Can I Play with Madness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Can I Play with Madness
Artista Iron Maiden
Tipo album Singolo
Pubblicazione 20 marzo 1988
Durata 13 min : 10 s
Album di provenienza Seventh Son of a Seventh Son
Dischi 1
Tracce 3
Genere Heavy metal
Etichetta EMI
Produttore Martin Birch
Formati vinile
Iron Maiden - cronologia
Singolo precedente
(1986)
Singolo successivo
(1988)

Can I Play with Madness è il sedicesimo singolo pubblicato dagli Iron Maiden, il primo estratto dall'album Seventh Son of a Seventh Son di cui ne costituisce l'anticipazione.

Nella sua primissima versione il brano doveva essere una ballata dal titolo By the Wings of Eagle. Il singolo ha avuto un buon successo di vendite arrivando fino alla terza posizione nella classifica inglese. Il brano narra di un giovane ossessionato da visioni che crede di impazzire e si rivolge ad un vecchio profeta perché, attraverso la sua sfera di cristallo, lo aiuti a capirle. Il giovane però è scettico e ignora i consigli del profeta causando un litigio fra i due.

Nella b-side del disco troviamo il brano Black Bart Blues in cui si racconta di come la band, durante il tour del 1983, passasse davanti ad una stazione di servizio in Florida dove erano in vendita tre statue di una armatura a cavallo (chiamate Black Bart) una delle quali comprata da Bruce Dickinson. Completa il singolo la cover del brano Massacre dei Thin Lizzy.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Can I Play with Madness (Smith, Dickinson, Harris) - 3:34
  2. Black Bart Blues (Harris, Dickinson) - 6:40
  3. Massacre (Phil Lynott, Scott Gorham, Brian Downey) - 2:56

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il video è stato girato a Tintern Abbey, in Wye Valley.
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal