Lucio Calpurnio Pisone Frugi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lucio Calpurnio Pisone Frugi (disambigua).
Lucio Calpurnio Pisone Frugi

Lucio Calpurnio Pisone Frugi (latino: Lucius Calpurnius Piso Frugi; ... – 261) fu un usurpatore contro l'imperatore romano Gallieno, la cui storicità è posta in discussione, essendo l'inaffidabile lista dei Trenta Tiranni della Historia Augusta l'unica fonte.

La Historia afferma che Pisone discendeva dalla gens Calpurnia e che ricevette il titolo Frugi per i morigerati costumi; è anche possibile che abbia avuto il titolo Thessalicus.

Dopo la sconfitta e cattura dell'imperatore Valeriano per mano dei Sasanidi (260), il suo collega e successore, il figlio Gallieno, inviò Valente Tessalonico a sopprimere la ribellione dei Macriani, che si erano messi alla testa dell'esercito d'oriente. Secondo la Historia, Pisone fu inviato da Macriano (non è chiaro se fosse il padre o il figlio) in Achaea (Grecia), per uccidere Valente.[1] Invece Pisone si diresse in Tessaglia, ove si proclamò imperatore,[2] prima di essere ucciso dai soldati di Valente.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Historia Augusta - Due Gallieni, 2.2.
  2. ^ a b Historia Augusta - Due Gallieni, 2.3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]