Sean Bean

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shaun Mark Bean, noto come Sean Bean (Sheffield, 17 aprile 1959), è un attore britannico.

Bean ha preso parte in numerose serie televisive, ed ha anche lavorato come doppiatore di giochi per computer. Noto per la sua versatilità, ha interpretato una vasta gamma di ruoli: il mercenario dilettante Spence in Ronin, Zeus nella saga di Percy Jackson e John Ryder in The Hitcher del 2007. I suoi ruoli più conosciuti sono sicuramente Boromir, nella trilogia del Signore degli anelli diretta da Peter Jackson, Alec Trevelyan in GoldenEye, film della serie di James Bond, Ulisse nel film Troy di Wolfgang Petersen ed Eddard Stark nella serie televisiva Il Trono di Spade. Nel Regno Unito ha ottenuto grande successo con la serie televisiva Sharpe.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sean Mark Bean, figlio di Brian e Rita Bean, è nato nel distretto di Sheffield, South Yorkshire.[1] Suo padre possedeva una ditta che si occupava di acciaio, mentre la madre lavorava come segretaria. Bean ha una sorella minore chiamata Lorrain. Grazie all'attività del padre, la sua famiglia fece fortuna.

Il suo primo amore è stato il calcio ed è da sempre un leale tifoso dello Sheffield United (ha anche un tatuaggio sulla spalla sinistra).[1] Un incidente gli ha però impedito di giocare a livelli professionali.[1] Ha iniziato a lavorare al supermercato, poi come spazzaneve ed infine nell'azienda di famiglia. Dopodiché frequentando un corso alla Rotherham College of Arts and Technology, decise di assecondare la sua passione per l'arte e la recitazione. Dopo una serie di corsi in diverse scuole di recitazione riuscì ad accedere alla Royal Academy of Dramatic Art[1] dove conobbe l'attore Mark Addy, di cui è tuttora amico[2].

Qui si diplomò nel 1983, vincendo la medaglia d’argento per la sua interpretazione di Aspettando Godot.[3] Lo stesso anno ha debuttato professionalmente come attore al Watermill Theatre di Newbury, nel ruolo di Tibaldo in Romeo e Giulietta.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

All'inizio il suo lavoro consisteva in un misto di teatro e televisione. La sua prima apparizione sul piccolo schermo fu in una pubblicità di una birra analcolica. Tra il 1986 e il 1988 ha girato l'Inghilterra con la Royal Shakespeare Company mettendo in scena rappresentazioni di Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate e Fair Maid of the west.[4][5] Apparve per la prima sul grande schermo nel film Caravaggio, di Derek Jarman, nel ruolo di Ranuccio Tommasoni.

Tra la fine degli anni 80 e l'inizio degli anni 90 lavorò per la televisione britannica. Ha avuto ruoli notevoli in due produzioni della BBC: Clarissa e Lady Chatterley. Comunque fu il personaggio di Richard Sharpe a portarlo alla fama.[6]

Questo ruolo era originariamente di Paul McGann, ma, quando questi ebbe un incidente, Bean gli subentrò. La serie di 14 puntate era basata su un racconto di Bernard Cornwell riguardante le guerre napoleoniche, ed iniziò con l'episodio Sharpe’s Rifles. Questa serie seguiva le avventure di Richard Sharpe e di come passò da Sergente a Maggiore nell'esercito britannico. La serie durò dal 1993 al 1997, con 3 episodi all'anno. Ciò garantì a Bean una notevole fama nel Regno Unito. Dopo anni di annunci e smentite fu rilasciato un ultimo episodio nell'Aprile del 2006, intitolato Sharpe’s Challenge. Bean interpretò anche il ruolo di Lord Richard Fenton nella miniserie tv Scarlett.

La sua prima apparizione in una produzione hollywoodiana è stata nel ruolo del terrorista irlandese nel film Giochi di potere. Questo è stato il primo di una lunga serie di ruoli da antagonista: ha interpretato Alec Trevelyan nel film di James Bond GoldenEye (1995), l'esperto d’armi Spence in Ronin (1998), un violento in Essex Boys (2000) e il maligno ladro di gioielli e rapitore di bambini in Don't Say a Word.

Nel 1996 coronò finalmente il suo sogno di giocare per lo Sheffield United nel film When Saturday Comes, nel ruolo di Jimmy Muir. Anche se il film non fu particolarmente apprezzato dalla critica, Sean Bean piacque per la buona prestazione.[7]

Dal 2001[modifica | modifica sorgente]

Il suo ruolo probabilmente più conosciuto è Boromir nella trilogia de Il Signore degli Anelli, anche se appare principalmente nel primo film Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, e solo in sporadici flashback e in scene presenti nella versione estesa nel resto della saga. A causa della sua paura di volare era riluttante a prendere l'elicottero per raggiungere le location del film. Dopo un volo un po’ turbolento decise di non volare più, e questo lo costrinse a raggiungere le location con mezzi alternativi: una volta ci andò sciando, con indosso il costume di scena.[8] Tra una ripresa e un'altra lavorò anche come doppiatore per il pluripremiato videogioco della Bethesda Softworks il quarto capitolo della saga The Elder Scrolls, The Elder Scrolls IV: Oblivion. Durante le riprese de Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, Bean insieme agli altri membri del cast Elijah Wood, Sean Astin, Orlando Bloom, Billy Boyd, Ian McKellen, Dominic Monaghan e Viggo Mortensen si è fatto un tatuaggio che rappresenta il numero "9", chiaro riferimento al numero dei personaggi presenti nella Compagnia dell'Anello di cui Boromir fa parte.[9]

I film in cui ha lavorato successivamente sono stati: Equilibrium, Troy, Il mistero dei Templari, The Island, North Country - Storia di Josey, Silent Hill[10]. Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini e Black Death - Un viaggio all'inferno.

Per la televisione Bean ha interpretato Eddard Stark nella serie Il Trono di Spade.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Sean Bean si è sposato e divorziato quattro volte. L'11 aprile 1981 ha sposato la sua fidanzata Debra James, da cui divorziò nel 1988 senza avere figli.

In seguito ha sposato il 27 febbraio 1990 l'attrice Melanie Hill, da cui ha avuto le prime due figlie, Lorna (nata nell'ottobre 1987) e Molly (nata nel settembre 1991). La coppia divorziò nell'agosto 1997.

Ha incontrato e sposato il 22 novembre 1997 l'attrice Abigail Cruttenden, da cui ha avuto un'altra figlia, Evie Natasha (nata nel novembre 1998). Bean e Cruttenden divorziarono nel luglio 2000.

Il 19 febbraio 2008 si è sposato, per la quarta volta, con Georgina Sutcliffe, di 19 anni più giovane di lui incontrata nel 2006. Il 27 luglio 2008, Bean è stato arrestato a Londra a seguito di regolare denuncia sporta dalla moglie. Secondo quanto riportato nella testimonianza, l’attore l’avrebbe aggredita brutalmente in seguito a un violento litigio, nella loro residenza a Belsize Park.[11] Bean è stato condotto presso il commissariato di Holborn, dove è stato interrogato dagli agenti per sei ore e dove ha dichiarato che si è trattato di un "banale litigio sfuggito di mano". L'attore è stato in seguito rilasciato. I due hanno annunciato la separazione[12] il 21 dicembre 2010.[13] È molto amico dell'attore Mark Addy, che ha interpretato re Robert Baratheon nella serie televisiva Il Trono di Spade.

Bean è alto 1,80 m.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sean Bean è stato doppiato da:

  • Massimo Corvo ne Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, Il Signore degli Anelli - Le due Torri, Il mistero dei Templari - National Treasure, Flightplan - Mistero in volo, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini, The Lost Future, Il Trono di Spade, Biancaneve, Missing, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri, Jupiter - Il destino dell'universo
  • Fabrizio Pucci in The Island, North Country - Storia di Josey, Silent Hill, Black Death - Un viaggio all'inferno, Red Riding - 1974, Silent Hill: Revelation 3D
  • Luca Ward in Stormy Monday - Lunedì di tempesta, Anna Karenina, Don't Say a Word, The Hitcher
  • Francesco Pannofino in Giochi di potere, Giacobbe, Equilibrium
  • Antonio Palumbo in Tom & Thomas, Cash Game - Paga o muori, Age of Heroes
  • Luigi La Monica in GoldenEye
  • Pino Insegno in Ronin
  • Federico Danti in The Big Empty
  • Massimo Lodolo in Troy
  • Roberto Draghetti in The Dark
  • Massimo Rossi in Death Race 2
  • Raffaele Farina in Lady Chatterley
  • Stefano Benassi in Rossella
  • Luca Biagini in Crusoe

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Sean Bean Biography, Tiscali, pp. 1. URL consultato il 14 settembre 2006.
  2. ^ Cinque buoni motivi per guardare Il trono di spade - MAG - Sky.it
  3. ^ Biography, AOL. URL consultato il 14 settembre 2006.
  4. ^ Trowbridge, Simon. The Company: A Biographical Dictionary of the Royal Shakespeare Company, Oxford: Editions Albert Creed (2010) ISBN 978-0-9559830-2-3
  5. ^ The Company: A Biographical Dictionary of the RSC: Supplementary Material
  6. ^ MSN Movies, Microsoft. URL consultato il 14 settembre 2006.
  7. ^ When Saturday Comes review, Rotten Tomatoes. URL consultato il 14 settembre 2006.
  8. ^ Flightplan interview. URL consultato il 14 settembre 2006.
  9. ^ The stars of The Lord of the Rings trilogy reach their journey's end, SciFi.com. URL consultato il 31 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2007).
  10. ^ Kevin Prin, INTERVIEW: CHRISTOPHE GANS (SILENT HILL) PARTIE 1 (French) in DVDRama, 22 dicembre 2006.
  11. ^ Cops called to Sean Bean's house after 'domestic', Sunday Mirror, 12 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2009.
  12. ^ Sean Bean To Divorce in National Ledger, 7 agosto 2010. URL consultato il 9 agosto 2010.
  13. ^ 'LOTR' star divorces for a fourth time, Canoe Inc, 22 dicembre 2010. URL consultato il 13 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 117664428 LCCN: no96051252