vdB 65

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 65
Nebulosa a riflessione
VdB 65.jpg
vdB 65
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneAuriga
Ascensione retta06h 04m 30s[1]
Declinazione+30° 31′ 00″[1]
Coordinate galattichel = 180,7; b = +04,3[2]
Distanza3600 a.l.
(1100 pc)
Magnitudine apparente (V)10,67 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)2,3' x 1,4'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Altre designazioni
DG 86
Mappa di localizzazione
VdB 65
Auriga IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 06h 04m 30s, +30° 31′ 00″

vdB 65 è una nebulosa a riflessione, visibile nella costellazione dell'Auriga.

La nebulosa si individua nella parte meridionale della costellazione, al confine coi Gemelli; la sua individuazione è facilitata dalla presenza della stella κ Aurigae, di magnitudine 4,32, da cui ci si sposta per 5° in direzione WNW. La sua declinazione moderatamente settentrionale fa sì che essa possa essere osservata agevolmente da entrambi gli emisferi celesti, sebbene gli osservatori dell'emisfero boreale siano più avvantaggiati; il periodo in cui raggiunge la più alta elevazione sull'orizzonte è compreso fra i mesi di ottobre e febbraio.

vdB 65 costituisce una piccola porzione della grande nube molecolare LDN 1557, che a sua volta fa parte di un vasto complesso nebuloso molecolare oscuro che include altre nubi vicine, come LDN 1550, LDN 1555 e LDN 1560.[3] La stella centrale che illumina la nebulosa ha una magnitudine apparente pari a 10,63; la distanza è stata stimata sui 1100 parsec (circa 3600 anni luce).[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ Kawamura, Akiko; Onishi, Toshikazu; Yonekura, Yoshinori; Dobashi, Kazuhito; Mizuno, Akira; Ogawa, Hideo; Fukui, Yasuo, A 13CO Survey of Molecular Clouds in Gemini and Auriga, in Astrophysical Journal Supplement, vol. 117, luglio 1998, p. 387, DOI:10.1086/313119. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  4. ^ Lee, Y.; Jung, J. H.; Chung, H. S.; Kim, H.-G.; Park, Y.-S.; Kim, H. R.; Kim, B.-G.; Kim, J.; Han, S.-T., Galactic anticenter CO survey. I. Area l=178(deg) to 186(deg) , b=3fdg 5 to 6(deg), in Astronomy and Astrophysics Supplement, vol. 138, agosto 1999, pp. 187-202, DOI:10.1051/aas:1999271. URL consultato il 18 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari