Ajah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ajah Marrone)
Jump to navigation Jump to search

Nella serie di quattordici romanzi fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, le Sette Ajah sono i gruppi che diedero vita all'organizzazione delle Aes Sedai alla Torre Bianca.

Le Ajah: storia e tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Epoca Leggendaria queste Ajah erano associazioni solo temporanee di Aes Sedai, che si univano per risolvere dei casi specifici e poi si scioglievano; nell'epoca narrata nei romanzi sono invece associazioni permanenti e ben strutturate, ormai da alcuni millenni. Queste Ajah costituiscono in pratica delle società di Aes Sedai, che si diversificano l'una dall'altra in base ai diversi scopi fondanti, vale a dire i principi ed i propositi che stanno alla base della loro esistenza. Inoltre ciascuna Ajah ha degli statuti e dei costumi suoi propri, che possono differire di molto, rispetto a quelli di un'altra. Infine ogni Ajah è retta da un capo che esercita un potere direttivo più o meno autoritario, quasi come una specie di Amyrlin Seat all'interno dell'Ajah stessa (l'unica eccezione sembrerebbe l'Ajah Marrone, dove pare che il potere direttivo venga esercitato in maniera più collegiale). Esse sono sette e vengono distinte per colore: Ajah Rossa, Verde, Grigia, Marrone, Gialla, Azzurra e Bianca. La grandezza di ciascuna Ajah è rimasta all'incirca la stessa sin dalla fondazione della Torre Bianca, con qualche raro slittamento di posizione. Le Ajah eleggono ciascuna tre rappresentati (dette Adunanti) nel Consiglio della Torre Bianca, che è una sorta di organo legislativo-consultivo delle Aes Sedai.

Per tradizione le Ajah curano gelosamente la propria indipendenza, i propri interessi ed i propri segreti. Però vi sono alcune regole e usanze che sono comuni a tutte le Ajah, ad esempio:

  • Agli estranei non deve essere assolutamente rivelata l'identità del capo dell'Ajah
  • I membri di una stessa Ajah devono sempre mostrarsi uniti e compatti; perciò in pubblico, devono mostrare sempre di condividere le stesse idee nei riguardi dei più svariati problemi o argomenti e dare l'apparenza di sostenere un fronte comune; quindi, in presenza di altri, esterni all'Ajah, non devono mai discutere tra di loro o rimproverarsi o dare l'impressione di essere in disaccordo
  • Gli occhi-e-orecchie di un'Ajah (cioè il servizio di informazioni e spionistico, con i membri non incanalatori che ne fanno parte) sono strettamente riservati e non vanno rivelati all'esterno. Chi si trova al comando del servizio d'informazione è spesso tenuto segreto anche alla maggior parte dei membri dell'Ajah stessa. Le notizie raccolte vengono valutate all'interno dell'Ajah e solo in minima parte inviate alla Custode degli Annali che poi le riferirà all'Amyrlin Seat.
  • Molte Ajah hanno delle particolari tessiture che vengono tenute nascoste alle sorelle di altre Ajah
  • Durante l'addestramento, le Ammesse vengono attentamente guidate nella scelta dell'Ajah a cui apparterranno. In genere le sorelle di ciascuna Ajah illustrano alle Ammesse le caratteristiche della propria, in maniera da poterle orientare ma senza però svelare troppo. Un tempo, una nuova Aes Sedai chiedeva umilmente l'ammissione ad un'Ajah, ed alcune volte era persino costretta ad implorare l'ammissione; nei tempi più recenti invece, salvo rari casi, l'ammissione viene velocemente accettata e, data la scarsità di nuove sorelle, i membri delle varie Ajah a volte addirittura rivaleggiano per convincere una Ammessa nella sua scelta.
  • Alle nuove sorelle, appena entrano a far parte di una Ajah, viene subito spiegato che dovranno studiare ed imparare almeno altrettanto, di quanto hanno imparato e studiato prima di ottenere lo scialle; infatti sono numerosissimi i costumi e le regole che ordinano la vita di una Aes Sedai, sia per ciò che riguarda i rapporti, le alleanze o le inimicizie tra le Ajah, sia per ciò che regola la vita con le altre sorelle (ad esempio la gerarchia basata sulla forza in Saidar), sia i costumi esistenti all'interno delle Ajah stesse (come i colori che si possono o non si possono indossare, o le occasioni in cui farlo, eccetera); inoltre questi costumi sono strettamente vincolanti ed è severamente punita ogni trasgressione (viene spesso detto che certi costumi sono vincolanti come la legge scritta).
  • Una regola che vale per tutte le Aes Sedai è che non si deve mai parlare dell'età delle sorelle.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Capi delle Ajah.

Le sette Ajah in base alla loro grandezza[modifica | modifica wikitesto]

Ajah Rossa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Rossa.

L’Ajah Rossa è l'Ajah più grande ed ospita da sola circa un quinto di tutte le Aes Sedai. Lo scopo primario che questa Ajah si è data, è di proteggere l'umanità da una nuova Frattura del Mondo, il che vuol dire proteggerla dagli uomini che incanalano, prima che essi impazziscano e provochino disastri. Di conseguenza queste Sorelle si dedicano alla loro ricerca e una volta catturati, li portano alla Torre Bianca perché vengano domati.

Ajah Verde[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Verde.

L’Ajah Verde è la seconda Ajah più grande, ma per poco, infatti ha quasi altrettante sorelle dell'Ajah Rossa, che occupa la prima posizione. Lo scopo primario che questa Ajah si è data è quello di combattere contro le forze dell'Ombra e di preparare l'umanità all'Ultima Battaglia, non stupisce quindi che sia stata soprannominata “l'Ajah da Battaglia”, soprattutto a partire dal grande impegno da essa assunto nel corso delle Guerre Trolloc.

Ajah Grigia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Grigia.

L’Ajah Grigia ha dedicato la propria esistenza alla mediazione, alla diplomazia ed alla giurisprudenza. Le sorelle di questa Ajah si distinguono infatti per la loro abilità diplomatica, per la loro indole paziente e persuasiva e per la capacità e la costanza nel sapere mediare tra le posizioni più estreme, sempre alla ricerca di un consenso ampio. In particolare per ogni sorella grigia diventa quasi una sfida personale il riuscire a fermare una guerra, perché ritengono: che ogni guerra fermata determina un aumento dell'influenza delle Aes Sedai nel mondo e al contempo un aumento dell'influenza dell'Ajaha Grigia sulle altre Aes Sedai.

Ajah Marrone[modifica | modifica wikitesto]

L'Ajah Marrone ha come suoi scopi primari la ricerca e la conservazione del sapere. In special modo per le sorelle di questa Ajah appare vitale la riscoperta delle conoscenze dell'Epoca Leggendaria, che sono andate in gran parte perdute con la Guerra dell'Ombra e la Frattura del Mondo. Di conseguenza negli ultimi tremila e duecento anni la responsabilità più sentita per le sorelle Marroni è stata la costruzione della Grande Biblioteca di Tar Valon, presso la Torre Bianca, la più grande ed importante al mondo. Insieme ai libri e ai documenti, anche la maggior parte degli strumenti che utilizzano l'Unico Potere ed i reperti ritrovati, sono un merito dell'Ajah Marrone, come anche la riscoperta di alcuni talenti nell’uso del potere. Altre attività tipiche delle sorelle Marroni sono quelle di interrogare i viaggiatori o, se possono, viaggiare esse stesse per il mondo, così da scoprire e catalogare nuovi tipi di piante, di minerali e di animali, o nuovi popoli, usi e costumi; vale a dire tutto quello che non sia stato ancora esplorato o conosciuto.

Le sorelle di questa Ajah hanno la caratteristica di apparire quasi sempre prese nei propri pensieri, quasi inconsapevoli o indifferenti a tutto ciò che accade loro intorno, ma non vanno troppo sottovalutate, perché spesso la loro aria trasognata nasconde una pericolosa prontezza d'acume. Anche le Marroni per tradizione legano un solo Custode alla volta. Assieme a quello delle Bianche il settore della Torre appartenente a questa Ajah è uno dei più semplici e spogli; difatti le sorelle marroni si distinguono facilmente perché non indossano quasi mai lussuosi abiti di seta o preziosi tessuti, come tutte le altre Aes Sedai, ma anzi, oltreché semplici, i loro abiti appaiono molto spesso trasandati e macchiati dall'inchiostro che adoperano spesso per scrivere i loro appunti. Per quanto concerne la politica interna alla Torre Bianca, bisogna ricordare che l'Ajah Marrone ha avuto un atteggiamento di equidistanza tra il blocco costituito da Azzurre-Verdi-Bianche contro quello di Rosse-Grigie-Gialle; negli ultimi secoli però questa Ajah ha avuto dei contrasti con l'Ajah Azzurra, ma mai al livello di inimicizia tra quest'ultima e l'Ajah Rossa. Il sistema di occhi-e-orecchie dell'Ajah Marrone (cioè il sistema di informazione e spionaggio) è abbastanza buono, ma gli agenti delle marroni, oltre che raccogliere informazioni, sono concentrati soprattutto nella ricerca di libri e reperti.

A capo dell'Ajah Marrone nella Torre Bianca si trova Jesse Bilal, detta Head Librarian (Capo Bibliotecario, nella Guida e nel glossario del Libro XIII però viene affermato che questa Ajah, diversamente da altre, venga retta in maniera più collegiale da un Consiglio anziché unicamente da una persona sola) mentre nel gruppo delle ribelli di Salidar si può supporre che questo ruolo sia stato assunto da Morvrin Sedai. Sempre secondo la Guida l'Ajah Marrone è la quarta per numero di Aes Sedai (raccogliendo circa il 14% di Sorelle, vale a dire circa 130-140 esponenti all'inizio della saga).

Alla fine del Libro XII si scopre che le Sorelle Nere che erano riuscite ad infiltrarsi in questa Ajah risultavano essere quasi trenta, cioè un quinto dell'intera Ajah.

Sempre alla fine dello stesso libro Verin esemplifica molto bene ad Egwene quali sono gli scopi della propria Ajah: "Ogni donna nella Marrone... cerca di produrre qualcosa di durevole. Ricerche o studi che siano significativi. Le altre sorelle ci accusano spesso di ignorare il mondo attorno a noi. Pensano che guardiamo solo all'indietro. Be' questo non è accurato. Se siamo distratte è perché guardiamo avanti, verso coloro che verranno. E le informazioni, le conoscenze che raccogliamo... le lasciamo per loro. Le altre Ajah si preoccupano di migliorare l'oggi; noi desideriamo rendere migliore il domani... ...una Amyrlin dovrebbe essere ben armata con la conoscenza. Questo, fra tutte le cose, è il dovere più sacro di una Marrone: armare il mondo con la conoscenza".

Ajah Gialla[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Gialla.

L’Ajah Gialla ha dedicato la sua ragione d'essere ad uno dei Talenti nell'Unico Potere, quello della Guarigione. Infatti un requisito ritenuto fondamentale per appartenere a questa Ajah, è quello di avere una buona predisposizione verso questo particolare talento nel gestire i flussi di Potere. Anche se però le Gialle, con il trascorrere dei secoli, si sono un po' troppo adattate verso la tradizione già affermata (quella piuttosto grezza e rischiosa, che prevede la guarigione con solo l'uso di Spirito, Acqua e Aria), o verso la ricerca perlopiù teorica, anziché sperimentare nuovi metodi più efficaci per guarire.

Ajah Azzurra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Azzurra.

L’Ajah Azzurra ha come scopo primario quello di promuovere la giustizia e le nobili cause. Essa è la seconda Ajah più piccola come numero di Aes Sedai che vi appartengono, ma nonostante questo è stata forse la più influente nella storia recente della Torre Bianca, riuscendo, nell'ultimo millennio, a far eleggere ben undici sue appartenenti alla carica di Amyrlin Seat, ben più di qualsiasi altra Ajah.

Ajah Bianca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Bianca.

L’Ajah Bianca è la più piccola delle Ajah ed ha dedicato la sua esistenza allo studio delle leggi naturali, alla ricerca della verità ed alla promozione delle scienze; la sete di conoscenza delle sorelle Bianche si concentra soprattutto sulla speculazione teorica ed intellettuale e verso l'analisi filosofica, il che le porta ad assumere spesso uno stile di vita esemplare e morigerato.

L'Ajah Nera, al servizio dell'Ombra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Nera.

Esiste anche un'Ajah nascosta, tenuta segreta e posta al servizio dell'Ombra, l’Ajah Nera; è stato Ishamael stesso a rivelare a Rand al'Thor, sin dai primi libri della saga, come fece nascere quest'Ajah: Duemila anni fa ho lanciato i miei Trolloc attraverso il mondo, seminando la distruzione... e persino tra le Aes Sedai ho trovato quelle che conoscevano la disperazione, che sapevano che il mondo non poteva resistere di fronte alla potenza di Shai'tan; per duemila anni l'Ajah Nera si è diffusa in mezzo alle altre, non vista tra le tenebre.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]