Stratonice di Macedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Stratonice (in greco antico: Στρατoνικη; fl. III secolo a.C.; ... – ...) è stata una regina macedone antica.

Figlia di Antioco I Sotere, sovrano seleucide, e di sua moglie Stratonice, a sua volta figlia del sovrano macedone Demetrio I Poliorcete, sposò il cugino Demetrio II Etolico, cui diede una figlia chiamata Apama. Il periodo del suo matrimonio è sconosciuto, ma pare sia rimasta in Macedonia fino al 239 a.C., anno in cui lasciò disgustata Demetrio, a causa del suo secondo matrimonio con Ftia figlia di Olimpiade II, e si ritirò in Siria.[1]

Secondo alcune fonti, tentò invano di incitare il nipote Seleuco II Callinico (246-225 a.C.) a vendicare l'insulto recatole da Demetrio dichiarando guerra alla Macedonia; un'altra versione la vuole tentare di convincere Seleuco a sposarla, ma il sovrano seleucide era all'epoca completamente occupato dal tentativo di recuperare Babilonia e le province orientali dell'impero. Allora Stratonice, approfittando della lontananza del nipote, fomentò una rivolta ad Antiochia; quando però Seleuco tornò in Occidente, riuscì facilmente a scacciarla dalla città e ad assediarla a Seleucia di Pieria, dove si era rifugiata, catturarla e metterla a morte.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Giuniano Giustino, Epitome di Pompeo Trogo, xxliii. 1.
  2. ^ Flavio Giuseppe, Contro Apione, i. 22.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]