vdB 26

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 26
Nebulosa a riflessione
VdB 26.jpg
vdB 26
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneToro
Ascensione retta04h 13m 35s[1]
Declinazione+10° 12′ 45″[1]
Coordinate galattichel = 182,7; b = -28,4[2]
Distanza502 a.l.
(154 pc)
Magnitudine apparente (V)6,24 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)5,7' x 4,3'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Mappa di localizzazione
VdB 26
Taurus IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 04h 13m 35s, +10° 12′ 45″

vdB 26 è una piccola nebulosa a riflessione, visibile nella costellazione del Toro.

Può essere individuata con facilità partendo dalla stella λ Tauri e spostandosi verso μ Tauri e individuando poi la forma di un piccolo parallelogramma composto da astri di quinta e sesta magnitudine orientato in senso nord-sud, di cui quest'ultima stella rappresenta il vertice sudorientale; la stella posta al vertice opposto, una stella bianco-azzurra di sequenza principale di magnitudine 6,24, è l'astro centrale della nebulosa ed è catalogato come HD 26676. La nube riceve la radiazione da questa stella, assumendo così una colorazione bluastra.

Data la distanza di 502 anni luce, stella e nebulosa vengono a trovarsi sul bordo esterno della Bolla di Eridano; il confine della superbolla più prossimo nella direzione del sistema solare sembrerebbe trovarsi infatti a circa 180 parsec (587 anni luce) dal Sole. Secondo alcune teorie, le estese dimensioni della bolla, che raggiunge i confini del Complesso nebuloso molecolare di Orione, unite alla presenza del plasma caldo osservato nel settore più esterno della bolla stessa, sarebbero un indizio che fa pensare all'esplosione di una supernova avvenuta negli ultimi milioni di anni in una posizione intermedia fra il sistema solare e la regione di Orione.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ Green, D. A.; Padman, R., A Survey of HI in Orion - Part Two - Largescale Features and the Lack of Evidence for Rotation, in R.A.S. Monthly Notices, vol. 263, luglio 1993, p. 535. URL consultato il 19 luglio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari