Filippo Beroaldo il Vecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Beroaldo

Filippo Beroaldo, detto il Vecchio per distinguerlo dall'omonimo parente (Bologna, 14531505), è stato un umanista e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Docente all'Università di Bologna dal 1479, è celebre soprattutto come commentatore di Apuleio e precettore del figlio di un suo cugino, Filippo Beroaldo il Giovane. Una sua raccolta di testi di Agricoltura del 1503, che oltre a Columella, conteneva le opere di Varrone, Catone e Rutilio Palladio, ebbe un grande successo a livello europeo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rivista I tempi della terra, su itempidellaterra.org. URL consultato il 17 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51797072 · ISNI (EN0000 0001 2132 8804 · SBN IT\ICCU\SBLV\310736 · LCCN (ENn85823171 · GND (DE118656589 · BNF (FRcb12515577p (data) · NLA (EN35293692 · BAV ADV10004196 · CERL cnp01231491 · WorldCat Identities (ENn85-823171
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie