vdB 15

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 15
Nebulosa a riflessione
VdB 15.jpg
vdB 15
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneGiraffa
Ascensione retta03h 29m 55s[1]
Declinazione+58° 52′ 43″[1]
Coordinate galattichel = 142,1; b = +02,1[2]
Distanza2600 a.l.
(800 pc)
Magnitudine apparente (V)4,55 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)27' x 13'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Mappa di localizzazione
VdB 15
Camelopardalis IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 03h 29m 55s, +58° 52′ 43″

vdB 15 è una brillante nebulosa a riflessione che si trova a circa 2600 anni luce da noi all'interno della nostra galassia, la Via lattea, visibile nella costellazione della Giraffa.

Si individua nella parte più meridionale della costellazione, prossima al confine con Cassiopea e Perseo e può essere osservata anche tramite un telescopio amatoriale non molto potente, grazie alla sua luminosità; si tratta di un grande banco di gas illuminato dalla brillante stella HD 21389, ben visibile anche ad occhio nudo grazie alla sua magnitudine pari a 4,55. HD 21389 è una supergigante blu variabile Alfa Cygni, che ha anche il nome di variabile CE Camelopardalis; assieme alla vicina supergigante HD 21291 e alle stelle circostanti costituisce la parte centrale di un'associazione OB nota come Cam OB1, situata sul bordo esterno del Braccio di Orione a una distanza di circa 2600 anni luce dal sistema solare. A causa dell'intensa radiazione della stella illuminatrice, la nebulosa brilla di una luce blu intensa.[3]

La scia della Via Lattea in questo tratto di cielo appare fortemente oscurata da grandi banchi di polvere interstellare situati entro poche centinaia di anni luce dal Sole; in queste regioni, come pure nel settore di Cam OB1, vi sono attivi dei fenomeni di formazione stellare testimoniati dalla presenza di numerose sorgenti infrarosse e stelle con forti emissioni nell'.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ Straižys, V.; Laugalys, V., Young Stars in the Camelopardalis Dust and Molecular Clouds. I. The Cam OB1 Association, in Baltic Astronomy, vol. 16, 2007, pp. 167-182. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  4. ^ Straižys, V.; Laugalys, V., Young Stars and Clouds in Camelopardalis, in Handbook of Star Forming Regions, Volume I: The Northern Sky ASP Monograph Publications, vol. 4, dicembre 2008, p. 294. URL consultato il 15 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari