Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

vdB 130

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 130
Nebulosa a riflessione
VdB 130.jpg
vdB 130
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCigno
Ascensione retta20h 17m 51s[1]
Declinazione+39° 21′ 06″[1]
Coordinate galattichel = 76,9; b = +02,1[1]
Distanza4890[2] a.l.
(1500[2] pc)
Magnitudine apparente (V)-
Dimensione apparente (V)6' x 6'
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
ClasseI[3]
Altre designazioni
OCl 167
Mappa di localizzazione
VdB 130
Cygnus IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 20h 17m 51s, +39° 21′ 06″

vdB 130 è una nebulosa a riflessione associata a un giovane ammasso aperto visibile nella costellazione del Cigno.

Si individua nella parte centrale della costellazione, circa 1,5° a sudovest della stella Sadr; il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale ricade fra i mesi di giugno e novembre ed è notevolmente facilitata per osservatori posti nelle regioni dell'emisfero boreale terrestre.

Chiaramente associata al complesso di nebulose al di là della Fenditura del Cigno, la sua distanza è stata inizialmente stimata attorno ai 1000 parsec (circa 3260 anni luce)[4] e in seguito riconosciuta più accurata attorno ai 1500 parsec (4890 anni luce); appare illuminata direttamente dalla stella HD 228789, facente parte di un giovanissimo ammasso stellare[3] formante un'associazione R, ossia un'associazione OB legata a nebulose a riflessione.[4] Legata a questa struttura vi è la piccola regione H II DWB34[5] e numerose sorgenti di radiazione infrarossa; fra queste spicca IRAS 20153+3850, coincidente con la giovane stella azzurra HBHA 3703-01, di classe spettrale B5V o B6V e magnitudine 13,6, circondata a sua volta da una piccola e densa nebulosa denominata GM 2-39. L'intero gruppo di stelle sembrerebbe legato all'associazione Cygnus OB1, di cui costituirebbe un sottogruppo periferico circondato da una serie di globuli cometari, ossia bozzoli nebulosi densi dotati di una struttura a chioma.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 5 maggio 2013.
  2. ^ a b c Arkhipova, V. P.; Egorov, O. V.; Esipov, V. F.; Ikonnikova, N. P.; Lozinskaya, T. A.; Rudnitskij, G. M.; Sitnik, T. G.; Tatarnikov, A. M.; Tsvetkov, D. Yu.; Zharova, A. V., A family of cometary globules at the periphery of Cyg OB1: the star HBHA 3703-01 and the reflection nebula GM 2-39, in eprint arXiv:1304.1569, aprile 2013. URL consultato il 5 maggio 2013.
  3. ^ a b van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 5 maggio 2013.
  4. ^ a b Herbst, William, R-associations III. Local optical spiral structure, in Astronomical Journal, vol. 80, luglio 1975, p. 503. URL consultato il 5 maggio 2013.
  5. ^ Schneider, N.; Simon, R.; Bontemps, S.; Comerón, F.; Motte, F., A multiwavelength study of the S106 region. III. The S106 molecular cloud as part of the Cygnus X cloud complex, in Astronomy and Astrophysics, vol. 474, nº 3, novembre 2007, pp. 873-882, DOI:10.1051/0004-6361:20077540. URL consultato il 5 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari