta un ottimo esempio di epitome anche a livello stilistico, perché "nella forma e nella sostanza vi è la diseguaglianza propria di chi a volte si tiene vicino alla fonte, a volte se ne allontana così da compendiare intere pagine in brevi parole"[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ronald Syme, The date of Justin and the discovery of Trogus, in "Historia", n. 37 (1988), pp. 358-371.
  2. ^ Giustino, Epitome, "Praefatio", 4.
  3. ^ J. Yardley, Justin and Pompeius Trogus: A Study of the Language of Justin's Epitome of Trogus, Toronto 2003, pp. 115 ss.
  4. ^ Giustino, Marco Giuniano, in «Dizionario di storia», Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani, Roma 2010.
  5. ^ Luigi Castiglioni, Giuniano Giustino, in Enciclopedia Italiana, Roma 1933.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Storie filippiche, traduzione di Francesco Arnulf, Venezia, Antonelli Editore, 1856.
  • Storie filippiche. Epitome da Pompeo Trogo, a cura di L. Santi Amantini, Milano, Rusconi, 1981.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Castiglioni, Studi intorno alle "Storie Filippiche" di Giustino, Collana Studia Historica, Napoli, Rondinelli, 1925.
  • Leonardo Ferrero, Struttura e metodo dell'Epitome di Giustino, Torino, Università di Torino, 1957.
  • (EN) J. Yardley, Justin and Pompeius Trogus: A Study of the Language of Justin's Epitome of Trogus, Toronto, 2003.
  • Cinzia Bearzot, Franca Landucci (a cura di), Studi sull'Epitome di Giustino. I. Dagli Assiri a Filippo II di Macedonia, Collana Storia/Ricerche/Contributi storia antica, Milano, Vita e Pensiero, 2015, ISBN 978-88-343-2880-4.
  • Cinzia Bearzot, Franca Landucci (a cura di), Studi sull'Epitome di Giustino. II. Da Alessandro Magno a Filippo V di Macedonia, Collana Ricerche/Storia/Contributi di Storia antica, Milano, Vita e Pensiero, 2016, ISBN 978-88-343-3107-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN24616821 · ISNI: (EN0000 0001 2124 4766 · LCCN: (ENn82043687 · GND: (DE11871435X · BNF: (FRcb120317576 (data) · NLA: (EN35945453 · BAV: ADV10254809 · CERL: cnp00398704