Saerin Asnobar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Saerin)
Jump to navigation Jump to search

Saerin Asnobar è uno dei personaggi della saga fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan; è una Aes Sedai dell'Ajah Marrone, di origine altarana, presenta dei capelli bianchi ed una leggera cicatrice sul volto. Saerin è relativamente anziana, ha un'età compresa tra i 210 e i 230 anni, si trova nella fascia alta della gerarchia ed è stata Adunante per oltre quattro decenni (era anche la decana del Consiglio durante il governo di Elaida nella Torre spaccata).

Questo è uno dei principali personaggi di supporto ai protagonisti, con anche alcuni capitoli che vengono narrati o descritti dal suo punto di vista.

Vicende di Saerin[modifica | modifica wikitesto]

Saerin è una delle Adunanti che alla Torre Bianca partecipano alla deposizione di Siuan Sanche e poi all'elezione di Elaida come nuova Amyrlin Seat, ma se ne pente presto; quando viene descritta per la prima volta si viene a sapere che da giovane Saerin entrò a far parte del gruppo delle cosiddette Figlie del Silenzio, formato da alcune incanalatrici che avevano fallito nel diventare Aes Sedai e che poi avevano raccolto delle seguaci proprio come Saerin. Dopo lo smantellamento di questo gruppo da parte delle Aes Sedai, Saerin venne portata alla Torre Bianca, dove fu l'unica tra di loro a riuscire ad ottenere lo scialle. In seguito Saerin, assieme alle altre Adunanti Yukiri, Doesine e Talene si incuriosisce del comportamento sospetto tenuto da Pevara e Seaine, perciò scopre i loro intenti e diventa come loro una cacciatrice dell'Ajah Nera.

Nel Libro XII assieme alle altre Adunanti cacciatrici delle nere, Saerin si incontra nei sotterranei con Egwene (portata lì da Meidani), rimanendo favorevole impressionata dai suoi intenti, perciò in seguito la appoggia più volte, ad esempio andando a liberarla dalla sua cella quando il Consiglio decide di scagionarla da ogni accusa e di punire Elaida per il suo comportamento. Di seguito, nel corso della battaglia contro i Seanchan che attaccano la Torre di sorpresa, Saerin riesce ad organizzare con successo il centro della resistenza contro i nemici; per questo merito il capo della sua Ajah, la propone senza successo come candidata all'Amyrlin Seat; infine Saerin è nel gruppo di Adunanti che elegge nuovamente Egwene, come nuova Amyrlin Seat della Torre riunificata: Egwene, che apprezza molto Saerin, prende anche in considerazione l'idea di nominarla come propria Custode degli Annali, ma alla fine le preferisce però Silviana come gesto di riconciliazione con le Rosse.

Nel corso del Libro XIII Saerin appoggia più volte Egwene nel Consiglio della Torre, inoltre partecipa al test per l'elezione di Nynaeve ad Aes Sedai, dando il voto finale determinante. Viene inoltre incaricata da Egwene di indagare nei testi antichi su tutto ciò che si possa conoscere a proposito di Mesaana, perciò scopre che tra i Reietti, Mesaana e Demandred erano quelli che si facevano trasportare più facilmente dalla collera. Nello stesso libro partecipa al test di Nynaeve per diventare Aes Sedai ed alla fine vota in suo favore. Durante l'attacco dell'Ajah Nera nel Tel'aran'rhiod, Egwene fa ritirare Saerin ed altre Aes Sedai, in alcuni luoghi sicuri da cui risvegliarsi, perché non sono ancora troppo esperte nel Mondo dei Sogni, da riuscire a contrattaccare efficacemente.

Nel corso del Libro XIV Saerin è tra le tre Adunanti che Egwene porta con sé durante il suo incontro con il Drago Rinato a Merrilor. Successivamente partecipa ai combattimenti per contenere i nemici che hanno invaso l'Arafel e poi alla Ultima Battaglia, a Merrilor, contro gli incanalatori Sharani. Durante i colloqui con Mat e Tuon, Egwene lascia a Saerin la conduzione della discussione. Alla fine del libro Saerin è tra le Adunanti che chiedono a Cadsuane di diventare la nuova Amyrlin Seat.

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]