Steve Harris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Steve Harris (cestista).
Steve Harris
Fotografia di Steve Harris
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Heavy metal
Periodo di attività 1974 – in attività
Gruppo attuale Iron Maiden
Gruppi precedenti Influence
Smiler
Gypsy's Kiss
Album pubblicati 33
Studio 15
Live 11
Raccolte 7

Stephen Percy Harris, meglio conosciuto come Steve Harris (Londra, 12 marzo 1956), è un bassista inglese.

È il principale compositore, tastierista e bassista della band heavy metal Iron Maiden, da lui stesso fondata nel 1975. Harris e Dave Murray sono gli unici componenti presenti in tutte le produzioni della band.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Harris è un tifoso del West Ham. Acquista a 17 anni il suo primo basso, una copia di un Fender Precision Bass per 40 sterline (sostituito poi dal suo famosissimo blue bass che usa tuttora). I suoi miti sono i Jethro Tull, i Black Sabbath, i Wishbone Ash e gli UFO. Nel 1971 comincia a suonare con la sua prima band, gli Influence, passando poi l'anno successivo nei Gypsy's Kiss, dove comincia a scrivere canzoni, come "Innocent exile" e "Drifter" che in seguito verranno ereditate dai Maiden nell'album Killers

Tra le sue maggiori influenze bassistiche spiccano primo fra tutti Geddy Lee (Rush), Phil Lynott (Thin Lizzy), Pete Way (UFO), Geezer Butler (Black Sabbath), John Deacon (Queen), Roger Glover (Deep Purple), Martin Turner (Wishbone Ash), Mike Rutherford (Genesis), John Entwistle (The Who).[senza fonte]

Nel 1974 entra a far parte degli "Smiler", nei quali incontra Dennis Wilcock (alla voce) e Doug Sampson (alla batteria) che poi entreranno a far parte della prima formazione degli Iron Maiden. Steve non condivide il loro progetto musicale, e decide così di abbandonare il gruppo, intraprendendo il progetto da lui tanto agognato.

Nel 1975 nascono gli Iron Maiden. Steve prende il nome dal film La maschera di ferro in cui appare una Vergine di Norimberga e disegnò anche il primo logo della band, visto in tutti gli altri album pubblicati. Due anni più tardi una casa produttrice propone un contratto alla band, ma Steve rifiuta perché prevedeva sonorità punk e perché il produttore gli chiese di "tagliarsi i capelli" (per la cronaca, Steve rispose: "Per tagliarsi i capelli bastano 2 minuti, per farli ricrescere così non bastano 2 anni").

Nel 1979 viene registrato il demo autoprodotto The Soundhouse Tapes, che porta ad un reale contratto senza vincoli con la EMI. Nel 1980 esce Iron Maiden.

Steve Harris nel 2008.

Le "cavalcate" (o gallop) di Harris sono immediatamente riconoscibili e sono la chiave di lettura fondamentale del songwriting degli Iron Maiden. È ritenuto un grande musicista sia per la tecnica che per i suoi originali giri di basso che emergono in ogni brano. Il suo stile sarà di riferimento per altri bassisti rinomati, come John Myung e Steve DiGiorgio.

Attualmente, è in atto una petizione, esclusivamente in Inghilterra, per insignire a Steve Harris l'onorificenza britannica di Sir che lo farà entrare a far parte dell'Ordine dell'Impero Britannico.

Steve ha una figlia, Lauren Harris, anche lei musicista, che in alcune occasioni fece da spalla agli Iron Maiden suonando canzoni proprie, ma anche cover, ad esempio degli UFO, gruppo che influenzò molto Harris.

Il 24 settembre 2012 è uscito, per la EMI Music, il primo album solista di Steve dal titolo "British Lion". L'album è costituito da dieci tracce scritte da Steve negli anni precedenti durante i tour e le session in studio degli Iron Maiden.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Iron Maiden[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli Iron Maiden.

Lauren Harris[modifica | modifica wikitesto]

Steve Harris[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85490877