The Evil That Men Do (Iron Maiden)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Evil That Men Do
Artista Iron Maiden
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1 agosto 1988
Durata 12 min : 54 s
Album di provenienza Seventh Son of a Seventh Son
Dischi 1
Tracce 3
Genere Heavy metal
Etichetta EMI
Produttore Martin Birch
Formati vinile 7" e 12"
Iron Maiden - cronologia
Singolo precedente
(1988)
Singolo successivo
(1988)

The Evil That Man Do è il 17º singolo pubblicato dagli Iron Maiden.

Si tratta del secondo singolo estratto dall'album Seventh Son of a Seventh Son e raggiunse la # 5 posizione nella classifica inglese. Nel lato-b del disco troviamo due vecchie canzoni degli Iron, Prowler e Charlotte the Harlot provenienti originariamente dall'album Iron Maiden ma registrate in una nuova versione.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del brano è preso da un dramma di William Shakespeare (il Julius Caesar) e precisamente dal discorso fatto da Marc'Antonio alla folla dei Romani all'indomani dell'assassinio di Cesare.

(EN)
« The evil that men do lives after them,
the good is oft interred with their bones »
(IT)
« Il male che gli uomini compiono si prolunga oltre la loro vita,
mentre il bene viene spesso sepolto insieme con le loro ossa. »
(Julius Caesar di Shakespeare)

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Evil That Men Do (Smith, Dickinson, Harris) - 4:35
  2. Prowler '88 (Harris) - 4:08
  3. Charlotte The Harlot '88 (Murray) - 4:11

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal