Marco Valerio Probo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Valerio Probo (Berito, 20105) è stato un filologo romano del I secolo.

Curò edizioni critiche di Lucrezio, Virgilio, Orazio, Terenzio e Persio e, in genere, fu attento soprattutto allo studio della letteratura latina arcaica, che riportò in auge contro le tendenze moderniste di Remmio Palemone.[1]

La sua autorità fu tenuta in gran conto e per questo gli furono attribuite numerose opere non sue (pubblicò anzi poco): tra queste una biografia di Virgilio (poi individuata come medievale). Discusse sono invece le attribuzioni a Probo di una vita di Persio, di un commento alle Bucoliche e alle Georgiche di Virgilio, mentre sicuramente apocrifa è l'Appendix Probi[1][2], appendice ad un'opera chiamata Instituta artium di un omonimo grammatico[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda su treccani.it.
  2. ^ Sabrina Torno, Letteratura latina, Alpha Test, 2001, p. 118.
  3. ^ Claudio Marazzini, Breve storia della lingua italiana, ed. il Mulino, 2004, Bologna, ISBN 88-15-09438-5, p. 41.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie