Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

vdB 116

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 116
Nebulosa a riflessione
VdB 116.jpg
vdB 116
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneSagittario
Ascensione retta18h 10m 39s[1]
Declinazione-17° 44′ 02″[1]
Coordinate galattichel = 12,6; b = +00,6[1]
Magnitudine apparente (V)9,5 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)0,3' x 0,3'
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
ClasseI[2]
Altre designazioni
Avedisova 178
Mappa di localizzazione
VdB 116
Sagittarius IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 18h 10m 39s, -17° 44′ 02″

vdB 116 è una piccola nebulosa a riflessione visibile nella costellazione del Sagittario.

Si individua nella parte nordoccidentale della costellazione, a circa mezzo grado a nordovest della brillante Nube stellare del Sagittario (M24). Il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale ricade fra giugno e novembre; trovandosi a declinazioni moderatamente australi, la sua osservazione è facilitata dall'emisfero australe.

La stella responsabile della sua illuminazione è HD 166288, una supergigante blu di classe spettrale B5Ib e una magnitudine apparente pari a 9,86;[1] Avedisova la colloca all'interno di una regione di formazione stellare assieme alla sorgente di radiazione infrarossa IRAS 18078-1744[3] e la sorgente di onde radio 12.60 +00.60, identificata nel 1996.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 26 agosto 2011.
  2. ^ a b van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 26 agosto 2011.
  3. ^ Helou, George; Walker, D. W., Infrared astronomical satellite (IRAS) catalogs and atlases. Volume 7: The small scale structure catalog, in Infrared astronomical satellite (IRAS) catalogs and atlases, vol. 7, 1988, pp. 1-265. URL consultato il 26 agosto 2011.
  4. ^ Heiles, Carl; Reach, William T.; Koo, Bon-Chul, Radio Recombination Lines from Inner Galaxy Diffuse Gas. II. The Extended Low-Density Warm Ionized Medium and the ``Worm-ionized Medium, in Astrophysical Journal, vol. 466, luglio 1996, p. 191, DOI:10.1086/177503. URL consultato il 26 agosto 2011.
  5. ^ Avedisova, V. S., A Catalog of Star-Forming Regions in the Galaxy, in Astronomy Reports, vol. 46, nº 3, marzo 2002, pp. 193-205, DOI:10.1134/1.1463097. URL consultato il 26 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume II - The Southern Hemisphere to +6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari