PC Engine GT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da TurboExpress)
Jump to navigation Jump to search
PC Engine GT
console
NEC-TurboExpress-Upright-FL.png
La versione nordamericana TurboExpress
ProduttoreNEC Corporation
TipoPortatile
GenerazioneQuarta
Presentazione
alla stampa
1990
Caratteristiche tecniche
Supporto di
memoria
HuCard
Dispositivi
di controllo
Tasti integrati
CPUHudson HuC6280

Il PC Engine GT (versione giapponese) o TurboExpress (versione statunitense) è una console portatile prodotta dalla NEC nel tardo 1990. Derivata dalla console da tavolo PC Engine, ne esegue gli stessi giochi, su un piccolo schermo LCD a colori. Ai suoi tempi era tecnologicamente molto avanzata, sebbene consumasse rapidamente le batterie[1].

Negli Stati Uniti era venduta per 249,99 dollari statunitensi (inizialmente venne venduto a 299,99 dollari, ma il prezzo venne quasi subito ribassato a 249,99 e nel 1992 il prezzo venne portato a 199,99 dollari).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

TurboExpress, TurboVision TV Tuner e diverse HuCard

Console portatile molto avanzata per i tempi, è in grado di eseguire i giochi del PC Engine memorizzati sulle cartucce HuCard, che per le loro ridotte dimensioni potevano essere agevolmente integrate in un dispositivo portatile. In uno schermo grande come quello del Game Boy la console è in grado di visualizzare 64 sprite in contemporanea, 16 per linea con 512 colori. La macchina è dotata di 64 Kbyte di RAM e di due CPU 6820 a 3,58 MHz in parallelo. Le batterie, sei pile stilo, hanno una durata di circa 3 ore di utilizzo, oppure era disponibile un alimentatore per collegarla alla rete elettrica.

In opzione si poteva acquistare TurboVision, un sintonizzatore per TV che include un'uscita video e audio per collegare la console a una televisione. Il TurboLink invece è un cavo che consente il gioco con un'altra console.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NEC PC Engine, in Hardware - Storia dei computer e delle console, n° 1, allegato a Videogames - La grande storia dei videogiochi n° 3, Sprea/Panini, 10 settembre 2009, pp. 34-35, ISSN 2035-5955 (WC · ACNP).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]