Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
Archidioecesis Ferrariensis-Comaclensis
Chiesa latina
Ferrara Duomo pano.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Bologna
Regione ecclesiastica Emilia-Romagna
  FerraraComacchio diocesi.png
Arcivescovo Luigi Negri
Arcivescovi emeriti Paolo Rabitti
Sacerdoti 176 di cui 140 secolari e 36 regolari
1.559 battezzati per sacerdote
Religiosi 43 uomini, 226 donne
Diaconi 12 permanenti
Abitanti 279.000
Battezzati 274.400 (98,4% del totale)
Superficie 3.138 km² in Italia
Parrocchie 171
Erezione IV secolo (Ferrara)
VI secolo (Comacchio)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale San Giorgio
Concattedrali San Cassiano
Santi patroni Santa Maria delle Grazie
Beata Vergine Maria in Aula Regia
San Giorgio Martire
San Cassiano
Indirizzo Corso Martiri della Libertà 77, 44100 Ferrara, Italia
Sito web www.diocesiferrara.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Italia
La concattedrale di san Cassiano a Comacchio

L'arcidiocesi di Ferrara-Comacchio (in latino: Archidioecesis Ferrariensis-Comaclensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Bologna appartenente alla regione ecclesiastica Emilia-Romagna. Nel 2006 contava 274.400 battezzati su 279.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Luigi Negri.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende 23 comuni della provincia di Ferrara.

Sede arcivescovile è la città di Ferrara, dove si trova la cattedrale di San Giorgio. A Comacchio si trova la concattedrale di San Cassiano.

Il territorio è suddiviso in 171 parrocchie, raggruppati in 8 vicariati:

  • vicariato urbano Madonna delle Grazie;
  • vicariato suburbano Santa Caterina de Vigris;
  • vicariato suburbano San Maurelio vescovo;
  • vicariato foraneo Beato Tavelli da Tossignano;
  • vicariato foraneo San Giorgio martire;
  • vicariato foraneo Sant'Apollinare martire;
  • vicariato foraneo San Cassiano martire;
  • vicariato foraneo San Guido abate.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sede di Ferrara[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Voghenza fu eretta nel IV secolo. Era originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Milano, ma nella prima metà del V secolo entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Ravenna.

Nella seconda metà del VII secolo la sede episcopale fu traslata a Ferrara, ma i vescovi continuarono a portare il titolo di Voghenza per altri tre secoli: risale al 965 il primo documento in cui un vescovo si intitola Episcopus Ferrariensis. Per tutto il resto del X secolo si alternano nelle intestazioni il vecchio e il nuovo titolo.

All'inizio del XII secolo durante l'episcopato di Landolfo la sede vescovile che si trovava oltre il Po a san Giorgio transpadano fu trasferita nel sito dell'attuale città di Ferrara, dove fu edificata la cattedrale. Nello stesso periodo Ferrara si sottrasse alla giurisdizione metropolitica dell'arcivescovo di Ravenna, ottenendo da papa Pasquale II la bolla di esenzione Officii nostri dell'8 aprile 1106, confermata da altre due bolle di papa Innocenzo II, che iniziano entrambe con le parole Ad hoc in Apostolicae sedis cathedra e datate 11 maggio 1133 e 22 aprile 1139.[1]

Le cronache del 28 marzo 1171 registrano un miracolo eucaristico che sarebbe avvenuto nella chiesa di Santa Maria in Vado a Ferrara. Secondo la versione più comune del miracolo, dall'Ostia spezzata sarebbe uscito del sangue, ma non mancano versioni diverse, scritte in epoche posteriori.

Nel 1187 papa Urbano III morì a Ferrara e ivi si riunì il conclave che elesse come suo successore Gregorio VIII.

Nel 1269 morì Armanno Pungilupi, che dopo una vita di mortificazione era venerato dal popolo come beato. Fu sepolto nella cattedrale e successivamente la salma fu posta in un'arca di marmo e gli fu innalzato un altare. Il suo culto crebbe e fra il popolo circolavano voci su presunti miracoli dovuti alla sua intercessione. Tuttavia, il processo canonico istituito dal vescovo Alberto non solo rigettò il culto, ma reputò il Pungilupi colpevole di eresia, visto che nel 1254 era stato condannato dall'Inquisizione per alcuni errori circa l'Eucaristia. Nel 1300 il corpo del Pungilupi fu arso lungo le rive del Po, la sua arca venne distrutta e l'altare demolito. Ne seguì un tumulto popolare, sedato dalla forza pubblica.

Nel 1438 il concilio di Basilea fu traslato a Ferrara, dove rimase fino all'anno successivo in cui fu traslato a Firenze.

Il 22 luglio 1584 il vescovo Pietro Leoni istituì il seminario diocesano. Trasferito in nuovi locali nel 1724, il seminario verrà ampliato nel 1755.

Il 27 luglio 1735 Ferrara è stata elevata al rango di arcidiocesi con la bolla Paterna pontificii nobis di papa Clemente XII.

Nel 1798 la repubblica cisalpina, dopo aver costretto l'arcivescovo all'esilio, impose pesanti limitazioni al culto. Soppresse sette conventi di monache e obbligò le monache di un altro convento a tornare al secolo; molte chiese furono chiuse e adibite ad usi profani; furono soppresse tutte le confraternite; furono vietate tutte le manifestazioni pubbliche del culto, fra cui tutte le processioni; fu soppresso il capitolo cattedrale; furono confiscati i beni ecclesiastici e fu imposto che il concorso per i parroci tenesse conto solo dell'istruzione dei candidati.

Nel 1799 gli austriaci sconfissero i francesi e l'arcivescovo poté fare ritorno a Ferrara e porre fine a tutte le limitazioni previste l'anno addietro. Tuttavia, nel 1801 tornarono i francesi e ripresero la loro politica restrittiva in fatto di religione: alle limitazioni del 1798 aggiunsero nel 1806 una riduzione del numero delle parrocchie.

Nel 1803 in forza del concordato fra Napoleone Bonaparte e papa Pio VII, l'arcidiocesi di Ferrara fu elevata al rango di sede metropolitana e le furono date come suffraganee le diocesi di Adria, di Comacchio, di Mantova e di Verona.

Nel 1815 il Congresso di Vienna sottrasse a Ferrara le suffraganee a nord del Po e anche la diocesi di Comacchio ritornò nella provincia ecclesiastica di Ravenna. Ferrara si trovò così a non avere più diocesi suffraganee; negli Annuari Pontifici di fine secolo è segnalata come immediatamente soggetta alla Santa Sede.

L'8 dicembre 1976, con il decreto Ad maius Christifidelium della Congregazione per i Vescovi, Ferrara perse la dignità metropolitica, pur mantenendo il titolo arcivescovile, e divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Bologna.

Sede di Comacchio[modifica | modifica sorgente]

È difficile datare l'origine della diocesi di Comacchio, anche se gli studiosi unanimemente attribuiscono la nascita della sede nel VI secolo. Il primo vescovo storicamente documentato è Vincenzo[2]; una lapide, che lo descrive come primus episcopus civitatis Cumiacli, è stata scoperta nella cattedrale cittadina, che lui stesso fece edificare all'epoca dell'arcivescovo ravennate Felice, ossia tra il 708 ed il 724.

La diocesi fu per lungo tempo, fin dagli inizi della sua storia, suffraganea dell'arcidiocesi di Ravenna. Durante il periodo napoleonico entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Ferrara, ma poi nel 1815 ritornò ad essere suffraganea di Ravenna. Nel dicembre 1976 la diocesi fu sottratta alla sua antica metropolia per entrare a far parte della provincia ecclesiastica di Bologna.

Il 18 maggio 1965 con la bolla Pomposiana Abbatia di papa Paolo VI ai vescovi pro tempore di Comacchio fu concesso il titolo di abate di Pomposa.

Sedi unite di Ferrara-Comacchio[modifica | modifica sorgente]

Già il 29 dicembre 1908 le due sedi erano state unite, ma l'unione durò fino al 7 luglio 1920 quando furono separate in forza del decreto Instantes supplicationes della Congregazione Concistoriale.

Il 15 luglio 1976, con la nomina di Filippo Franceschi, le due sedi furono unite in persona episcopi.

Il 30 settembre 1986, in forza del decreto Instantibus votis della Congregazione per i Vescovi, fu stabilita la plena unione delle due diocesi e la nuova circoscrizione ecclesiastica ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Sede di Voghenza[modifica | modifica sorgente]

  • Giulio † (menzionato nel 331)
  • Oltrando † (IV secolo)[3]
  • San Leone I † (menzionato nel 364)[4]
  • Costanzo † (menzionato nel 379 e nel 390)[5]
  • Agatone † (menzionato nel 390)
  • Virginio † (menzionato nel 431)[6]
  • Marcellino † (menzionato nel 442)[7]
  • Giovanni I † (menzionato nel 462)
  • Marcello † (menzionato nel 494)
  • Giorgio † (525 - 539)
  • Mauricino † (545 - 548)
  • Vittore † (circa 560 - dopo il 596)
  • Martino † (menzionato nel 608)
  • San Leone II † (611 - 620)
  • San Maurelio † (640 / 642 - 644)[8]
  • Marino † (menzionato nel 657)
  • Andrea I † (menzionato nel 678)
  • Giustino † (menzionato nel 680)
  • Giovanni II † (menzionato nel 772)
  • Andrea II † (prima dell'816 - dopo l'827)
  • Costantino † (menzionato nell'861)
  • Viatore † (prima dell'869 - dopo l'882)

Sede di Ferrara[modifica | modifica sorgente]

Sede di Comacchio[modifica | modifica sorgente]

  • Vincenzo † (all'inizio dell'VIII secolo)
  • Vitale † (prima del 787 - dopo l'827)
  • Cipriano † (menzionato nell'858)
  • Stefano † (menzionato nell'879)
  • Orso † (menzionato nel 954)
  • Bernardo ? † (X secolo)
  • Gregorio † (menzionato nel 969)
  • Giorgio † (menzionato nel 997)
  • Giovanni I † (prima del 1003 - dopo il 1016)
  • Pietro † (menzionato nel 1053)
  • Adelberto o Alberto † (menzionato nel 1086)
  • Ildebrando † (menzionato nel 1122)
  • Enrico, O.Cist. † (menzionato nel 1141)
  • Leone † (menzionato nel 1154)
  • Giovanni II † (prima del 1205 - dopo marzo 1222)[9]
  • Donato † (1222 - ?)
  • Bozio † (prima del 1253 - 1261)
  • N. (Nicola ?) † (menzionato il 4 marzo 1261)
  • Michele † (prima di giugno 1265 - dopo il 1274)
  • Taddeo † (prima di giugno 1277 - dopo il 1280)
  • Bartolo † (28 febbraio 1285 - ? dimesso)
  • Onorato ? † (?)
  • Pietro Mancinelli, O.P. † (1304 - 1327 deceduto)
  • Esuperanzio Lambertazzi † (17 febbraio 1327 - 22 novembre 1327 nominato vescovo di Adria)
  • Francesco de' Boatteri, O.P. † (26 marzo 1328 - 21 marzo 1333 deceduto)
  • Bartolomeo, O.P. † (30 luglio 1333 - 1348 deceduto)
  • Pace, O.F.M. † (8 dicembre 1348 - 1349 deceduto)
  • Remigio, O.E.S.A. † (22 giugno 1349 - 26 aprile 1357 nominato vescovo di Pistoia)
  • Guglielmo Vasco, O.F.M. † (16 luglio 1357 - 24 novembre 1371 nominato vescovo di Siena)
  • Teobaldo, O.S.B. † (24 novembre 1371 - prima di agosto 1381 deceduto)
  • Federico Purlilli † (1381 - ?)
    • Biagio, O.F.M. † (16 giugno 1382 - 1385) (antivescovo)
  • Simone Saltarelli, O.P. † (16 luglio 1386 - 12 aprile 1396 nominato vescovo di Trieste)
  • Pietro Buono, O.S.B. † (12 aprile 1396 - 1400 deceduto)
  • Onofrio Visdomini, O.E.S.A. † (13 dicembre 1400 - 1401 dimesso)
  • Giacomo Bertucci degli Obizzi † (4 gennaio 1402 - 11 settembre 1404 nominato vescovo di Adria)
  • Giovanni Strata † (15 febbraio 1406 - 27 aprile 1418 nominato vescovo di Forlì)
  • Alberto Buoncristiani, O.S.M. † (27 aprile 1418 - 1431 deceduto)
  • Mainardino de' Contrarii † (21 novembre 1431 - 1449 deposto)
  • Bartolomeo de' Medici, O.P. † (1450 - 1460)
  • Francesco Fogliani † (28 luglio 1460 - ?)
  • Filippo Zobolo † (6 marzo 1472 - 1497 deceduto)
  • Maladusio d'Este † (26 giugno 1497 - 1506 dimesso)
  • Tommaso Foschi † (14 ottobre 1506 - 1514 deceduto)[10]
  • Ghillino Ghillini † (1º settembre 1514 - 21 dicembre 1559 deceduto)
  • Alfonso Rossetti † (21 dicembre 1559 succeduto - 8 ottobre 1563 nominato vescovo di Ferrara)
  • Ercole Sacrati † (8 ottobre 1563 succeduto - 1591 deceduto)
  • Orazio Giraldi † (22 aprile 1592 - 29 gennaio 1617 deceduto)
  • Alfonso Sacrati † (12 giugno 1617 - 1625 dimesso)
  • Camillo Moro † (2 marzo 1626 - 10 maggio 1630 deceduto)
  • Alfonso Pandolfi † (12 maggio 1631 - 3 ottobre 1648 deceduto)
  • Giulio Cesare Borea † (28 giugno 1649 - 11 marzo 1655 deceduto)
  • Sigismondo Isei † (30 agosto 1655 - settembre 1670 deceduto)
  • Nicolò Arcani † (22 dicembre 1670 - 1º gennaio 1714 deceduto)
  • Francesco Bentini † (16 aprile 1714 - 3 marzo 1744 deceduto)
  • Giovanni Cavedi, O.F.M. † (3 marzo 1744 succeduto - 24 dicembre 1744 deceduto)
  • Cristoforo Lugaresi † (8 marzo 1745 - 29 settembre 1758 deceduto)
  • Giovanni Rondinelli † (22 novembre 1758 - 24 luglio 1795 deceduto)
    • Gianfilippo Fogli † (1796 - 22 maggio 1797 deceduto) (vescovo eletto)
  • Gregorio Boari, O.F.M.Cap. † (24 luglio 1797 - 24 novembre 1817 deceduto)
  • Michele Virgili † (29 marzo 1819 - 23 settembre 1855 deceduto)
  • Vincenzo Moretti † (17 dicembre 1855 - 23 marzo 1860 nominato vescovo di Cesena)
  • Fedele Bufarini † (23 marzo 1860 - 1867 dimesso)
  • Alessandro Paolo Spoglia † (27 marzo 1867 - 15 settembre 1879 dimesso)
  • Aloisio Pistocchi † (19 settembre 1879 - 31 marzo 1883 deceduto)
  • Tullio Sericci † (9 agosto 1883 - 5 luglio 1902 deceduto)
  • Alfonso Archi † (10 ottobre 1902 - 8 settembre 1905 nominato vescovo di Como)
    • Sede unita a Ferrara (1908-1919)
  • Gherardo Sante Menegazzi, O.F.M.Cap. † (16 dicembre 1920 - 1º luglio] 1938 deceduto)
  • Paolo Babini † (12 settembre 1938 - 21 ottobre 1950 nominato vescovo di Forlì)
  • Natale Mosconi † (28 maggio 1951 - 5 agosto 1954 nominato arcivescovo di Ferrara)
  • Giovanni Mocellini † (26 agosto 1955 - 1º gennaio 1969 nominato vescovo di Adria)
    • Sede vacante (1969-1976)
  • Filippo Franceschi † (15 luglio 1976 - 7 gennaio 1982 nominato arcivescovo, titolo personale, di Padova)
  • Luigi Maverna † (25 marzo 1982 - 30 settembre 1986 nominato arcivescovo di Ferrara-Comacchio)

Arcivescovi di Ferrara-Comacchio[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 279.000 persone contava 274.400 battezzati, corrispondenti al 98,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
Arcidiocesi di Ferrara
1950 221.122 222.057 99,6 223 152 71 991 91 720 100
1970  ? 252.249  ? 222 152 70  ? 94 506 123
1980 276.862 278.940 99,3 221 151 70 1.252 87 431 125
Diocesi di Comacchio
1950 80.500 80.500 100,0 44 32 12 1.829 14 76 27
1969 70.433 70.433 100,0 67 57 10 1.051 10 130 40
1980 65.000 67.900 95,7 53 44 9 1.226 9 99 44
Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
1990 324.050 328.000 98,8 236 178 58 1.373 65 405 169
1999 276.000 280.000 98,6 184 144 40 1.500 4 47 238 169
2000 276.000 280.000 98,6 181 141 40 1.524 8 48 236 169
2001 277.500 281.485 98,6 189 148 41 1.468 9 48 297 169
2002 276.000 280.318 98,5 184 146 38 1.500 8 43 282 169
2003 271.000 275.000 98,5 185 138 47 1.464 9 53 263 169
2004 269.817 273.800 98,5 185 136 49 1.458 12 64 258 169
2006 274.400 279.000 98,4 176 140 36 1.559 12 43 226 171

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le bolle in: Cappelletti, op. cit., vol. IV, pp. 53-61.
  2. ^ Alcune cronotassi tradizionali menzionano come primo vescovo noto all'inizio del VI secolo Pacaziano, che tuttavia Lanzoni ha dimostrato essere stato vescovo di Imola e non di Comacchio. Esisterebbe anche un anonimo verso la fine del VI secolo, ma la sua esistenza è dedotta da un falso diploma di papa Gregorio I. Cfr. Lanzoni, Il primo vescovo di Comacchio, in Atti e memorie della regia deputazione di storia patria per le provincie di Romagna, Terza serie, vol. XXVII (1909), pp. 62-70.
  3. ^ Secondo Lanzoni, questi primi due vescovi trasmessi dalla tradizione ferrarese sarebbero molto dubbi: per Giulio non ci sarebbero prove di una sua consacrazione nel 331 da parte di papa Silvestro I; Oltrando invece è un nome germanico «inverosimilissimo nell'Emilia del IV secolo», motivo per cui è omesso da gams.
  4. ^ Lanzoni non esclude che Leone possa essere stato vescovo di Voghenza, ma, a suo dire, la data del 364 attribuitagli da Ughelli e da Gams non ha fondamento.
  5. ^ Secondo Lanzoni questo vescovo, menzionato dalle cronotassi tradizionali, sarebbe in realtà vescovo di Faenza (Costanzo II).
  6. ^ Secondo Lanzoni, i vescovi Agatone e Virginio furono collocati rispettivamente nel 390 e nel 431 «senza argomenti di alcuna sorta».
  7. ^ Lanzoni considera Marcellino il primo vescovo noto di Voghenza e data la sua consacrazione in un'epoca imprecisata fra il 429 ed il 431; le sue argomentazioni sono considerate da alcuni autori "abili, ma gratuite" (dal sito web dell'arcidiocesi).
  8. ^ Santi, beati e testimoni - San Maurelio
  9. ^ Cappelletti e Gams ipotizzano due vescovi distinti, Giovanni II e Giovanni III.
  10. ^ Così Eubel. Secondo Gams Foschi si dimette nel 1508 e gli subentra Francesco Monicelli.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Per la sede di Ferrara[modifica | modifica sorgente]

Per la sede di Comacchio[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi