Pirazolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pirazolo
formula di struttura
Nome IUPAC
1,2-diazaciclo-penta-2,4-diene
Nomi alternativi
1,2-diazolo, 1H-Pirazolo (9CI)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C3H4N2
Massa molecolare (u) 68,08
Aspetto solido incolore
Numero CAS [288-13-1]
Numero EINECS 206-017-1
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,116
Temperatura di fusione 67-70 °C (340-343 K)
Temperatura di ebollizione 186-188 °C (459-461 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302 - 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

Il pirazolo è un composto eterociclico aromatico formato da un singolo anello aromatico di cinque atomi, di cui tre di carbonio e due di azoto in posizione adiacente.

Le molecole che hanno per base il pirazolo sono detti pirazoli e se hanno effetti farmacologici sull'uomo sono classificati come alcaloidi.

I pirazoli sono prodotti sinteticamente per reazione di aldeidi α,β-insature con idrazina e successiva deidrogenazione.

I pirazoli trovano impiego come analgesici, antinfiammatori, antipiretici, antiartmici, tranquillanti, rilassatori muscolari, psicoanalettici, anticonvulsivi, inibitori della monoaminossidasi, antidiabetici e antibatterici.

Composti strutturalmente derivati sono la pirazolina e la pirazolidina.

Il pirazolo è inoltre un inibitore competitivo dell'alcol deidrogenasi.

Composti derivati dal pirazolo[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 26.02.2010
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia