vdB 75

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 75
Nebulosa a riflessione
VdB 75.jpg
vdB 75
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneGemelli
Ascensione retta06h 19m 23s[1]
Declinazione+23° 16′ 28″[1]
Coordinate galattichel = 188,7; b = +03,8[2]
Distanza5200[3] a.l.
(1600[3] pc)
Magnitudine apparente (V)6,95 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)3,4' x 3,4'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Altre designazioni
LBN 845
Mappa di localizzazione
VdB 75
Gemini IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 06h 19m 23s, +23° 16′ 28″

vdB 75 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione dei Gemelli.

La nube si trova nella parte più occidentale della costellazione, in un campo molto ricco di stelle di fondo; circonda la stella gigante brillante 12 Geminorum, di magnitudine apparente pari a 6,95. L'individuazione della sua posizione non è difficile, grazie alla presenza della brillante μ Geminorum, una gigante rossa di magnitudine 2,87 e dunque ben visibile anche nelle notti non perfettamente limpide; la nebulosa si trova a circa un grado in direzione nordovest, sul bordo di un ammasso aperto molto disperso noto come Cr 89.

vdB 75 è la parte più brillante della nebulosa IC 444, che è a sua volta associata a una nebulosa a emissione indicata con la sigla Sh2-249; questa nebulosa fa parte della regione H II BFS51, situata nelle regioni centrali del Complesso nebuloso molecolare di Gemini OB1, una vasta associazione di stelle e nebulosità diffuse poste a quasi 2000 parsec di distanza dal sistema solare, sul bordo interno del Braccio di Perseo. Alla regione H II sono associate anche le nebulose oscure LDN 1564 e LDN 1567.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ a b c Kawamura, Akiko; Onishi, Toshikazu; Yonekura, Yoshinori; Dobashi, Kazuhito; Mizuno, Akira; Ogawa, Hideo; Fukui, Yasuo, A 13CO Survey of Molecular Clouds in Gemini and Auriga, in Astrophysical Journal Supplement, vol. 117, nº 387, luglio 1998, DOI:10.1086/313119. URL consultato il 19 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari