vdB 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


vdB 2
Nebulosa a riflessione
VdB 2.jpg
vdB 2
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCassiopea
Ascensione retta00h 13m 24s[1]
Declinazione+65° 36′ 48″[1]
Coordinate galattichel = 119,0; b = +03,0[2]
Distanza3590[3] a.l.
(1100[3] pc)
Magnitudine apparente (V)10,2 (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)1,7' x 1,1'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Altre designazioni
Ced 1; LBN 590[4]
Mappa di localizzazione
VdB 2
Cassiopeia IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 00h 13m 24s, +65° 36′ 48″

vdB 2 (nota anche come Ced 1) è una piccola nebulosa diffusa, visibile nella costellazione di Cassiopea.

Si individua al confine con la costellazione di Cefeo, circa 1,5 gradi a sudest del complesso nebuloso di NGC 7822; viene illuminata da una stella di decima magnitudine, la stella bianco-azzurra di sequenza principale HIP 1077, posta all'interno del Braccio di Orione in direzione dell'estremità orientale del Complesso di Cefeo. La nebulosa riflette la luce azzurra della stella, assumendo essa stessa un colore bluastro; le regioni circostanti mostrano evidenti segni di oscuramento ad opera di polveri non illuminate. SI ritiene che la sua distanza sia pari a 1100 parsec (circa 3590 anni luce).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  3. ^ a b c VizieR - Cederblad Catalogue, su cdsarc.u-strasbg.fr. URL consultato il 7 aprile 2013.
  4. ^ Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 7 aprile 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari