vdB 53

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 53
Nebulosa a riflessione
VdB 53.jpg
vdB 53
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneOrione
Ascensione retta05h 41m 26s[1]
Declinazione-10° 18′ 42″[1]
Coordinate galattichel = 214,4; b = -20,0[2]
Distanza502 (?) a.l.
(154 (?) pc)
Magnitudine apparente (V)10,11 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)0,9' x 0,9'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Mappa di localizzazione
VdB 53
Orion IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 05h 41m 26s, -10° 18′ 42″

vdB 53 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione di Orione.

Si individua nella parte meridionale della costellazione, circa 1°45' a WSW di Saiph (κ Orionis), la meno luminosa delle quattro stelle che delimitano la figura di Orione; si tratta di un sottile filamento nebuloso, posto sul margine occidentale della grande nebulosa oscura LDN 1647. La stella responsabile della sua illuminazione è nota come BD-10 1261, la cui classe spettrale non è mai stata rilevata; la misurazione della parallasse indica un valore di 6,50 mas, valore però su cui grava un'imprecisione di ±22,79 mas,[3] pertanto il valore di distanza ottenibile, 502 anni luce, è anch'esso incerto. La nebulosa LDN 1647, nella cui direzione si trova vdB 53, viene considerata l'estremità sudoccidentale della nube molecolare gigante Orion A, la stessa che comprende anche la Nebulosa di Orione e molte altre nubi del Complesso nebuloso molecolare di Orione, uno dei siti di formazione stellare meglio osservabili del cielo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ VizieR services - star catalogues, su result for BD-10 1261. URL consultato il 22 ottobre 2009.
  4. ^ Carballo, R.; Sahu, M., Near-infrared observations of new young stellar objects from the IRAS Point Source Catalog, in Astronomy and Astrophysics, vol. 289, nº 1, settembre 1994, pp. 131-136. URL consultato il 22 ottobre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari