Real Marina del Regno delle Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armata di Mare di S.M. il Re del Regno delle Due Sicilie
Emblema del Regno delle Due Sicilie
Emblema del Regno delle Due Sicilie
Descrizione generale
Attiva 1734 - 1860
Nazione Regno delle Due Sicilie
Tipo Marina militare
Simboli
Bandiera Flag of the Kingdom of the Two Sicilies 1816.gif

[senza fonte]

Voci su marine militari presenti su Wikipedia

Real Marina del Regno delle Due Sicilie, ovvero Armata di Mare di S.M. il Re del Regno delle Due Sicilie erano le terminologie ufficiali - quali risultanti dai documenti dell'epoca - della Marina militare del Regno delle Due Sicilie, che assieme all'esercito delle Due Sicilie costituiva le forze armate del regno.

Il termine "Regio", a volte oggi utilizzato, verrà introdotto solo dopo l'annessione al Regno di Sardegna. È stata la più importante delle marine militari italiane pre-unitarie, tanto da essere presa come modello (per volontà dello stesso Cavour) per la nuova Regia Marina italiana dopo l'annessione delle Due Sicilie[1].

Le origini: cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Carlo di Borbone, re di Napoli e Sicilia dal 1735[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Carlo III di Spagna, Regno di Napoli e Regno di Sicilia.

Sin dal 1735, la continua minaccia dei "barbareschi", come venivano denominati i popoli rivieraschi dell'Africa settentrionale, impose una politica marittima molto decisa al nuovo Sovrano, salito al trono l'anno precedente, che affidò al marchese di Salas, suo Ministro per la Guerra e Marina, il compito della costituzione di un'Armata di Mare.

Il 10 dicembre del 1735 veniva promulgato il "Regolamento (....) para el extablaciemiento (...) de su Exquadra de Galeras, Arsenal, Darsena..." di chiara derivazione spagnola, sin nella lingua utilizzata.

Venne costituita quindi una squadra di 4 galere (tre acquistate dallo Stato Pontificio) che formò il primo nucleo di una Marina che si svilupperà negli anni seguenti sino a raggiungere una dimensione di tutto riguardo sul finire del secolo, pienamente rispondente alle necessità del Regno, ovvero la protezione dei traffici marittimi, per lo stesso vitali, dai pirati barbareschi. Durante il primo decennio del regno di Carlo le forze navali napoletane comprendevano quindi un solo vascello, il S. Filippo-la Reale, la fregata S. Carlo-la Partenope, e le quattro galee S. Gennaro, Concezione, S. Antonio e Capitana, oltre a qualche legno minore[2].

Contestualmente veniva istituito il corpo della Fanteria di Marina, il primo in Italia concepito per operare a bordo delle navi da guerra insieme agli equipaggi; successivamente tra i suoi compiti ricadde anche la vigilanza alle basi navali[3].

Il Regolamento surrichiamato è importante anche perché segna l'origine dell'Accademia della Real Marina. Nel 1742, fronteggiandosi la Spagna e l'Austria durante la guerra di successione austriaca, una squadra della Royal Navy penetrata nel golfo di Napoli impose al re di ritirare le truppe inviate in sostegno degli spagnoli, minacciando in caso contrario di bombardare la città. In seguito a tale affronto il governo napoletano ebbe ulteriori motivi di occuparsi della Marina militare dando impulso anche alla costruzione di vascelli e fregate, oltre al naviglio sottile che avrà comunque sempre un notevole peso.

Infatti nel 1759, sul finire del regno di Carlo, la flotta era articolata su squadre:

squadra delle navi
costituita dai seguenti 5 legni:
  • vascello da 64 "San Filippo la Reale",
  • fregata da 50 "San Carlo la Partenope",
  • fregata da 40 "Regina",
  • fregata da 40 "Concezione",
  • fregata da 40 "Santa Amalia",
Departure of Charles III from Naples.jpg Partenza di Carlo di Borbone.jpg
Antonio Joli, Partenza di Carlo di Borbone per la Spagna vista da terra (a sinistra) e vista dal mare (a destra)
squadra delle galere
formata dai seguenti 4 legni:
  • galera "Capitana",
  • galera "Sant'Antonio",
  • galera "Patrona",
  • galera "San Gennaro",
squadra degli sciabecchi
formata dai seguenti 6 legni:
  • sciabecco da 20 "San Gennaro",
  • sciabecco da 20 "San Pasquale",
  • sciabecco da 20 "San Ferdinando",
  • sciabecco da 20 "San Gabriele",
  • sciabecco da 20 "San Luigi",
  • sciabecco da 20 "San Antonio", al comando del Capitano Giuseppe Martinez popolarmente noto come Capitan Peppe, famoso per l'efficace contrasto che seppe porre in atto contro i pirati barbareschi, mutuando da costoro le tecniche d'attacco e predatorie.

Ferdinando I di Borbone, re dal 1759[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferdinando I di Borbone.
Giovanni Acton a Napoli

Con l'ascesa al trono di Spagna di Carlo III, durante il periodo di minorità di Ferdinando IV, la Marina fu del tutto trascurata; ciò accadde perché il Ministro Bernardo Tanucci, che era restato in carica anche dopo la partenza di Carlo, non aveva mai condiviso appieno la politica navale del Sovrano.

Una decisa ripresa si ebbe grazie alla decisa volontà della Regina Maria Carolina, che volle a Napoli John Edward Acton, ufficiale irlandese fino ad allora al servizio del Granduca di Toscana Leopoldo d'Asburgo, fratello della Regina.

Il tenente generale Acton, fu posto a capo del Ministero del Commercio e Marina nel 1779 e, da uomo esperto di cose militari e di mare e conoscitore degli uomini e dei tempi, fu l'organizzatore sapiente della nuova Marina e inaugurò il secondo periodo di forte crescita della Marina napoletana.

In primo luogo, riordinò su solo due Squadre la flotta: dei Vascelli e degli Sciabecchi. Acquistò vascelli e fregate, ma predispose anche un vasto programma di nuove costruzioni, ampliò il Collegio di Marina, inviò alcuni giovani guardiamarina con altri ufficiali a prestare temporaneo servizio su navi delle maggiori Marine militari europee. Fondò il famoso Cantiere navale di Castellammare di Stabia, istituì il Corpo di Fanteria di marina, denominato Reggimento Real Marina.

Nel 1789 la Marina contava 39 navi armate di 962 cannoni così ripartite:

  • 3 vascelli di linea da 74 cannoni (Partenope, Ruggero, Tancredi)
  • 1 vascello di linea da 60 cannoni (San Gioacchino)
  • 6 fregate da 40 cannoni (Minerva, Cerere, Pallade, Sibilla, Sirena, Aretusa)
  • 2 fregate da 36 cannoni (S. Teresa, S. Dorotea)
  • 1 orca[4] da 36 cannoni (Pantera),
  • 2 sciabecchi da 24 cannoni (S. Luigi, S. Antonio)
  • 4 sciabecchi da 20 cannoni (Difensore, Robusto, Vigilante, Diligente)
  • 5 corvette da 20 cannoni (Stabia, Flora, Aurora, Fortuna, Fama)
  • 1 corvette da 12 cannoni (la Galatea, comando personale del re)
  • 4 brigantini da 12 cannoni (Sparviero, Vulcano, Stromboli, Lipari),
  • 10 galeotte da 3 cannoni (Vespa, Serpente, Levriera, Prudente, Rondine, Veloce, Attiva, Allerta, s. Gennaro, S. Francesco)

Sempre nello stesso anno 1789 l'organico contava:

  • 4 capitani di vascello,
  • 10 capitani di fregata,
  • un gran numero di ufficiali di grado inferiore,
  • 270 marinai di posto fisso,
  • 470 cannonieri,
  • 2128 fanti di marina, raggruppati in 4 divisioni
    ciascuna composta di 4 compagnie
Francesco Caracciolo

La spesa totale per la marina ammontava a 653.000 ducati, aumentati l'anno seguente di altri 250.000, aumentando ancora fino alla somma di 1.023.000 ducati nel 1790. Con questi soldi si potenziò ulteriormente il programma delle costruzioni, ordinando la costruzione di un vascello da 74 cannoni, e di un gran numero di barche cannoniere fino a giungere a 140 in pochi anni.

Questi anni di fervore costruttivo, non soltanto in campo navale, conobbero una brusca interruzione con l'invasione dello Stato da parte delle truppe francesi. Ferdinando IV sconfitto riparò in Sicilia. A Napoli occupata si formò la Repubblica Napoletana dall'effimera, tragica vita.

Seguirono per la Marina Napoletana le vicende del 1799, riassumibili in due episodi, entrambi dolorosi: l'incendio della metà della flotta che non aveva seguito il Sovrano in Sicilia e, successivamente, la condanna a morte del suo illustre ammiraglio Francesco Caracciolo. In entrambi gli episodi giocò un ruolo decisivo la Gran Bretagna che, nell'ottica di grande potenza marittima, preferiva alleati non eccessivamente potenti sul mare.

Vascello a due ponti Archimede 1795-1814

La marina Borbonica del tardo XVIII secolo seppe coniugare luci ed ombre. Sicuramente il programma navale di Lord Acton risultava razionale e ben strutturato: le navi di nuovo varo erano progettate da architetti navali ed ingegneri (come il francese Ibért), sostituendo i maestri d'ascia empirici (in genere genovesi), le navi erano standardizzate in classi moderne (pure di derivazione francese) e relativamente numerose per una potenza di secondo piano. Entro il 1799 i vascelli da 74 varati o in servizio erano ben 5 (forse le migliori navi da guerra esistenti in Italia in quel momento), mentre il San Gioacchino si avviava ad essere smantellato e sostituito da una nuova moderna unità. Diminuivano i legni a remi a favore di quelli a vela, anche in ambito costiero. Esistevano però anche notevoli punti deboli, le fonderie calabresi d'artiglieria non erano ancora in grado di supportare tutte le esigenze della flotta, che importava dalla Francia buona parte delle sue artiglierie, mancavano completamente le carronate, introdotte in Gran Bretagna a partire dal 1770. Soprattutto scarseggiavano gli uomini, non tanto gli ufficiali (anche se problemi derivavano anche dal corpo ufficiali, in parte anglofobo e "giacobino", contrario alla corte, in parte invece cortigiano, raccomandato e poco propenso alle lunghe navigazioni), quanto i marinai. Infatti la flotta reale era ancora, essenzialmente, stagionale, veniva mobilitata in buona parte ogni primavera per contrastare le operazioni dei corsari barbareschi o (soprattutto dopo il 1780) molestarne le basi, ma poi, in autunno ed inverno, le squadre erano sciolte e smobilitate, e i marinai professionisti (sottufficiali e cannonieri) che rimanevano in servizio erano pochi. Si creava quindi una sorta di strato sociale di marinai-precari, specializzati nella caccia ai corsari, ma poco preparati per la guerra vera e propria (anche se il blocco di Tolone e le operazioni in Liguria durante i primi anni '90 modificarono un po' questa situazione) e affezionati alle loro case, che non vollero lasciare disciplinatamente (disertando in massa) durante la crisi del 1799. Non solo ma, nel 1791, la flotta francese fu in grado di imporre, senza contrasto, il riconoscimento diplomatico del nuovo regime, visto che le difese del porto di Napoli erano poco migliorate rispetto al 1742, mentre la squadra era, in quel momento, a corto di uomini.

Il reclutamento di marinai era troppo concentrato in Campania e in alcune (poche) zone della Sicilia settentrionale, senza né una sorta di leva/milizia costiera su modello francese seicentesco (che avrebbe coinvolto tutto il Regno), né delle press-gang su modello britannico (che avrebbero coinvolto tutti i porti), mentre gli ufficiali erano sempre anche gentiluomini di nascita, con una sostanziale differenziazione tra navigatori e combattenti, sull'anacronistico modello della marina spagnola (ma anche in questo caso l'Acton intendeva introdurre il modello britannico, meritocratico). Comunque la marina borbonica fu sempre sotto organico dal punto di vista del personale, molte navi erano decisamente "vuote" rispetto a quelle britanniche anche nell'Ottocento, quando la flotta assorbiva 6.000 uomini in permanenza, contro i poco più di 3.000 del 1790 (in buona parte fanti di marina), si tenga presente che solo i 5 vascelli in servizio in quegli anni avrebbero richiesto 3.500 marinai per prendere tutti contemporaneamente il mare, con la necessità di arruolare costantemente dei rimpiazzi per gli uomini morti di malattia, infortunio o in azione, e questo senza considerare i circa 2.000 uomini necessari per armare le 6 fregate da 40 cannoni ed il gran numero di uomini necessari per gli Sciabecchi.

Il rientro di Ferdinando IV è quasi una sorta di intermezzo prima del ritorno, stavolta per un decennio, dei Francesi.

Periodo napoleonico e Restaurazione, dal 1806[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Restaurazione.

Sotto Giuseppe Bonaparte, salito al trono di Napoli il 30 marzo 1806, la Marina venne organizzata alla francese. Un buon impulso fu dato dal Sovrano successivo, Gioacchino Murat con la costruzione delle seguenti navi[5]:

A questi andava aggiunto il vascello Archimede, da 74 cannoni e gemello del Capri, impostato ma non ultimato per le vicende belliche; verrà completato solo nel 1822 come Vesuvio[5]. Anche le infrastrutture vennero adeguate alle nuove esigenze; vennero costruiti tre scali a Castellammare in modo da poter costruire contemporaneamente tre unità, e creato uno scalo in muratura a Napoli. La collaborazione con i francesi era già stata instaurata fin dal 1765, e in virtù di ciò erano arrivati dei progetti di Jacques-Noël Sané[5], artefice di varie classi di vascelli della Marine Royale tra cui le ammiraglie a tre ponti Classe Commerce de Marseille, ma nell'era napoleonica vi fu un forte sviluppo che portò le metodologie della Marine impériale come modello per la marina napoletana; per esempio, nel 1811 venne creata la scuola di applicazione, che istituzionalizzava il ruolo degli ingegneri marittimi per la gestione delle strutture portuali[5].

Nel 1815 rientrato a Napoli il Borbone, furono stabilite nuove Ordinanze che costituivano vari Corpi degli ufficiali, un Osservatorio Nautico, una Accademia di Marina e tre Compartimenti Marittimi: Napoli, Palermo e Messina. Nel 1818 fu promulgato il nuovo Regolamento di Marina[7][8].

L'Armata di Mare del Regno delle Due Sicilie[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando II delle Due Sicilie, re dal 1830[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferdinando II delle Due Sicilie.

Sotto il Regno di Ferdinando II è da ricordare la realizzazione del Bacino di raddobbo, primo bacino di carenaggio italiano in muratura che completava l'articolato insieme di strutture al servizio della marina napoletana. L'importante opera fu solennemente inaugurata dopo due anni di lavori, con una delle maggiori feste pubbliche dell'epoca borbonica, il 15 agosto 1852. L'evento è stato immortalato in due dipinti ad olio di Salvatore Fergola. Precedentemente, nell'estate del 1840, era stato fondato l'opificio di Pietrarsa, sobborgo sul mare al confine tra i Comuni di Napoli e Portici. Inizialmente si trattava di una piccola officina con annessa fonderia, che doveva produrre manufatti in ferro ad uso navale e ferroviario. Grazie anche all'apporto di esperienze di tecnici inglesi, in pochi anni diventò sempre più importante: esso rappresentò il primo esempio dell'industria metalmeccanica di Stato. All'atto dell'Unità d'Italia era, nel suo genere, il maggiore stabilimento esistente sul suolo italiano.

Sempre sotto il Regno di Ferdinando II, furono avviate le costruzioni di unità a vapore, costituito il Corpo del Personale di Pilotaggio, il Corpo dei Cannonieri e Marinai e istituita nello stabilimento di Pietrarsa una Scuola di Ingegneri Meccanici nonché la Scuola per Macchinisti per fornire macchinari e macchinisti nazionali alle navi a vapore.

Tale decisione fu originata dalla crisi degli zolfi siciliani con la Gran Bretagna, crisi che sfiorò il conflitto: ma, il Re che faceva grande affidamento sulla presenza in squadra di navi a vapore (unica flotta nel Mediterraneo a disporne), scoprì che i macchinisti inglesi, con molta decisione, avevano precisato che non avrebbero condotto quelle navi contro i propri connazionali.

Nel 1842 alcuni ufficiali della Marina Sarda, tra cui il conte Carlo Pellion di Persano, furono inviati a studiare gli ordinamenti e i progressi della Marina Napoletana.

Nel 1843 una divisione (vascello Vesuvio, fregate Partenope, Amalia e Regina Isabella), agli ordini del Capitano di vascello barone Raffaele De Cosa, fu inviata nell'America meridionale quale scorta d'onore alla principessa Teresa Cristina di Borbone-Due Sicilie, sorella di Ferdinando II, passata a nozze con Don Pietro II di Braganza, imperatore del Brasile.

Nel 1844 la fregata Urania effettuò una crociera d'istruzione da agosto 1844 al gennaio 1846, fino al Brasile e, risalendo, agli Stati Uniti, diventando così la prima nave da guerra di uno stato italiano a visitare gli Stati Uniti d'America[1]. Il tutto accuratamente descritto, come d'uso, dagli allievi. Molto interessanti le considerazioni sulla città di New York di cui viene previsto il grande sviluppo.

Il reggimento "Real Marina" nel porto di Napoli

L'Armata di Mare era così composta:

  1. Reale Corpo de' cannonieri marinari, articolato in 16 compagnie attive da imbarco e due compagnie sedentarie;
  2. Reggimento "Real Marina" (con un organico di 2400 uomini) articolato in due battaglioni per sei compagnie;
  3. Corpo di genio marittimo;
  4. Corpo telegrafico;
  5. Corpo sanitario;
  6. Corpo amministrativo con tre Dipartimenti (Napoli, Palermo e Messina).

Organo supremo dell'Armata di Mare era l'Ammiragliato, retto da un principe di Borbone fratello del Re, comandante generale dell'Armata di Mare con il grado di viceammiraglio, affiancato da un Consiglio di Ammiragliato.

Nel 1848, durante la prima guerra di indipendenza, Ferdinando II inviò 5 fregate a vapore, 2 a vela, 1 brigantino e vari trasporti con 4.000 soldati, agli ordini di Guglielmo Pepe, allo scopo di liberare Venezia dagli austriaci; ma poi la rivoluzione del 15 maggio mandò tutto a monte, e il Re si ritirò dalla guerra.

Dopo le vicende del 1848 nell'Adriatico, la Marina napoletana visse un periodo apparentemente calmo durante il quale furono varate diverse unità che svolgeranno servizio anche nella Regia Marina unitaria: ricordiamo in particolare il vascello Monarca poi Re Galantuomo che con gli 86 pezzi su 3 ponti e 3.669 t. disl. risultò la più potente unità da guerra delle Marine preunitarie, singolarmente somigliante alla Nave Scuola Amerigo Vespucci che sarà costruita 80 anni più tardi nello stesso cantiere, nonché la pirofregata Ettore Fieramosca, la prima nave mossa da caldaia di produzione nazionale.

Minata dal forte dissenso politico verso il governo borbonico che interessò i suoi gradi più elevati, che avevano già stretto accordi con esponenti del regno sabaudo, mancò totalmente al momento dello sbarco garibaldino e nelle fasi successive[9].

Cronistoria dell'operatività[modifica | modifica wikitesto]

Il Pirovascello Monarca, ribattezzato - dopo l'unificazione - Re Galantuomo. Non ebbe attività particolarmente rilevante, salvo la partecipazione al blocco e bombardamento di Gaeta, durante l'assedio e il pattugliamento del Basso Adriatico durante la guerra del 1866 contro l'Austria
Napoli - Arsenale della Marina con vascelli 1865 circa.

Dal 1740 al 1759 il naviglio sottile del citato Capitan Peppe condusse vaste operazioni contro i corsari barbareschi: con successo furono catturati numerosi sciabecchi turchi, tunisini, tripolini, algerini. Gli equipaggi, di solito, venivano adibiti ai lavori forzati (buona parte delle maestranze che edificarono la Reggia di Caserta era appunto formata da prigionieri di guerra barbareschi). Tuttavia, il contrasto alla guerra di corsa non poteva mai essere interrotto, dato il continuo rinnovarsi dell'attività delle flottiglie saracene. Nel 1783, 1784 e 1785 una squadra della Marina Napoletana partecipò con l'Armata Spagnola e quella portoghese a bombardamenti su Algeri.

Nel 1793 una squadra partecipò alla spedizione di Tolone in sostegno degli Inglesi, contribuendo in seguito al pattugliamento delle coste liguri e scontrandosi con le navi francesi al largo di Genova (Battaglia di Capo Noli). Durante il cosiddetto Decennio Francese in più di un'occasione le Marine di Sicilia e Napoli si trovarono contrapposte. Memorabili furono gli scontri sostenuti in quel periodo: il primo con quattordici barche cannoniere nelle acque di Castellone (Gaeta) il 4 luglio 1806 comandate dal Bausan, assalito da ventisei barche cannoniere nemiche appoggiate dalla fregata inglese Juno (32 cannoni) e della borbonica Minerva; poi il vittorioso combattimento nelle acque di Napoli fra il comandante Bausan medesimo, al comando della fregata Cerere, contro lo sloop-of-war inglese Cyane (18 cannoni), il 27 giugno 1809, con il plauso di Re Murat e del popolo napoletano presente alle fasi dello scontro; i combattimenti delle fregate Cerere e Fama con altre navi di una divisione napoletana contro la squadra inglese nelle acque di Procida.

Negli anni che vanno sino al 1830, oltre la normale attività di pattugliamento e protezione dei traffici, si verificano operazioni contro i Barbareschi (catture di navi tripoline, un tentativo non riuscito di blocco di Tripoli nell'agosto 1828 sotto il comando di Sozi Carafa[10]) sino alla pace col Bey di Tripoli del 28 ottobre 1828.

Nel 1833 fu stipulata una convenzione con il Regno di Sardegna per azioni congiunte contro i Barbareschi di Tunisi, poi intraprese dal 28 marzo al 10 maggio 1833. Le operazioni furono chiuse con esito positivo. Nel 1834 la fregata Regina Isabella effettuò un'azione dimostrativa sulle coste del Marocco per respingere le richieste di donativi del Sultano del Marocco.

Nel 1843 una divisione al comando del C.V. de Cosa (Vascello Vesuvio, Fregate Partenope, Amalia, Regina Isabella scortò in Brasile la Principessa Teresa Cristina di Borbone che andava sposa a Dom Pedro II di Braganza, Imperatore del Brasile.

Nel 1848, una formazione al comando del Retroammiraglio de Cosa, alquanto consistente (2 fregate a vela e 5 pirofregate) si unì alla squadra sarda dell'Albini nelle acque triestine, ma mantenne un atteggiamento non aggressivo verso le navi austriache. L'evolversi della guerra, la ribellione in Sicilia e l'ambiguo atteggiamento di Carlo Alberto di Savoia indussero il Sovrano napoletano a richiamare la squadra.

Nel settembre 1848 iniziarono le operazioni navali per lo sbarco a Messina (in questa occasione si ebbe il famoso bombardamento che valse il titolo di "Bomba" al Borbone). Da notare che le operazioni di sbarco destarono l'interesse britannico, sotto il profilo squisitamente militare.

Unità in servizio nell'Armata di Mare nel 1860[modifica | modifica wikitesto]

Forza navale a vela del Regno delle Due Sicilie (1860)[1]
Tipo Nome Dislocamento (t) Cannoni Luogo e data del varo
Vascello Vesuvio 3.530 84 Castellammare, 2 dicembre 1824
Vascello Monarca 3.660 86 Castellammare, 5 giugno 1850 (trasformato a elica nel 1858)
Fregata Amalia 1.642 54 Castellammare, 16 giugno 1811
Fregata Regina Isabella 2.529 50 Castellammare, 9 luglio 1827
Fregata Partenope 2.583 52 Castellammare, 17 novembre 1834
Fregata Regina 2.908 52 Castellammare, 27 settembre 1840
Corvetta Cristina 763 24 Castellammare, 15 ottobre 1828
Brigantino Generoso 640 18 Castellammare, 18 settembre 1840
Brigantino Intrepido 640 18 Castellammare, 19 dicembre 1839
Brigantino Principe Carlo 414 18 Castellammare, 16 marzo 1828
Brigantino Valoroso 594 18 Castellammare, 27 settembre 1837
Brigantino Zeffiro 594 18 Napoli, 19 dicembre 1832
Goletta Menai ... 2 ...
Cutter Sparviero 137 2 Napoli, 22 dicembre 1851

Inoltre: 4 bombardiere, 21 cannoniere, 7 bovi, 12 scorridoie, 8 leuti, 4 paranzelli e altri 23 legni sottili.

La fregata Borbone
Forza navale a vapore del Regno delle Due Sicilie (1860)[1]
Tipo Nome Dislocamento (t) Cannoni Luogo e data del varo
Fregata Farnese 3.680 ... In costruzione (varata a Castellammare, 6 aprile 1861)
Fregata Borbone 3.444 54 Castellammare, 18 gennaio 1860
Fregata Archimede 1.306 10 Castellammare, 3 ottobre 1844
Fregata Ercole 1.306 10 Castellammare, 24 ottobre 1843
Fregata Ettore Fieramosca 1.400 10 Castellammare, 14 novembre 1850
Fregata Fulminante 1.410 12 Blackwall, 1848
Fregata Guiscardo 1.018 10 Gravesend, 1843
Fregata Roberto 1.018 10 Gravesend, 1843
Fregata Ruggiero 1.018 10 Gravesend, 1843
Fregata Tancredi 1.018 10 Gravesend, 1843
Fregata Sannita 1.300 10 Castellammare, 7 agosto 1846
Fregata Torquato Tasso 1.330 10 Castellammare, 28 maggio 1856
Fregata Veloce 962 10 Cowes, 1848
Corvetta Aquila 576 4 Inghilterra 1840
Corvetta Stromboli 580 8 Gravesend, 1844
Avviso Messaggero 250 6 La Ciotat, 1850
Avviso Saetta 250 6 La Ciotat, 1850
Avviso Antelope 154 4 Inghilterra, 1843
Avviso Delfino 70 4 Castellammare, 26 maggio 1843
Avviso Ferdinando II 183 6 Inghilterra 1833
Avviso Maria Teresa 330 4 Castellammare, 18 luglio 1854
Avviso Miseno 596 8 La Ciotat, 1844
Avviso Palinuro 596 8 La Ciotat, 1844
Avviso Peloro 292 4 Inghilterra, 1842
Avviso Rondine 154 4 Inghilterra, 1843
Avviso Sirena 354 6 Castellammare, 9 novembre 1859
Rimorchiatore Eolo (rimorchiatore) ... ... ...
Rimorchiatore Furia (rimorchiatore) ... ... Castellammare, 1838
Rimorchiatore Etna (rimorchiatore) ... ... Castellammare

Organigramma dell'Armata di Mare nel 1860[modifica | modifica wikitesto]

Luigi di Borbone, conte d'Aquila
Pianta organica della Real Marina delle Due Sicilie (1860)[11]
Corpo Ufficiali Sottufficiali Comuni TOTALE
Ufficiali generali 16 0 0 16
Ufficiali di guerra 150 0 0 150
Genio marittimo 19 0 0 19
Genio idraulico 12 0 16 28
Corpo Telegrafico 42 0 468 510
Parco Artiglieria 6 10 65 81
Cannonieri e Marinai 61 201 1.992 2.254
Reggimento Real Marina (anfibio) 34 96 1.200 1.330
Corpo amministrativo 64 16 0 80
Chirurghi naviganti 48 0 0 48
Ospedali 24 13 16 53
Cappellani naviganti 24 0 0 24
Piloti 0 120 0 120
Macchinisti 0 134 0 134
Bassi Ufficiali di mare 0 208 0 208
Maestranze arsenali 0 0 253 253
Marinai e cannonieri di pianta fissa 0 0 1.176 1.176
TOTALI 500 798 5.168 6.466

Presidente del Consiglio dell'Ammiragliato: V.A. Conte dell'Aquila

Dopo la fine del Regno delle Due Sicilie[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta di Gaeta il 15 febbraio 1861, la fine del Regno delle due Sicilie sancì l'unione della piccola Real Marina Sarda alla Real Marina del Regno delle Due Sicilie, che contribuì con equipaggi esperti e navi di buona qualità, al suo potenziamento[12]. Il 17 marzo successivo, con la proclamazione del Regno da parte del Parlamento di Torino, nacque la Regia Marina e l'assertore più convinto della necessità per il Regno d'Italia di dotarsi di una forza navale potente che amalgamasse le competenze delle marine preunitarie, il conte Camillo Benso di Cavour (allora Presidente del Consiglio), non mancò di ribadire il proprio impegno di fare dell'Italia una nazione di spiccato carattere marittimo[13]:

« Voglio delle navi tali da servire in tutto il Mediterraneo, capaci di portare le più potenti artiglierie, di possedere la massima velocità, di contenere una grande quantità di combustibile [...] consacrerò tutte le mie forze [...] affinché l'organizzazione della nostra Marina Militare risponda alle esigenze del Paese[12] »
(Camillo Benso Conte di Cavour)

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Lamberto Radogna, Storia della Marina Militare delle Due Sicilie (1734-1860), Mursia 1978
  2. ^ Schipa, pp. 384-385.
  3. ^ II REGGIMENTO FANTERIA DI MARINA: I “MARINES” DEL SUD | Comitati delle Due Sicilie
  4. ^ Glossario marinaro in linea. URL consultato il 24 maggio 2012.Orca - Veliero mercantile di origine olandese, largo e piatto, attrezzato con tre alberi e bompresso
  5. ^ a b c d aising.it/docs/atticonvegno/p693-702.pdf Nuove tecnologie nautiche: dal vascello alla nave a vapore 24 maggio 2012
  6. ^ [1] Marina Militare italiana. URL consultato il 19 agosto 2011.
  7. ^ Nascita della Regia Marina, Marina Militare italiana.
  8. ^ Vale la pena precisare che detto Regolamento, come tutti gli atti e leggi del Regno redatto in perfetta lingua italiana, non riporta alcun comando o articolo denominato "Facite ammuina", tantomeno in successivi aggiornamenti. Esso è da considerarsi a tutti gli effetti un falso.
  9. ^ Arrigo Petacco, "La regina del sud", Arnoldo Mondadori, Milano, 1992, pag. 117
  10. ^ Cfr. pag. 48-49 in Harold Acton, Gli ultimi Borboni di Napoli (1825-1861), Giunti Editore, 1997
  11. ^ A.S.N., Almanacco militare, 1860
  12. ^ a b Franco Favre, p. 13
  13. ^ Nascita della Regia Marina, Marina Militare italiana. URL consultato il 13 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tito Battaglini. Il crollo militare del Regno delle Due Sicilie. Modena, Società Tipografica Modenese, 1938.
  • Lodovico Bianchini, Della storia delle finanze del Regno di Napoli, Palermo 1839, pp. 474-475.
  • Mariano d'Ayala. Le vite dei più celebri capitani e soldati napoletani. Napoli, Stamperia dell'Iride, 1843.
  • Giuseppe De Luca. L'Italia meridionale e l'antico reame delle Due Sicilie. Descrizione geografica, storica e amministrativa. Napoli, Stabilimento Classici Italiani, 1860.
  • Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra, 2008ª ed., Udine, Gaspari, ISBN 978-88-7541-135-0.
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, Napoli 9 gennaio 1799: una Flotta in fumo, Supplemento alla Rivista Marittima, Roma, Gen/1999.
  • Antonio Formicola, Claudio Romano L'industria navale di Ferdinando II di Borbone Napoli, Fiorentino 1990.
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, La Base Navale di Napoli, dalle origini ai giorni nostri, Supplemento alla Rivista Marittima, Roma, Apr/1995;
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, Pittori di Marina alla Corte dei Borbone di Napoli, Supplemento alla Rivista Marittima, Roma, Apr/2004;
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, Storia della Marina da Guerra dei Borbone di Napoli - vol. I - 1734-1799, Uff. Storico M.M. Roma, 2005;
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, Storia della Marina da Guerra dei Borbone di Napoli - vol. II, tomo I: 1799-1815, tomo II 1815-1830, Uff. Storico M.M. Roma, 2010;
  • Antonio Formicola, Claudio Romano, Vele, Corazze e Cannoni Roma, Logart Press, 1996.
  • Nicola Forte, Viaggio nella memoria persa del Regno delle Due Sicilie. La storia, i fatti, i fattarielli ed. Imagaenaria, Ischia 2007 ISBN 88-89144-70-X
  • Arturo Fratta (a cura di) La fabbrica delle navi, Napoli, Electa 1990.
  • Giuseppe Maria Galanti, "Nuova descrizione storica e geografica delle Sicilie", Vol. 3, Napoli 1789, pagg. 90-94
  • Virgilio Ilari, Piero Crociani e Giancarlo Boeri, Storia militare del Regno Murattiano (1806-1815), Invorio, Widerholdt, 2007, III, pp. 243-416 ("La marina napoletana (1806-1815)".
  • Virgilio Ilari, Piero Crociani e Giancarlo Boeri,Le Due Sicilie nelle guerre napoleoniche (1800-1816), Roma, USSME, 2008, II, pp. 879-942 ("La Real Marina (1800-1815)".
  • Ruello Majolo. L'Accademia Borbonica della Real Marina delle Due Sicilie ed.f.c. Ass. Nunziatella, Napoli, 1994.
  • Benedetto Maresca. La marina napoletana nel secolo XVIII. Napoli, Pierro, 1902.
  • Ruggiero Vitagliano Moccia, Giornale di bordo Milano, Mursia 1975.
  • Lamberto Radogna, Storia della Marina militare delle Due Sicilie 1734-1860, Milano, Mursia, 1978. ISBN 88-425-8753-2
  • Lamberto Radogna Cronistoria unità da guerra Marine preunitarie Roma, Uff. Storico M.M. 1981.
  • Lamberto Radogna, Storia della Marina Mercantile delle Due Sicilie, Milano, Mursia, 1982.
  • Roberto Maria Selvaggi, Carlo Di Somma e Ruello Majolo, La Reale Marina di Napoli nel 1860-61, Napoli, ANN, 1992.
  • Michelangelo Schipa, Il Regno di Napoli al tempo di Carlo di Borbone, Napoli, Stabilimento tipografico Luigi Pierro e figlio, 1904.
  • Antonio Zezon, Tipi Militari dei differenti Corpi che compongono il Real Esercito e l'Armata di Mare di S. M. il Re del Regno delle Due Sicilie per Antonio Zezon. Napoli 1850. (ristampa in serie limitata), Napoli, Bideri, 1970.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]