Isma'il Haniyeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ismāʿīl Haniyeh
إسماعيل هنية

Primo ministro dell'Autorità Nazionale Palestinese
Durata mandato 29 marzo 2006 –
14 giugno 2007
Predecessore Ahmed Qurei
Successore Salam Fayyad

Dati generali
Partito politico Hamas

Ismāʿīl Haniyeh, scritto anche Ismail Haniya, in arabo: إسماعيل هنية (Al-Shati, 4 gennaio 1963), è un politico palestinese.

Primo ministro dell'Autorità Nazionale Palestinese dopo le elezioni vinte dal suo movimento Hamās il 25 gennaio 2006. Venne nominato Primo ministro il giorno 16 febbraio 2006 e giurò il 29 marzo 2006.

Sposato e padre di sette figli, Haniyeh è diplomato in "Lingua e letteratura araba". All'interno del movimento terroristico di Hamās è stato il braccio destro del fondatore del movimento, Ahmed Yassin, e rappresenta l'ala cosiddetta "pragmatica" di Hamās (secondo la rete televisiva del Qatar, Al Jazeera, "Haniyeh, a differenza di qualche altro capo di Hamās, ha evitato di suggerire la distruzione di Israele"). Ha conosciuto le carceri israeliane per essere stato arrestato in manifestazioni di protesta nel 1987 e nel 1988 e quindi nuovamente arrestato nel dicembre del 1992 e deportato assieme ad altri 451 componenti di Hamās e della Jihād islamica nel Sud del Libano, tornando poi a Gaza solo a fine 1993, diventando poi preside nell'Università Islamica di Gaza.

I suoi rapporti con Israele sono ovviamente pessimi, dal momento che lo Stato ebraico accusa di terrorismo l'organizzazione di Hamās, già decapitata con azioni "mirate" di omicidio da parte israeliana negli scorsi anni. Ancora nel corso del 2006 il vice Primo ministro e ministro degli Affari Strategici israeliano Avigdor Lieberman ha esortato a liquidare fisicamente il Primo ministro palestinese qualora il soldato israeliano Gilad Shalit, sequestrato da palestinesi, non fosse stato rilasciato o, peggio, se fosse stato ucciso.

Nel novembre 2006, dopo mesi di aspre polemiche dovute alle posizioni del Governo circa Israele, Haniyeh ha deciso di dimettersi in seguito a colloqui tra il Presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese Mahmud Abbas e Hamās, favorendo così la nascita di un Governo di Unità Nazionale. Il candidato più probabile alla successione era l'ex rettore dell'Università Islamica di Gaza, Mohammed Shbair. Nei primi giorni del mese seguente gli accordi tra Hamās e Abū Māzen sono saltati e pertanto Haniyeh non si è dimesso. Inoltre durante una visita al Presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha avuto modo di rivedere le proprie posizioni sullo Stato di Israele dichiarando che non potrà mai essere riconosciuto da Hamās.

Il 15 febbraio 2007, in seguito ad accordi con Abū Māzen, si dimise ricevendo l'incarico di costituire un governo di unità nazionale, grazie all'intermediazione alla Mecca del re dell'Arabia Saudita re ʿAbd Allāh. Il 18 marzo seguente prestò giuramento alla cerimonia di insediamento del nuovo esecutivo di unità nazionale. Nonostante ciò le tensioni tra le due anime del Governo divennero sempre più insanabili fino a portare a una situazione di guerra civile a inizio giugno, culminata con la presa della striscia di Gaza da parte di Hamas. Come contromisura, il 14 giugno Abū Māzen considerò decaduto il governo e affidò il giorno seguente l'incarico di formarne uno nuovo a Salam Fayyad, esponente del partito centrista La Terza Via.

Affermazioni[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« If Israel declares that it will give the Palestinian people a State and give them back all their rights, then we are ready to recognise them »
(IT)
« Se Israele dichiarasse di dare ai palestinesi uno Stato e ridare loro tutti i loro diritti, allora saremmo pronti a riconoscerli »
(Intervista al Washington Post, febbraio 2006)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]