Iron Maiden Jeanne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jeanne
Iron Maiden Jeanne nell'anime
Iron Maiden Jeanne nell'anime
Universo Shaman King
Nome orig. アイアンメイデン・ジャンヌ (Aian Meiden Jannu)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego Donna di Ferro
Editore Shueisha
1ª app. in Weekly Shōnen Jump
Voce orig. Yui Horie
Specie umana
Sesso Femmina
Luogo di nascita Saint Michel (Francia)
Data di nascita 2 marzo 1990
Abilità
Parenti

Jeanne (アイアンメイデン・ジャンヌ Aian Meiden Jannu?) è un personaggio importante della serie manga e anime Shaman King.

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Jeanne, conosciuta anche come Donna di Ferro (Iron Maiden Jeanne), è il capo degli X-Laws, uomini vestiti di bianco che combattono per distruggere il male e portare la pace. Sono molto pericolosi: dicono di lottare in nome del bene supremo, ma eliminano chiunque si metta sulla loro strada, anche gli innocenti. Jeanne dimora nella camera della Donna di Ferro, avvolta da rovi che la fanno sanguinare; prova, così, il dolore del mondo.

È una sciamana molto potente, di grado divino: ha un furyoku elevatissimo (500.000 all'inizio e 680.000 alla fine), sprigionato dall'armatura che indossa quando combatte; il suo spirito custode è Shamash, lo spettro della Porta di Babilonia, anch'egli di grado divino. È infatti il dio della giustizia del codice di Hammurabi, la prima legge degli esseri umani. Pare che la Donna di Ferro abbia il potere della rigenerazione, ma in realtà è Shamash che possiede questa abilità.

Jeanne è una ragazzina mite, e sembra molto pacifica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nasce la Donna di Ferro[modifica | modifica sorgente]

Jeanne è un'orfana, che da piccola è stata trovata da Marco e Luchist (due membri degli X-Laws). È grazie a loro che iniziò il suo addestramento, e che diventò il capo degli uomini in bianco. Quando ha incontrato Shamash ha accettato di entrare nella camera della Donna di Ferro, dove ha potuto ricevere un furyoku straordinario.

La donna bambina[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi, Jeanne è sempre chiusa nella camera della Donna di Ferro, e a volte fa vedere il viso, ma solo per brevi istanti. Dentro l'Occhio di Shamash, un sigillo circolare di forza, impiega le sue energie per aprire la Porta di Babilonia, una potenza eccezionale che distrugge tutto ciò che si trova vicino ad essa. Grazie a questa potranno annientare il male. Jeanne si mostra per la prima volta ai protagonisti quando combatte contro il team degli sciamani eterni. Questi criticano il suo gruppo e gli lanciano una sfida. Lei la accetta. All'inizio fa scendere in campo soltanto Lyserg Diethel, unitosi da un po' di tempo agli X-Laws. La Donna di Ferro dice al ragazzino di eliminare gli avversari, che insultano la loro squadra, nonostante siano più deboli. Lyserg esegue il suo ordine e attacca, ma si ferma prima che possa colpire gli sfidanti. Ciò provoca la rabbia di Jeanne, che scende in campo personalmente. Tutti potranno finalmente vedere la potente Donna di Ferro. Anche Diethel la ammirerà per la prima volta. Anna avverte un furyoku fortissimo, e le perle della sua collana si agitano. La camera di Jeanne si apre. Compare una ragazzina molto piccola. Jun Tao esprime la sua sorpresa sull'estrema giovinezza della fanciulla. Questa è avvolta da rovi che la feriscono e la fanno sanguinare. Scende dalla stanza in cui è quasi perennemente chiusa, e quei rovi le si sciolgono pian piano; le ferite scompaiono. Tutti rimangono incantati dalla bellezza di quella ragazzina mite e graziosa, anche Manta e Tamao, che la paragona ad una principessa. Jeanne si esprime con parole di pace, ma le sue azioni di superba giustizia non le riflettono. Indossa la sua armatura, e il team degli sciamani eterni la attacca. Ma niente può contro la Donna di Ferro, a cui gli avversari non riescono neanche ad avvicinarsi. La giovinetta infatti li imprigiona in una gabbia in cui scorre l'elettricità. Jeanne propone loro di redimersi per salvarsi, ma quelli non vogliono pentirsi e la accusano di superbia.

« Come ti permetti, non hai nessun diritto di giudicarci. »
(Gli sciamani eterni si rivolgono alla Donna di Ferro)

La Donna di Ferro si rattrista, si richiude nella sua camera e piange lacrime di sangue.

« Il mio cuore piange sempre per coloro che non possono essere salvati. »
(Iron Maiden Jeanne)

Il bacio[modifica | modifica sorgente]

Quando nel manga Ren muore, si mostrano i presunti poteri di rigenerazione di Jeanne. Manta, nell'automobile insieme a lei e a Lyserg, chiede aiuto alla Donna di Ferro per l'amico ucciso. Al momento della cerimonia della resurrezione, Ren è disteso su una croce di fiori. Pare che la fanciulla darà un bacio al giovane Tao. Lo spirito del ragazzo è nervoso e imbarazzato per ciò che Jeanne si accinge a fare. Ma, con sorpresa di tutti, non è la graziosa donzella a baciare Ren, ma Shamash. Il giovane si risveglia ed esprime con sdegno il suo imbarazzo. Dice a Shamash di eliminarli.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Lyserg, dopo l'uccisione dei suoi genitori, considera gli X-Laws la sua nuova famiglia. Da notare che il nome della Donna di Ferro è simile a quello della madre del ragazzo (Jean), e la ricorda anche un po'.
  • Con la voce di Yui Horie, Jeanne canta In you, Pacem in terris, Sono saki no justice (non pervenute in Italia).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]