Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa pagina è protetta

Coordinate: 40°49′18.22″N 14°19′13.9″E / 40.821729°N 14.320528°E40.821729; 14.320528

Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa
Haupthalle Eisenbahnmuseum Pietrarsa.jpg
Tipo museo ferroviario
Data fondazione 7 ottobre 1989
Indirizzo via Pietrarsa, Napoli
Sito Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa

Il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa è un museo ferroviario ubicato tra le estreme propaggini della periferia orientale di Napoli, nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio, al confine con i comuni di Portici e San Giorgio a Cremano. Sorge in posizione adiacente alla stazione ferroviaria Pietrarsa-San Giorgio a Cremano.

Storia

Il museo ferroviario è stato realizzato laddove sorgeva il reale opificio borbonico di Pietrarsa, struttura concepita da Ferdinando II di Borbone nel 1840 come industria siderurgica e dal 1845 come fabbrica di locomotive a vapore. L'attività ebbe inizio con il montaggio in loco di 7 locomotive, utilizzando le parti componenti costruite in Inghilterra secondo uno dei precedenti modelli inglesi acquistati nel 1843. Il 22 maggio di quell'anno, Ferdinando II emanò un editto nel quale tra l'altro riportava: «È volere di Sua maestà che lo stabilimento di Pietrarsa si occupi della costruzione delle locomotive, nonché delle riparazioni e dei bisogni per le locomotive stesse degli accessori dei carri e dei wagons che percorreranno la nuova strada ferrata Napoli-Capua». Nel 1853 a Pietrarsa prestavano la loro opera circa 700 operai facendo dell'opificio il primo e più importante nucleo industriale italiano oltre mezzo secolo prima che nascesse la Fiat e 44 anni prima della Breda.[1]

Ingresso del museo

La struttura ebbe varie visite importanti tra cui lo zar di Russia, Nicola I, che manifestò l'intenzione di prendere Pietrarsa a modello per il complesso ferroviario di Kronstadt e nel 1849 anche del papa Pio IX.

Con l'Unità d'Italia, dal 1861 l'opificio di Pietrarsa entrò in una fase difficile; una relazione dell'ingegnere Grandis, voluta dal governo piemontese dipingeva negativamente l'attività e la redditività dell'opificio consigliandone addirittura la vendita o la demolizione[2]. L'anno dopo avveniva la cessione della gestione alla ditta Bozza; ciò portò alla riduzione dei posti di lavoro, a scioperi e gravi disordini repressi nel sangue. Il 6 agosto 1863 una carica di bersaglieri provocava 7 morti e 20 feriti gravi[3]. Tuttavia, nonostante la parziale dismissione degli impianti, nel successivo decennio vennero prodotte oltre 150 locomotive. Il ridimensionamento di Pietrarsa continuò fino alla riduzione a 100 dei posti di lavoro fino a che nel 1877 lo Stato assunse direttamente la gestione sotto la direzione dell'ingegnere Passerini risollevandone le sorti e migliorandone la produttività; da allora e fino al 1885 vennero prodotte ulteriori 110 locomotive, oltre 800 carri merci e quasi 300 carrozze viaggiatori oltre a parti di ricambio per rotabili. Nel 1905 in seguito alla statalizzazione delle ferrovie entrò a far parte delle infrastrutture primarie delle nuove Ferrovie dello Stato divenendo una delle officine di Grandi Riparazioni specializzata in particolare nel settore delle locomotive a vapore.[1] Secondo i dati forniti dall'album ufficiale, delle Locomotive ed Automotrici in servizio ed in costruzione al 30 giugno 1914, edito nel 1915 dalle Ferrovie dello Stato, a Pietrarsa, tra il 1867 e il 1888 erano state prodotte, per le Meridionali, la Rete Mediterranea, la Rete Adriatica, la Rete Sicula e la Società della Ferrovia Sicula Occidentale, ben 185 locomotive a vapore con tender dei gruppi (secondo immatricolazione FS) FS 120, FS 155, FS 185, FS 190, FS 200, FS 206, 215, FS265, FS 268, FS 385, FS 391, 420. Successivamente al 1888 le ordinazioni risultano rivolte a fabbriche estere o del Nord Italia indicando un nuovo indirizzo di utilizzazione dell'opificio come impianto di manutenzione e riparazione.[4] Con l'avvento dei nuovi sistemi di trazione elettrica e poi diesel, ebbe inizio il lento ma inesorabile declino, culminato il 15 novembre 1975 con il decreto di chiusura e la decisione di fare di Pietrarsa un museo ferroviario a tutti gli effetti, sfruttando i vecchi capannoni della prima fabbrica di locomotive d'Italia. L'inaugurazione avvenne il 7 ottobre 1989 in occasione del 150º anniversario delle ferrovie italiane. Successivamente chiuso dopo un lungo periodo di ristrutturazione, il museo è stato riaperto il 19 dicembre del 2007.

Esposizioni

Statua in ghisa di Ferdinando II di Borbone

Costituito da 7 padiglioni per un'estensione complessiva di circa 36.000 metri quadrati, ospita locomotive a vapore, locomotive elettriche trifase, locomotive a corrente continua, locomotori diesel, elettromotrici, automotrici e carrozze passeggeri. Il primo padiglione è stato delegato alla conservazione dei mezzi del “passato”, ad iniziare dalla ricostruzione storica del primo convoglio della Napoli-Portici, per seguire con le locomotive a vapore e i locomotori elettrici trifasi.

Il secondo padiglione raccoglie una vasta rappresentanza di rotabili e carri in scala ridotta, nonché plastici e oggetti di uso comune in ferrovia. Il terzo padiglione diviso in tre settori, ospita vecchi macchinari della ex officina, un settore navale con modelli ed oggetti vari, nonché locomotive rappresentanti il “passato prossimo” e cioè automotrici diesel ed elettriche, carrozze e locomotori elettrici a corrente continua. Interessante è il treno Reale, convoglio di undici vagoni, costruito nel 1929 per le nozze di Umberto II di Savoia con Maria José del Belgio, mentre di recente è stata acquisita una vettura presidenziale offerta nel 1989 da Francesco Cossiga.

Nel museo trovano spazio celebri locomotive a vapore come la gruppo 290, gruppo 835, gruppo 480, elettriche in corrente continua come la E.326, E.626, nonché locomotive elettriche trifase, gioielli della storia ferroviaria italiana. Imponente è la statua di Ferdinando II di Borbone, opera fusa in ghisa nello stesso opificio, di rilievo il salone reale stile liberty dal soffitto in oro zecchino e dal tavolo in mogano esotico.

Infine, gioiello fra i gioielli, la carrozza-salone del treno dei Savoia, attualmente "Treno della Presidenza della Repubblica Italiana". L'intera area del museo di Pietrarsa è di 36.000 metri quadrati, dei quali 14.000 coperti.

I rotabili del museo

Locomotive a vapore

I dati di costruzione sono desunti da[5]

Padiglione A, mostra delle locomotive a vapore
FS 477.011
FS 741.137
FS E.326.004
FS E.428.209
FAV E.440
FS E.551
FS E.626.005
FS 640.088

Locomotive elettriche

Automotrici ed automotori

Locomotive FS da manovra

Locomotive Diesel

Note

  1. ^ a b Il-museo-nazionale di Pietrarsa.pdf
  2. ^ Il-museo-nazionale di Pietrarsa.pdf a pag 19
  3. ^ Il-museo-nazionale di Pietrarsa.pdf a pag 21
  4. ^ L'album delle Locomotive a vapore, Duegi Editrice eGroup, Albignasego 2005. Volume I, ristampa del catalogo ufficiale edito dalle Ferrovie dello Stato nel 1915 in 2 volumi: Locomotive ed Automotrici in servizio ed in costruzione al 30 giugno 1914
  5. ^ The Naples Railway Museum
  6. ^ Gian Guido Turchi, Dall'"Adriatica" al museo di Pietrarsa. Breve storia del gruppo 290 FS, in I treni oggi, 1 (1980), n. 1, pp. 26-28.
  7. ^ Notizie flash, in I treni oggi, 2 (1981), n. 11, p. 5.
  8. ^ Maurizio Panconesi, Il treno che commosse l'Italia, in La tecnica professionale, n. s. 18 (2011), n. 12, pp. 41-42.
  9. ^ Mario Di Fabio, Benedetto Sabatini, Luigi Voltan, E.428. Tabella, in Tutto treno, 14 (2002), n. 155, inserto centrale con p.s.n.
  10. ^ Una locomotiva da salvare, in I treni oggi, 2 (1981), n. 9, p. 4.
  11. ^ E.626.005: andrà a Pietrarsa!, in I treni oggi, 2 (1981), n. 12, p. 33.

Bibliografia

  • Centro relazioni aziendali FS (a cura di), Da Pietrarsa e Granili a Santa Maria La Bruna, Napoli-Roma, 1971.
  • Museo Nazionale Ferroviario di Napoli Pietrarsa. Riuso musealistico delle antiche officine borboniche, Roma, Ferrovie dello Stato, 1982.
  • AGF, Da Pietrarsa a Pietrarsa. Storia e immagini del treno italiano, Roma, 1990.
  • A. Tanzillo (a cura di), Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, (s.l. e s.d.).
  • Gian Guido Turchi, 150 anni e un museo, in iTreni, n. 99, 1989.

Filmografia

  • Il museo di Pietrarsa: Napoli-Portici, la prima ferrovia italiana scritto e diretto da Paolo Jorio (2002)

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni