Rutilio Tauro Emiliano Palladio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rutilio Tauro Emiliano Palladio (in latino: Rutilius Taurus Aemilianus Palladius; fl. IV secolo; ... – ...) fu un autore di opere di agricoltura in lingua latina e un ricco proprietario terriero (con terre in Italia e in Sardegna).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i manoscritti Rutilio Tauro Emiliano Palladio fu vir illustris e quindi appartenne all'aristocrazia imperiale.

Scrittore di agronomia, compose un trattato in lingua latina, l'Opus agriculturae o De re rustica, in quindici libri, in cui espresse tutta la sua pratica nel lavoro dei campi. Il libro I ha carattere introduttivo; dodici libri che seguono riproducono una sorta di calendario rurale (uno per ogni mese); il libro XIV è invece dedicato alla veterinaria (ed è stato scoperto nel Novecento), mentre il XV contiene un poemetto sull'innesto delle piante.

L'organizzazione della materia sotto forma calendario (e quindi con finalità pratiche che non superano l'orizzonte della quotidianità) è forse l'aspetto più originale e interessante dell'opera di Palladio: ben documenta il ripiegamento del sistema agricolo verso forme non più orientate al mercato e allo scambio tipico della tarda antichità.

Di un notevole interesse è anche la sua lingua latina, ricca di tecnicismi rurali e di volgarismi, ma con largo uso di fonti di poesia e di prosa latine e greche. Palladio è l'ultimo autore di agronomia dell'antichità classica. Dopo di lui si verificò un vuoto almeno di otto secoli, fino a Pietro de' Crescenzi.

Specialmente nel Cinquecento furono pubblicate numerose edizioni, molto apprezzate dai bibliofili, in genere insieme ad opere di Catone, Varrone, Columella.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Palladio Rutilio Tauro Emiliano, Opus agriculturae, premessa, introduzione, traduzione e note a cura di E. Di Lorenzo, B. Pellegrino, S. Lanzaro, Salerno, 2006.
  • Palladio Rutilio Tauro Emiliano, De veterinaria medicina, introduzione, traduzione e note a cura di B. Pellegrino, Salerno, 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Robert H. Rodgers, An Introduction to Palladius, in Bulletin Supplement, nº 35, Londra, University of London, Institute of Classical Studies, 1975.
  • (DE) Hannelore Rex, Die lateinische Agrarliteratur - von den Anfängen bis zur frühen Neuzeit (PDF), tesi, Universität Wuppertal, 2001.
  • Antonio Saltini, Storia delle scienze agrarie, Vol. I, Edagricole, 1984, pp. 139-143.
  • Arnaldo Marcone, Storia dell'agricoltura romana, NIS, 1997, pp. 34-37.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (LAFR) Les agronomes latins, Caton, Varron, Columelle, Palladius, avec la traduction en français, M. Nisard (a cura di), Paris, Firmin Didot Fréres, 1856, pagg. 519 sgg.
  • (IT) Biblioteca scelta di opere greche e latine tradotte in lingua italiana, vol. 83: Volgarizzamento del trattato di agricoltura, Paolo Zanotti (a cura di), Milano dalla tipografia di Giovanni Silvestri, 1853.
  • Testo in francese Rivista I tempi della terra
Controllo di autoritàVIAF (EN54143112 · ISNI (EN0000 0000 8132 2992 · LCCN (ENn50052989 · GND (DE118789341 · BNF (FRcb11887191f (data) · CERL cnp00961805