Marziano Capella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Retorica, illustrazione del De Nuptiis Philologiae et Mercurii, Biblioteca Apostolica Vaticana ms. Urb. lat. 329 f 64v (seconda metà del XV secolo)

Marziano Minneio Felice Capella (lat. Martianus Mineus Felix Capella; Madaura, IV secoloV secolo) è stato uno scrittore di lingua latina, noto per il suo trattato didattico De nuptiis Philologiae et Mercurii che ebbe grande fortuna nel Medioevo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Madaura (secondo quanto riferisce Cassiodoro), esercitò l'avvocatura a Cartagine, divenne scrittore in età avanzata[1].

De nuptiis Mercurii et Philologiae[modifica | modifica wikitesto]

Ci è noto per il trattato didattico indirizzato a suo figlio, Le nozze di Filologia con Mercurio, scritto in forma di prosimetro, ossia un misto di prosa e versi di vari metri. L'opera è peculiare per il suo impianto allegorico, con l'ascesa al cielo di Filologia accompagnata dalle arti liberali per sposare Mercurio, ovvero l'Eloquenza.

I nove libri dell'opera sono così intitolati:

Liber I: De nuptiis Philologiae et Mercurii
Liber II: De nuptiis Philologiae et Mercurii
Liber III: De arte grammatica
Liber IV: De arte dialectica
Liber V: De rhetorica
Liber VI: De geometria
Liber VII: De arithmetica
Liber VIII: De astronomia
Liber IX: De harmonia
Le arti liberali sono ridotte dall'Autore da nove a sette, poiché, dopo le dotte esposizioni delle arti del Trivio - Grammatica, Dialettica, Retorica - e del Quadrivio - Aritmetica, Geometria, Astronomia e Musica - alle ultime due, Medicina e Architettura, non viene permesso di parlare alla festa nuziale, che si è prolungata troppo.

L'autore utilizza varie fonti nella compilazione della sua opera, fra cui Varrone Reatino e Apuleio. Il suo non è certo un latino molto raffinato: la prosodia talvolta lascia a desiderare e molte metafore appesantiscono la narrazione.

In età medievale e rinascimentale vennero effettuate aggiunte e rettifiche di ogni tipo al testo originario. Essa risulta, in effetti, una specie di enciclopedia dell'erudizione classica diffusissima nel Medioevo cristiano.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il cratere Capella, sulla Luna, è stato battezzato in suo onore.

Edizioni e traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Martiani Minei Felicis Capellae Afri Carthaginiensis, De Nuptiis Philologiae et Mercurii et de septem artibus liberalibus Libri novem, edidit Ulricus Fridericus Kopp. Francofurti ad Moeunum: apud F. Varrentrapp, 1836.
  • (LA) Martianus Capella, accedunt scholia in Caesaris Germanici Aratea, Franciscus Eyssehardt (a cura di), Lipsiae in aedibus B. G. Teubneri, 1866.
  • (LA) De Nuptiis Philologiae et Mercurii, ed. Adolfus Dick, 2. ed. 1925, 3. ed. Stuttgart 1978
  • (LA) Martianus Capella, ed. J. Willis, Leipzig 1983.
  • Le nozze di Filologia e Mercurio. Introd., trad., comment. e appendici di Ilaria Ramelli, Milano, Bompiani 2001.
  • (EN) Martianus Capella and the Seven Liberal Arts, edd. W.H. Stahl, R. Johnson, E.L. Burge, vol. 2: The Marriage of Philology and Mercury, New York-London, Columbia University Press, 1977.
  • (DE) Martianus Capella. Die Hochzeit der Philologia mit Merkur, ed. Hans Günter Zekl, Würzburg 2005.
  • (FR) Martianus Capella. Les noces de Philologie et de Mercure. Livre I, ed. critica e traduzione di Jean-Frédéric Chevalier, Parigi, Les Belles Lettres, 2014.
  • (FR) Martianus Capella. Les noces de Philologie et de Mercure. Livre IV: la dialectique, ed. critica e traduzione di M. Ferré, Parigi, Les Belles Lettres, 2007.
  • (FR) Martianus Capella. Les noces de Philologie et de Mercure. Livre VI: la géométrie, ed. critica e traduzione di M. Ferré, Parigi, Les Belles Lettres, 2007.
  • (FR) Martianus Capella. Les noces de Philologie et de Mercure. Livre VII: l'arithmétique, ed. critica e traduzione di J.-Y. Guillaumin, Parigi, Les Belles Lettres, 2003.
  • (IT) Martiani Capellae De nuptiis Philologiae et Mercurii liber IX, introd. trad. e comm. di L. Cristante, Padova, Antenore 1987.
  • (IT) Le nozze di Filologia e Mercurio, a cura di Ilaria Ramelli, Milano, Bompiani, 2001.
  • (IT) Tutti i commenti a Marziano Capella. Testo latino a fronte, a cura di Ilaria Ramelli, Milano, Bompiani, 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William H. Stahl, To a Better Understanding of Martianus Capella, in "Speculum", 40.1 (1965), pp. 102-115.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Muriel Bovey: Disciplinae cyclicae: L'organisation du savoir dans l'œuvre de Martianus Capella, Trieste, Edizioni Università di Trieste, 2003.
  • Brigitte Englisch: Die Artes liberales im frühen Mittelalter (5.-9. Jahrhundert). Das Quadrivium und der Komputus als Indikatoren für Kontinuität und Erneuerung der exakten Wissenschaften zwischen Antike und Mittelalter, Stuttgart 1994 ISBN 978-3-515-06431-6.
  • Sonja Glauch: Die Martianus-Capella-Bearbeitung Notkers des Deutschen, Tübingen 2000 (Münchener Texte und Untersuchungen 116/117) (Max-Weber-Preis der BADW 1999)
  • Sabine Grebe: Martianus Capella, De Nuptiis Philologiae et Mercurii. Darstellung der Sieben Freien Künste und ihrer Beziehungen zueinander, Stuttgart-Leipzig 1999.
  • Fanny Lemoine, Martianus Capella: a literary re-evaluation, Munchen 1972
  • Claudio Leonardi, I Codici di Marziano Capella, Milano 1960.
  • R. Schievenin, Nugis ignosce lectitans. Studi su Marziano Capella, Trieste 2009.
  • D. Shanzer, A Philological and Philosophical Commentary on Martianus Capella's De Nuptiis Philologiae et Mercurii Book I, Berkeley-Los Angeles, University of California Publications, 1986.
  • William Harris Stahl, Richard Johnson and E. L. Burge, Martianus Capella and the Seven Liberal Arts, Vol. 1: The Quadrivium of Martianus Capella: Latin Traditions in the Mathematical Sciences 50 B.C.-A.D. 1250 (Columbia University Press: Records of Civilization: Sources and Studies, 84), New York 1971.
  • Mariken Teeuwen: Harmony and the Music of the Spheres. The Ars Musica in Ninth-Century Commentaries on Martianus Capella, Leiden 2002. ISBN 90-04-12525-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN95152094 · LCCN: (ENn80083555 · ISNI: (EN0000 0001 1578 6315 · GND: (DE118578278 · BNF: (FRcb120256074 (data) · CERL: cnp01237016