Vergine di Norimberga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film horror, vedi La vergine di Norimberga.
Strumenti di tortura; sulla destra una vergine di Norimberga

La vergine di Norimberga, chiamata anche vergine di ferro, è una macchina di tortura inventata nel XVIII secolo[1] ed erroneamente ritenuta medioevale, a causa di una storia raccontata da Johann Philipp Siebenkees che sosteneva fosse stata usata per la prima volta nel 1515 a Norimberga. Non esistono prove che tali macchine siano state inventate nel Medioevo né utilizzate per scopi di tortura, nonostante la loro massiccia presenza nella cultura di massa. Sono state invece assemblate nel Settecento da diversi manufatti trovati nei musei, creando così oggetti spettacolari da esibire a scopi commerciali.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La macchina consiste in una specie di armadio metallico a misura d'uomo e di forma vagamente femminile, più o meno grande a seconda dei casi, pieno di lunghi aculei che penetrano nella carne senza ledere organi vitali.

Il condannato ipoteticamente veniva fatto entrare in questo "sarcofago" e, chiudendo le ante, veniva trafitto dai suddetti aculei in ogni zona del corpo, morendo lentamente tra atroci dolori. In realtà simile strumento non è stato usato almeno fino al XX secolo (un'apparecchiatura di tale tipo è stata trovata durante un reportage televisivo a casa di Udai Hussein[3][4], il figlio maggiore dell'ex dittatore iracheno Saddam Hussein).

Riferimenti nei media[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

  • Nella storia a fumetti Batman: Il monaco pazzo (Batman and The Mad Monk) è presente una scena nella quale un membro della setta del monaco pazzo, viene ucciso per mezzo di questo strumento.
  • Negli albi 135-136 (Il teatro della memoria) di Martin Mystère l'aiutante di Sergej Orloff viene rinchiuso nella Vergine di Norimberga. Allegato all'albo 136 si trova l'inserto La Santa Vehme e la Vergine di Norimberga.
  • Una vergine di Norimberga è presente nel l'albo n° 279 di Dylan Dog intitolato Il giardino delle illusioni.

Musica[modifica | modifica sorgente]

Il nome del gruppo musicale heavy metal degli Iron Maiden deriva dal nome inglese di questa macchina[5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo in tedesco sulla vergine di norimberga (Internet archives)
  2. ^ Wolfgang Schild, Die eiserne Jungfrau. Dichtung und Wahrheit (Schriftenreihe des Mittelalterlichen Kriminalmuseums Rothenburg o. d. Tauber Nr. 3), Rothenburg ob der Tauber, 2000.
  3. ^ Secondo la descrizione era alto due metri, largo 90 centimetri e profondo abbastanza da ospitare un uomo adulto, chiaramente usurato, i suoi chiodi di ferro avevano perso (abbastanza inverosimilmente) il proprio acume. Giaceva su un lato a portata di vista dagli uffici di ‘Uday al primo piano dell'associazione calcio. Ironicamente, lo strumento di tortura venne portato all'attenzione di TIME da un gruppo di saccheggiatori che stava spogliando lo stabile di tutte le cose di valore. Essi avevano lasciato lì la "Vergine di Norimberga" ritenendola priva di valore."
  4. ^ Iron Maiden Found in Uday Hussein's Playground - TIME
  5. ^ Geoff Barton, Blood and Iron, NWOBHM.com. URL consultato l'8 ottobre 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi