Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Lucio Orbilio Pupillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forse[2] la statua in alto a destra sulla facciata del duomo di Benevento potrebbe aver raffigurato Orbilio.

Lucio[1] Orbilio Pupillo (Benevento, 113 a.C.Roma, 13 a.C.) è stato un grammatico e didatta romano, universalmente noto come Orbilio: Orbilius Pupillus (traducibile con "orfanello minorenne") non è nomen gentilizio ma un doppio cognomen indicante condizione familiare.

Grazie soprattutto al brevissimo ritratto che ne ha lasciato Quinto Orazio Flacco, è stato consacrato dalla tradizione successiva come archetipo del maestro pignolo, retrivo e irascibile.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Svetonio è la principale fonte d'informazioni su Orbilio, maestro di Orazio e di Domizio Marso [3] uno dei clari professores di cui ci dà la biografia l'autore nel suo De grammaticis [4] dove, come sua abitudine, indulge in particolari curiosi e scandalistici, ma li accompagna con citazioni di fonti esterne creando un ritratto coerente e caratteristico del personaggio.

Nato a Benevento, Orbilio fin da ragazzo affrontò studi regolari con grande impegno. In giovinezza subì un grave trauma: nello stesso giorno perirono infatti di morte violenta entrambi i genitori. Era infatti il periodo del sanguinoso scontro politico tra Mario e Silla e della guerra sociale, che provocò migliaia di morti in tutta la Magna Grecia orientale.

Egli dovette dunque ingegnarsi come apparitor, cioè passacarte e fattorino amministrativo. Prestò successivamente servizio militare prima come ausiliario e poi come cavaliere in Macedonia. Terminata la leva militare riprese e completò gli studi.

Dopo aver a lungo insegnato nella sua terra natale, a cinquant'anni si trasferì a Roma nell'anno del consolato di Cicerone (63 a.C.) e lì insegnò con maggior fama che guadagno: infatti, vecchissimo, ammette in un suo scritto di vivere in povertà e di abitare in un sottotetto[5].

L'avanzare dell'età inasprì il suo carattere [6]; fu duro non solo contro i rivali letterari e uomini noti, che avversava in qualunque occasione anche in pubblico con parole sguaiate [7] , ma anche contro i suoi studenti, come riferisce Domizio che lo chiama "maneggiatore di sferza" [8] e come lascia intendere Orazio che, avendolo avuto come insegnante sessantenne, gli affibbiò il soprannome di plagosus ("che causa ferite/piaghe", quindi "manesco") [9]:

(LA)

« Non equidem insector delendave carmina Livi
esse reor, memini quae plagosum mihi parvo
Orbilium dictare; sed emendata videri
pulchraque et exactis minimum distantia miror. »

(IT)

« E comunque non depreco e non voglio distrutti
i poemi di Livio che — ricordo — a me da ragazzo
Orbilio dettava a suon di botte, ma mi meraviglio
che siano creduti puri, leggiadri, praticamente perfetti »

(Epistulae II, 1, 68-71)

Tale attitudine non fu riservata solo alla didattica, ma fu usata anche contro personaggi politici, ai quali Orbilio non risparmiava allusioni sarcastiche: lo assicura Svetonio riferendo un aneddoto[10] e riportando un verso del poeta Domizio Marso:

(LA)

« Si quos Orbilius ferula scuticaque cecidit »

(IT)

« Se Orbilio ha fatto a pezzi uno a bacchettate o staffilate... »

Morì quasi centenario, dopo aver perso la memoria, come ironizza Furio Bibaculo nel suo epigramma:

(LA)

« Orbilius ubinam est litterarum oblivio? »

(IT)

« Dov'è mai Orbilio, che non ricorda più la letteratura? »

Gli fu dedicata una statua a Benevento, dove appariva seduto, vestito di pallio e con ai lati due scrigni. Anche una strada è dedicata a lui nella sua città natale. Lasciò un figlio con il suo stesso nome, anch'egli grammatico e insegnante.

Fu suo servo Scribonio di Afrodisia, il quale, affrancato da Scribonia (la prima moglie di Ottaviano Augusto), divenne suo discepolo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Un magister romano con tre allievi. Bassorilievo rinvenuto a Neumagen-Dhron, presso Treviri.

Di Orbilio non ci è rimasto praticamente nulla. Svetonio però riferisce la pubblicazione di uno scritto, intitolato Perialogos, a base di "lamentele per le offese che gli insegnanti ricevono a causa della negligenza o l'ambizione del genitori"[11]. Dato però che il titolo di tale libro, così come è riportato dai manoscritti di Svetonio, è parola insensata sia in latino sia in greco, in presenza di una inequivocabile corruzione nella trasmissione del testo si sono formulate diverse ipotesi di emendazione per risalire alla sua corretta lettura: tra esse, oltre a Περὶ ἄλγεος (Perì álgheos, in greco Il dolore)[12], si citano Περιαλγής (Perialghès[13]), Paedagogus[14], o ancora Περιαυτόλογος (Periautólogos[15]).

Frammenti[modifica | modifica wikitesto]

Della sua opera ci sono giunti per tradizione indiretta solo tre frammenti che attestano l'interesse di Orbilio per le sinonimie:

Il primo è citato da Svetonio stesso:

(LA)

« Sunt qui litteratum a litteratore distinguant, ut Graeci grammaticum a grammatista, et illum quidem absolute, hunc mediocriter doctum existiment. Quorum opinionem Orbilius etiam exemplis confirmat: namque apud maiores ait cum familia alicuius venalis produceretur, non temere quem litteratum in titulo sed litteratorem inscribi solitum esse, quasi non perfectum litteris sed imbutum. »

(IT)

« Ci sono quelli che distinguono letterato da istruito, come i Greci il grammatico dal grammatista, e l'uno lo definiscono assolutamente colto, l'altro mediocremente. Orbilio ne conferma l'opinione anche con esempi: e infatti afferma che i nostri avi, quando vendevano all'asta gli schiavi di qualcuno erano senz'altro soliti scrivere sul cartello non già letterato ma istruito, quasi per dire che lo schiavo non era un perfetto conoscitore della letteratura ma soltanto uno che sapeva leggere e scrivere. »

(De Grammaticis, IX)

Il secondo frammento è citato da Isidoro di Siviglia, in riferimento a un frammento di Afranio:

(LA)

« Inter criminatorem et criminantem hoc interesse auctor Orbilius putat, quod criminator sit qui alteri crimen inferat et id saepius faciat, criminans autem qui crimen inferat et cum suspicione quoque id faciat, qua re quis magis noxius videatur. »

(IT)

« Tra accusatore e incriminatore l'autorevole Orbilio sostiene che ci sia questa differenza: il criminator è uno che intenta un'accusa contro qualcuno e lo fa fin troppo spesso, il criminans invece chi intenta un'accusa e lo fa anche con un indizio, per cui risulta più pericoloso. »

(Differentiae verborum, 86)

Il terzo è citato da Prisciano, nella sezione sulle forme verbali, dove vengono citati alcuni casi in cui verbi normalmente deponenti (cioè di forma passiva ma di diatesi attiva) sono usati passivamente. A questi esempi sono accostati verbi di uguale comportamento in greco, a testimonianza dell'estrema sopravvivenza della diatesi mediopassiva anche in latino.

(LA)

« Orbilius: quae vix ab hominibus consequi possunt, ἀνύεσθαι. »

(IT)

« (Da) Orbilio: che a malapena possano essere conseguiti dagli uomini, ἀνύεσθαι (pron. anýesthai). »

(Institutiones, VIII 16 in Heinrich Keil, Grammatici Latini vol. II, Lipsia, Teubner 1855)

Riferimenti nella letteratura moderna[modifica | modifica wikitesto]

Finite nell'oblio le sue opere, la fortuna della figura di Orbilio fu per secoli legata a quella del più noto alunno, Quinto Orazio Flacco, che ne consegnò ai posteri quel brevissimo ritratto di istitutore puntiglioso, retrivo e violento. Da questa sua reputazione furono tratti diversi quadretti letterari:

Pieter van Braam[modifica | modifica wikitesto]

Il poeta olandese Pieter van Braam incluse nella sua raccolta di Carmina, munus amicis (1809) una poesia intitolata Orbilius Antibarbarus:

(NL)

« De schrandre Orbilius, de Valla van zijn' tijd,
Die al zijn geestvermogens wijdt
Aan 't oordeelkundig onderzoeken
Van oude en nieuwe spelleboeken.

Hij, die de doling van een komma fiks betrapt,
En, wijl de letters 't woord en woorden zaken maken,
Eerst om de letters denkt, en eindlijk om de zaken;
Hij, wien geen streep, geen stip ontsnapt,

Die held, die door zijn edelmoedig pogen,
De taal dus keurig schift en zift,
Sloeg onderdaags de scherpziende oogen
Toevallig op een luifelschrift:

Wat ziet hij? ... hij staat stil, verbleekt, en zegt: ô Narren!
Waar zal 't in 't eind nog heen? ... ô wee!
Zoo durft men thans uw schoone taal verwarren,
Rampzalig vaderland! ... Ach! Koffie met een C! »

(IT)

« Il bravo Orbilio, il Valla del suo tempo,
che dedica tutta l'energia della sua mente
a investigare con appropriato giudizio
vecchi e nuovi libri di sillabazione

lui che scopre severamente una virgola fuori posto,
e, mentre le lettere indicano la parola e le parole oggetti,
pensa prima alle lettere e dopo al loro senso;
lui a cui non sfuggono punti o linee,

quell'eroe, grazie ai suoi nobili tentativi
così elegantemente soppesa la lingua.
La sua vista acuta recentemente è caduta
per caso su un'insegna pubblicitaria:

Cosa vede? Si ferma, impallidisce e dice: "O folli!
Dove andremo a finire? Ahimè!!
a tal punto adesso osate confondere la nostra bella lingua,
O rovinata madrepatria… Oh! Caffè con la K! »

(Da Pieter Gerardus Witsen Geysbeek, Biographisch anthologisch en critisch woordenboek der Nederduitsche dichters, vol. 1 pp. 386-387[16])

Arthur Rimbaud[modifica | modifica wikitesto]

Arthur Rimbaud

Il poeta francese Arthur Rimbaud, esempio di genio precoce, a quattordici anni appena compiuti era già abile versificatore in latino. Studente esterno al collegio di Charleville, il 6 novembre 1868 propose il suo primo saggio di poesia, Ver erat. Esso inizia descrivendo il poeta Orazio, a sua volta giovane studente, mentre approfitta di un'assenza forzata del maestro per effettuare una scampagnata:

(LA)

« Ver erat, et morbo Romae languebat inerti
Orbilius: diri tacuerunt tela magistri
Plagarumque sonus non jam veniebat ad aures,
Nec ferula assiduo cruciabat membra dolore... »

(IT)

« Era primavera, e a Roma languiva per morbo infermo
Orbilio: tacquero gli strali del crudele maestro
Non più giungeva alle orecchie il suon delle percosse
Né la sferza tormentava le membra con diuturno dolore... »

(A. Rimbaud, Vers de Collège, a cura di Jules Mouquet, Paris, Mercure de France, 1932.)

Involontaria o intenzionale, l'identificazione dell'autore con il protagonista crea nello sviluppo successivo di questo poemetto un'impressionante profezia del futuro poeta simbolista e ribelle a ogni coercizione: Orazio si addormenta presso la riva di un fiume e in sogno viene incoronato d'alloro da uno stormo di colombe; gli appare poi Apollo in persona che gli scrive sul capo TV VATES ERIS ("Tu sarai un veggente"). Le colombe si riveleranno infine essere le nove Muse.

Giovanni Pascoli

Giovanni Pascoli[modifica | modifica wikitesto]

Il poeta italiano Giovanni Pascoli nel suo carmen latino Sosii fratres bibliopolae ("Fratelli Sosii Editori"), scritto nel 1899 e vincitore del Certamen poeticum Hoeufftianum di Amsterdam nel 1900, rievocò Orbilio assieme a Valerio Catone, nello scenario di una famosa casa editrice romana del I secolo a.C., mentre brontolano contro le nuove mode letterarie che stanno decretando il successo della poesia virgiliana e se ne vanno, uno da una parte, l'altro dall'altra, scuotendo la testa[17].

Goffredo Coppola[modifica | modifica wikitesto]

Goffredo Coppola

Un giudizio fuori dal coro è quello del conterraneo Goffredo Coppola (1898–1945) che s'immedesima nelle infelici condizioni economiche del maestro: un poveruomo che tirava a campare con «poche, asciutte ed aspre lezioni di grammatica» [18], costretto a vivere la sua vecchiaia, come afferma in uno scritto biografico, in una scomoda soffitta. Una povertà [19] che l'accompagnò per tutta la vita travagliata anche dalle noiose lamentele delle famiglie degli alunni [20]. L'aneddotica su Orbilio, nota Coppola, ha trascurato il fatto che, come egli stesso ricorda, il futuro grammatico ebbe un'infanzia tristissima e misera e che tuttavia si acquistò onori come soldato e che riuscì a darsi una approfondita, anche se in età ormai avanzata, conoscenza nelle lettere tanto da potersi trasferire da Benevento a Roma per insegnare ai figli di famiglie importanti [21] sino a quando morì quasi centenario. I suoi concittadini beneventani furono così orgogliosi di lui che dopo la sua morte gli eressero una statua di marmo che lo rappresentava «come un dotto che rivestito di mantello greco siede dinanzi a due scrigni pieni zeppi di libri» [22]. La malcelata simpatia di Coppola per il maestro Orbilio arriva al punto di fargli pensare che forse «l'aggettivo plagosus», un aggettivo riferito soltanto a lui, «con il quale Orazio ha raccomandato ai posteri la memoria di Orbilio sia un omaggio finemente allusivo alla virtù sua di perspicace interprete di vocaboli» [23].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il praenomen Lucio è testimoniato dal solo Svetonio.
  2. ^ Secondo quanto riferisce Goffredo Coppola,

    « Posso dire con certezza che ancora oggi in Benevento, delle antiche statue allineate sulla facciata del Duomo, una ve ne mostrano che dicono fosse già quella di Orbilio: ma i più non sanno chi fosse Orbilio, e lo credono un santo, o almeno un uomo di chiesa... »

    (Il Gobbo al sole in Il Popolo d'Italia, 5 luglio 1939, p. 3.)
  3. ^ «se quelli che Orbilio con la sferza e la verga colpì.» (in AA. VV., La Scuola e l'Università tra passato e presente: Volume in onore del Prof. Giorgio Chiosso, FrancoAngeli 2017, p.37, nota 1)
  4. ^ Svetonio, De grammaticis et rhetoribus, cap.IX
  5. ^ Nel testo di Svetonio Namque iam persenex pauperem se et habitare sub tegulis quodam scripto fatetur. (De Grammaticis, IX).
  6. ^ «E poiché l'umile mestiere di docente era riservato ai cittadini collocati nei livelli più bassi della scala sociale o ai liberti e agli schiavi, si sentiva umiliato e con percosse sfogava sugli alunni la sua frustrazione dovuta pure al fallimento della pubblicazione di un'opera biografica mediocre.» (in Pasquale Frisone, Vita nell'antica Roma Repubblicana, Elison Publishing, 2017)
  7. ^ Gino Funaioli, Enciclopedia Italiana, Treccani, 1935 alla voce "Orbilio, Pupillo, L."
  8. ^ G.Funaioli, Op.cit. ibidem
  9. ^ «...a Orbilio interessava che Orazio apprendesse il corretto uso della lingua latina; se per raggiungere questo obiettivo era necessario picchiare il giovinetto, ebbene lo picchiava senza tanti scrupoli, e anzi con la più profonda convinzione di agire "per il suo bene" [...] si trattava di una convinzione molto diffusa tra gli educatori, [...] agli occhi di chi lo praticava quel metodo garantiva [...] una buona conoscenza della grammatica [...] [e] un salutare rispetto per la figura del magister, nonchè per estensione dell'autorità in quanto tale. I maestri non avevano uno status sociale di rilievo, come tutti coloro che dovevano lavorare per vivere: ormai nella Roma repubblicana era decaduto il valore del lavoro, uno dei presidi fondamentali dell'età arcaica» (in Saverio Santamaita, Storia dell'educazione: e delle pedagogie, Bruno Mondadori, 2014)
  10. ^ Si tratta di una frecciata che Orbilio indirizzò nel corso di un processo in cui era stato chiamato a testimoniare contro un ottimate: l'avvocato della difesa, non conoscendolo, gli chiese che professione praticasse, ed egli risposte che era solito "spostare i gobbi dal sole all'ombra" riferendosi all'imputato che era gobbo. L'oscurità della battuta è testimoniata dal fatto che il medesimo aneddoto è riferito anche da Macrobio (Saturnalia, II, 6) ma con nomi e parole differenti.
  11. ^ Nel testo di Svetonio continentem querelas de iniuriis quas professores neglegentia aut ambitione parentum acciperent (De grammaticis, IX).
  12. ^ G. Brugnoli, 1960.
  13. ^ Funaioli, 1907 sulla scorta di Jean Toup, Emendationes in Suidam et Hesychium: et alios lexicographos graecos, vol. III, Oxford 1790, p. 154.
  14. ^ (LA) Frans van Oudendorp, G. Suetonii de illustribus grammaticis liber, Leiden, 1751, pp. 954-55. URL consultato il 29 gennaio 2012..
  15. ^ Johann August Ernesti, Suetonius, Lipsia 1748.
  16. ^ reperibile su books.google.com. Pieter Gerardus Witsen Geysbeek a sua volta estrae la poesia da Ewald Kist, Lofrede op Pieter van Braam, Dordrecht 1818, p. 94.
  17. ^ In Giovanni Pascoli, Poesie latine, a cura di Manara Valgimigli, Milano, Mondadori 19664, vv. 73-111.
  18. ^ Goffredo Coppola, Scritti papirologici e filologici: con una bibliografia di Goffredo Coppola pubblicista, Edizioni Dedalo, 2006 pp.117-118
  19. ^ La professione di maestro di scuola era scarsamente considerata e poco retribuita. Il compenso consisteva nella modesta cifra di otto assi per alunno e in piccoli saltuari donativi da parte delle famiglie degli scolari. Questa misera condizione fu prevalente per tutta l'età repubblicana e cambiò solamente in epoca imperiale quando Vespasiano riconobbe l'importante ruolo degli educatori stabilendo uno stipendio annuo di 100.000 sesterzi tratti dalla "cassa imperiale privata" (fiscus) (in Pasquale Frisone, Vita nell'antica Roma Repubblicana, Elison Publishing, 2017)
  20. ^ Svetonio, De grammaticis, IX
  21. ^ Communio, numero 146, marzo-aprile 1996, Jaca book, p.56
  22. ^ Svetonio, Op.cit. ibidem
  23. ^ Goffredo Coppola, Op.cit, p.120

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76207567 · LCCN (ENnr95027998 · GND (DE102401128 · CERL cnp00285348
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 2 settembre 2005 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci in vetrina in altre lingue  ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki