Quinto Asconio Pediano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Quinto Asconio Pediano (in latino: Quintus Asconius Pedianus; Padova, forse 9 a.C.[1]76) è stato uno storico e grammatico romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Grammatico e allievo, formella di Luca della Robbia

Asconio Pediano, molto probabilmente originario di Patavium (Padova), era, quindi, concittadino di Livio, al quale si riferisce come "mio amico"[2] e di cui aveva criticato la dizione[3]. Secondo la voce nella cronaca di Girolamo riguardo al 76 d.C., Asconio, "distinto scrittore storico", divenne cieco all'età di settantatré anni e visse per altri dodici anni come una figura universalmente rispettata[4]. Nacque quindi nel 9 a.C., visse per ottantacinque anni fino al 76 d.C. ma divenne cieco nel 64 d.C.

Fu amico di Asinio Gallo, figlio di Asinio Pollione, che gli confermò, tra le altre cose, come il puer della IV Bucolica di Virgilio fosse proprio lui[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Come detto, Asconio fu essenzialmente un gramaticus, erudito commentatore di quelli che ormai erano i classici della scuola del tempo.

Perdute sono opere che fanno riferimento alla sua attività di commentatore: un trattato Contra obtrectatores Vergilii (Contro i detrattori di Virgilio), a cui attinsero molto Donato[6] e Servio Mario Onorato[7]; una Vita Sallustii (biografia di Sallustio, in cui accoglieva le dicerie più infamanti sullo storico amiternino[8]) e un trattato a imitazione del Simposio platonico, di cui informa il lessico Suda[9].

Della sua attività restano i commenti a cinque orazioni di Cicerone, redatti in una lingua particolarmente semplice e pura. Questi commentarii vanno sotto il nome di Orationum Ciceronis quinque enarratio e trattano, per la porzione restante, il commento alla Contra L. Pisonem, alla Pro M. Scauro, alla Pro Milone, alla Pro Cornelio de maiestate ed alla perduta In toga candida. Quest'ultima è un'orazione di Cicerone pronunciata contro Ibrida e Catilina di cui restano pochi frammenti proprio grazie allo studioso padovano. Il testo di Asconio fu trovato da Poggio Bracciolini in un codice, poi perduto, dell'Abbazia di San Gallo. Ne esistono tre copie: il Madrileno X del Bracciolini, il Pistoiese Forteguerri 37 di Sozomeno da Pistoia e il Laurenziano 54 da un apografo di Bartolomeo da Montepulciano.

Risulta, comunque, che avesse commentato le altre orazioni di Cicerone[10], anche se i frammenti di commenti a 17 orazioni di Cicerone pubblicati e a lui attribuiti dal Mai non gli appartengono, così come non sono suoi, ma di un anonimo del V secolo, i commenti alle Verrine.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quinto Asconio Pediano, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. Modifica su Wikidata
  2. ^ Commentarium, 77C.
  3. ^ Quintiliano I 7, 24.
  4. ^ Cronaca, 2092-76: « Q. Asconius Pedianus scriptor historicus clarus habetur, qui LXXIII aetatis suae anno captus luminibus, XII postea annis in summo honore consenescit ».
  5. ^ E. Paratore, La letteratura latina dell'età imperiale, Firenze, Sansoni, 1969, p. 236.
  6. ^ Vita Vergilii, cap. 57.
  7. ^ Macrobio, Saturnalia, V 3, 16.
  8. ^ E. Paratore, La letteratura latina dell'età imperiale, Firenze, Sansoni, 1969, p. 237, che cita come fonte della notizia il commentario oraziano dello Pseudo-Acrone.
  9. ^ α 3213.
  10. ^ E. Paratore, La letteratura latina dell'età imperiale, Firenze, Sansoni, 1969, p. 236.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Giarratano, I codici fiorentini di Asconio Pediano, Firenze, G. Bencini, 1906.
  • Asconius, Commentaries on Speeches of Cicero, Translated with Commentary by R. G. Lewis, Oxford, Clarendon Press, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85065079 · ISNI (EN0000 0001 0920 9722 · SBN IT\ICCU\SBLV\060385 · LCCN (ENn82231398 · GND (DE119483882 · BNF (FRcb12030281f (data) · BNE (ESXX839153 (data) · NLA (EN35850626 · BAV (EN495/16378 · CERL cnp01322230 · WorldCat Identities (ENlccn-n82231398