vdB 62

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 62
Nebulosa a riflessione
VdB 62.jpg
vdB 62
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneOrione
Ascensione retta05h 54m 03s[1]
Declinazione+01° 40′ 22″[1]
Coordinate galattichel = 204,8; b = -12,0[2]
Distanza1300[3] a.l.
(400[3] pc)
Magnitudine apparente (V)10,0 var. (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)1,4' x 1,4'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Mappa di localizzazione
VdB 62
Orion IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 05h 54m 03s, +01° 40′ 22″

vdB 62 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione di Orione.

Si individua nella parte centro-orientale della figura di Orione, sul bordo nordorientale dell'Anello di Barnard, 20 primi d'arco a ESE della stella 56 Orionis. Costituisce una piccola porzione illuminata di una grande nebulosa oscura catalogata come LDN 1622, estremamente compatta e densa; all'interno di questa nube hanno luogo intensi fenomeni di formazione stellare, com'è testimoniato dalla presenza di numerose stelle giovani.[4]

I gas della nebulosa avvolgono la stella HD 288313, nota anche come V1793 Orionis o HBC 515, una nana arancione molto giovane di classe spettrale K2V, responsabile dell'illuminazione della nube, che assume dunque un colore arancione; il periodo della sua variabilità è di circa 2,26 giorni e fa parte della classe delle variabili eruttive, probabilmente del tipo FU Orionis. È anche una stella tripla, composta da una binaria stretta e una compagna più larga.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ a b Wilson, B. A.; Dame, T. M.; Masheder, M. R. W.; Thaddeus, P., A uniform CO survey of the molecular clouds in Orion and Monoceros, in Astronomy and Astrophysics, vol. 430, febbraio 2005, pp. 523-539, DOI:10.1051/0004-6361:20035943. URL consultato il 20 ottobre 2009.
  4. ^ Nakano, Makoto; Wiramihardja, Suhardja D.; Kogure, Tomokazu, Survey Observations of Emission-Line Stars in the Orion Region V. The Outer Regions, in Publlications of the Astronomical Society of Japan, vol. 47, dicembre 1995, pp. 889-896. URL consultato il 20 ottobre 2009.
  5. ^ Reipurth, B.; Megeath, S. T.; Bally, J.; Walawender, J., The L1617 and L1622 Cometary Clouds in Orion, in Handbook of Star Forming Regions, Volume I: The Northern Sky ASP Monograph Publications, vol. 4, p. 782. URL consultato il 20 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari