Margaromma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Margaromma
Margaromma semirasa keyserling.jpg
Margaromma semirasa,
disegno anatomico di Keyserling
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Euophryinae
Tribù Zenodorini
Genere Margaromma
Keyserling, 1882
Sinonimi

Allohyllus
Strand, 1911

Specie

Margaromma Keyserling, 1882 è un genere di ragni appartenente alla Famiglia Salticidae.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere deriva dal greco μὰργαρος, màrgaros, che significa perla e dal greco ὄμμα, òmma, che significa occhio, oculo; in pratica dagli occhi di perla, a causa della lucentezza o della colorazione.

Nel tempo vi è stata anche una notevole confusione circa il genere, maschile, femminile o neutro, da attribuire al nome, con il risultato di ingenerare confusione all'atto di denominare le specie[1].

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Per l'accentuata postura del cefalotorace e per la struttura dell'opistosoma è dubbio che M. spatiosum appartenga effettivamente a questo genere[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Le 12 specie oggi note di questo genere sono diffuse prevalentemente nella parte settentrionale dell'Indonesia e in Australia. Una sola specie, la M. nitidum, venne rinvenuta in Camerun[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Margaromma è considerato un sinonimo anteriore di Allohyllus Strand, 1911, a seguito di uno studio degli aracnologi Heciak & Prószynski del 1984[2].

Attualmente, a dicembre 2010, si compone di 12 specie[2]:

Specie trasferite[modifica | modifica sorgente]

Nomen nudum[modifica | modifica sorgente]

  • Margaromma kochi Simon, 1901; gli esemplari maschili e femminili reperiti nelle Molucche, a seguito di uno studio dell'aracnologo Prószynski del 1984, sono da considerarsi nomina nuda[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Murphy & Murphy 2000: 275
  2. ^ a b c d e f The world spider catalog, Salticidae
  3. ^ Specie tipo del genere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Frances e John Murphy, An Introduction to the Spiders of South East Asia, Kuala Lumpur, Malaysian Nature Society, 2000.
  • Zabka, Marek, 1991 - Studium taksonomiczno-zoogeograficzne nad Salticidae (Arachnida: Araneae) Australii. Wyzsza Szkola Rolniczo-Pedagogiczna W Siedlcach Rozprawa Naukowa 32: 1-110.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi