Ajah Verde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella serie di quattordici romanzi fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, l'Ajah Verde è una delle sette società in cui si sono suddivise le Aes Sedai della Torre Bianca.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah.

Caratteristiche dell'Ajah Verde[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo primario che l'Ajah Verde si è data negli ultimi tremila e duecento anni, è stato quello di preparare l'umanità all'Ultima Battaglia contro le forze dell'Ombra, di conseguenza questo compito è stato rivolto al preparare gli uomini a combattere e respingere costantemente gli avversari, annidati soprattutto nella Grande Macchia (al di là delle Terre di Confine), mettendosi alla guida degli eserciti che lottano contro la Progenie dell'Ombra o i Signori del Terrore. Per questo motivo, nel corso della storia della Torre Bianca, le sorelle Verdi sono state quelle che più di tutte si sono trovate in prima linea, nelle guerre sostenute contro i servi dell'Ombra ed in molti casi è stato proprio l'elevato numero dei loro Custodi a risultare davvero decisivo in molte importanti battaglie. Non stupisce quindi che l'Ajah Verde sia stata soprannominata “l'Ajah da Battaglia”, soprattutto a partire dal grande impegno da essa profuso nel corso delle cosiddette Guerre Trolloc.

Dal punto di vista del rapporto con gli uomini, si può affermare che le Verdi abbiano un atteggiamento completamente opposto rispetto a quello tipico di molte sorelle dell'Ajah Rossa; infatti le sorelle Verdi apprezzano ed amano gli uomini con molta passione e spesso esse legano a sé molti Custodi contemporaneamente, giungendo anche a sposarne alcuni. Dato questo atteggiamento di fondo, le Verdi in passato sono state spesso in contrasto con le Rosse e delle ottime alleate per le sorelle dell'Ajah Azzurra, ma i fatti più recenti (l'appoggio di due Adunanti Verdi alla deposizione di Siuan Sanche e all'elezione di Elaida come Amyrlin Seat) hanno un poco smentito questo comportamento. Tra i difetti maggiori che si riscontrano tra le Verdi, si possono segnalare la loro passionalità e focosità eccessive, che spesso le portano a perdere la classica calma da Aes Sedai ed a comportarsi in maniera arrogante, orgogliosa, impulsiva e prepotente. Tra i pregi delle Verdi si contano invece l'indubbio coraggio, il valore, la fierezza, la determinazione e la bellicosità.

Le Verdi di solito amano prendere il controllo delle situazioni e non sono molto brave nel nascondere le proprie emozioni. Le altre sorelle vedono le Verdi come frivole, soprattutto per la loro abitudine di portare vesti sgargianti e di mantenere così tanti Custodi contemporaneamente, e con i quali intrattengono spesso anche delle relazioni; inoltre le accusano di essere spesso troppo impulsive, troppo impegnate ad agire, piuttosto che a ragionare in modo ponderato su come affrontare una situazione; a questo proposito la Gialla Romanda ha detto esplicitamente di loro: le Verdi non hanno bisogno di molta intelligenza, solo di coraggio.

Il settore dell'Ajah Verde nella Torre Bianca risulta decorato vistosamente con quadri ed arazzi, che raffigurano celebri battaglie; inoltre armi ed armature fanno costantemente parte dell'arredamento, e spesso nei corridoi si possono vedere i loro Custodi impegnati negli allenamenti. L'organizzazione di occhi-e-orecchie delle Verdi risulta essere un sistema di informazioni e di spionaggio piuttosto vasto e ben organizzato, ma esso è orientato soprattutto verso questioni militari ed è localizzato in larga parte nelle Marche di Confine, da dove ci si aspettano delle incursioni della Progenie dell'Ombra.

Il capo dell'Ajah Verde viene chiamata The Captain-General (la Capitana Generale); questa funzione alla Torre Bianca è attualmente ricoperta da Adelorna Sedai, mentre presso le ribelli di Salidar questo compito era stato assunto da Myrelle Berengari. L'Ajah Verde risulta essere la seconda in grandezza come numero di sorelle dopo quella Rossa, ma per poco (vi appartengono circa il 18% delle sorelle, vale a dire tra le 170 e le 180 esponenti all'inizio della saga, poi ridottesi però a poche più di centoventi verso la fine), inoltre, nell'arco dell'ultimo millennio questa Ajah ha saputo far eleggere ben sette Amyrlin Seat tra le proprie appartenenti, risultando quindi terza dopo l'Azzurra e la Grigia (rispettivamente con undici e nove Amyrlin elette)

Alla fine del Libro XII si scopre che le Sorelle Nere che si erano infiltrate nell'Ajah Verde risultavano essere quasi quaranta, cioè quasi un quarto dell'intera Ajah.

Nel corso del Libro XIV l'Ajah Verde si specializza ulteriormente nell'apprendere e perfezionare le tessiture da battaglia, sfruttando le conoscenze delle Damane che sono state catturate durante il raid Seanchan sulla Torre Bianca.

I Custodi[modifica | modifica wikitesto]

Come detto, una delle particolarità che sicuramente caratterizza questa Ajah, rispetto a tutte le altre, è l'atteggiamento delle Verdi nei confronti dei Gaidin, partendo dal fatto che ne legano più di uno per volta. La maggior parte delle Verdi mantengono solitamente tra i due ed i quattro Custodi, ma se ne conoscono alcune che ne hanno mantenuti contemporaneamente persino cinque o sei. Può succedere però che alcune sorelle Verdi abbiano un solo Gaidin, ma in questo caso di solito è perché queste hanno una relazione stabile con lui o addirittura si sono sposate con lui (ed i rari casi in cui una Aes Sedai si sposa, capitano perlopiù in questa Ajah). Comunque, anche quando non sono sposate, le Verdi vengono descritte così intime con tutti i loro Gaidin, quanto una donna lo è di solito con il proprio amante o marito. È da sottolineare invece come al contrario sia davvero inusuale che una Verde non abbia alcun Custode.

Moiraine ha sottolineato come le Verdi sembrino sempre alla ricerca di un nuovo Custode, valutando attentamente ogni uomo disponibile, che capiti loro di incontrare. Esse inoltre sono molto pignole e difficili nella scelta del loro primo Gaidin, che di solito è un uomo maturo ed esperto. In seguito, nella scelta di quelli successivi, tendono invece a scegliere uomini più giovani. La relazione tra una Aes Sedai ed il suo Gaidin è sempre molto complessa, ma tra le Verdi lo risulta ancora di più, ed esse inoltre sembrano essere molto gelose e possessive nei confronti dei loro Custodi.

I Gaidin delle Verdi hanno inoltre l'abitudine di risiedere con loro, direttamente nel settore della Torre Bianca che è riservato a questa Ajah, contrariamente ai Custodi delle sorelle di altre Ajah, che invece di solito risiedono in città o negli alloggiamenti militari della Guardia, ai piedi della Torre. Le Sorelle delle altre Ajah prendono spesso in giro le Verdi a proposito di queste abitudini e loro, al contrario, sono divertite dal fatto che le altre Sorelle rifiutino di legare più di un Gaidin per volta, per non parlare di ciò che pensano delle Rosse, che non ne legano affatto.

Membri principali dell'Ajah Verde[modifica | modifica wikitesto]

Capi o membri molto influenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Adelorna Bastine come detto sopra è a capo dell'Ajah Verde
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Adelorna Bastine.
  • Myrelle Berengari molto amica di Siuan e Moiraine sin dal noviziato, è una sorella molto influente; infatti è stata a capo dell'Ajah Verde tra le ribelli ed una delle sei leader iniziali di Salidar
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Myrelle Berengari.

Adunanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Joline Maza ha superato i 100 anni, è tra le sorelle che appoggiano maggiormente la deposizione di Siuan Sanche e l'elezione di Elaida ad Amyrlin; perciò entra a far parte del consiglio personale di Elaida, con il compito di ritrovare la fuggitiva Siuan; di fronte ai suoi insuccessi, Elaida le ordina una punizione, ma l'Ajah Verde, già arrabbiata con l'Amyrlin, in opposizione alla penitenza, elegge Joline come Adunante al posto di Faiselle, che ha aderito alla ribellione; poco tempo dopo però Joline viene rimossa dalla sua posizione di Adunante proprio da Elaida, che vuole così dare una ulteriore lezione all'Ajah Verde; subito dopo Joline viene inviata come ambasciatrice ad Ebou Dar assieme a Teslyn Sedai, in una specie di esilio; laggiù incontra Mat e minaccia Elayne e Nynaeve. Teslyn la droga perché eviti di interferire con le due ragazze e poi, grazie all'aiuto dei suoi due Custodi e di Setalle Anan, Joline riesce a rimanere nascosta ed evitare la cattura da parte dei Seanchan che hanno conquistato la città; in seguito viene aiutata a fuggire da Matrim Cauthon, con il quale però mantiene quasi sempre dei pessimi rapporti; all'inizio del Libro XIII si separa da Mat per tornare a Tar Valon con Teslyn ed Edesina, prima della partenza Mat le regala dei dolci che in realtà, poiché lui conosce la sua golosità, sono uno scherzo, perché le lasceranno la bocca dipinta di blu; nonostante i loro diverbi, una volta giunta alla Torre, Joline dimostra di apprezzare molto Mat, parlando bene di lui alle altre Aes Sedai
  • Rubinde è una Adunante proveniente da Mayene, viene descritta come alta e corpulenta, con capelli neri ed occhi verdi, inoltre mostra di avere un carattere piuttosto difficile e sembra essere sempre arrabbiata. Durante il IV Libro Rubinde si lascia convincere a votare per la deposizione di Siuan Sanche e quindi per l'elezione di Elaida. In seguito Rubinde entra inizialmente a far parte del consiglio personale di Elaida, ma ne viene presto allontanata. Nel Libro X appoggia i negoziati con le ribelli per ordine di Adelorna, il capo dell'Ajah, ma è evidente che personalmente dissente dalla cosa. Nel Libro XII Rubinde viene invitata da Elaida a cena, assieme ad altre Adunanti, ma non è una cena di piacere perché l'Amyrlin cerca di spadroneggiare su di loro, ottenendo di conseguenza i rimbrotti di Egwene che è presente per servirle; perciò Rubinde assiste esterrefatta al diverbio tra le due e poi Rubinde cerca vanamente di calmare la furia di Elaida che picchia Egwene. Quindi, alla fine dello stesso libro XII, Rubinde vota a favore della rielezione di Egwene quale Amyrlin Seat della Torre Bianca riunificata e poi dimostra di non appartenere all'Ajah Nera giurando sulla verga. Nel Libro XIII ritroviamo Rubinde riconfermata nel suo ruolo di Adunante, e subito si dimostra particolarmente ostica nei confronti di Egwene, anzitutto è una delle tre che votano contro l'ottenimento dello scialle da parte di Nynaeve; poi partecipa alla convocazione segreta del Consiglio, indetta da Romanda, per limitare i poteri di Egwene e quindi vota no all'idea di lasciare a quest'ultima il potere di trattare con i sovrani; perlomeno Rubinde vota a favore della riforma che regola le convocazioni al Consiglio stesso. Alla fine del Libro XIV, Rubinde è tra le Adunanti che chiedono a Cadsuane di diventare la nuova Amyrlin Seat.
  • Faiselle è una sorella dalla tipica carnagione ramata dell'Arad Doman, robusta d'aspetto e dalla faccia squadrata; di lei viene detto che rimane difficilmente turbata da qualcosa e che è determinata nelle sue decisioni. Faiselle era una Adunante alla Torre Bianca, quando avvenne la deposizione di Siuan Sanche, ma non fu convocata a quel Consiglio. Perciò in seguito si è rifugiata a Salidar, assieme alle altre ribelli, dove riprende il suo ruolo nel nuovo Consiglio (in realtà poi si scoprirà nel Libro XII che fu inviata dalle ribelli dal capo dell'Ajah, Adelorna Bastine, per cercare di riportarle alla Torre). Come Adunante nel Consiglio ribelle, Faiselle fa apparentemente parte della fazione guidata da Lelaine e dopo l'elezione di Egwene come Amyrlin, discute proprio con Lelaine su come limitare la influenza di Sheriam sulla giovane; in seguito, come la maggior parte delle Adunanti anziane che hanno abbandonato la Torre, Faiselle vota contro tutte le decisioni che potrebbero portare ulteriori spaccature con le sorelle rimaste a Tar Valon e quindi si prodiga per favorire i colloqui di pace; dopo la riunificazione della Torre, Faiselle viene riconfermata come Adunante e quindi partecipa alla convocazione segreta del Consiglio, indetta da Romanda, per limitare i poteri di Egwene e poi vota no all'idea di lasciare a quest'ultima il potere di trattare con i sovrani; subito dopo vota però a favore delle modifiche al regolamento per la convocazione del Consiglio stesso
  • Rina Hafden è una sorella tarchiata e dalla faccia squadrata, ma nonostante questo ha un aspetto piacevole ed elegante; ha legato come Custode Elyas Machera, il Fratello dei Lupi, amico di Perrin Aybara, che ha dovuto fuggire da lei e dalla Torre per la sua particolarità; cronologicamente appare brevemente per la prima volta nel corso del prequel Nuova Primavera. Successivamente, dopo la spaccatura della Torre, Rina resta a Tar Valon e viene scelta personalmente come nuova Adunante da parte di Adelorna, a capo dell'Ajah, e nonostante non raggiunga ancora un'età adeguata a tale carica; nel libro XII vota a favore della rielezione di Egwene quale Amyrlin Seat della Torre Bianca riunificata, ma nel Libro XIII non viene riconfermata come Adunante
  • Samalin questa sorella del Murandy ha delle maniere mascoline ed una faccia squadrata e volpina; viene eletta Adunante a Salidar, ma non ha ancora raggiunto i requisiti di una età avanzata; è a favore della dichiarazione di guerra ad Elaida ed è tra le prime a votare anche in favore di una alleanza con gli Asha'man; dopo la riunificazione dallo scisma non viene riconfermata come Adunante
  • Malind Nachenin è una Aes Sedai di Kandor, paffuta e dalla faccia gradevole, con occhi scuri e fieri; viene eletta come Adunante a Salidar, ma non raggiunge i requisiti dell'età; assieme alle altre Adunanti Moria ed Escaralde, propone l'alleanza con la Torre Nera per legare gli Asha'man come custodi; quando Narishma e Merise portano alle ribelli le proposte di Rand al'Thor, Malind, contrariamente alle procedure, introduce Nacelle Sedai nel Consiglio, per provare con successo una nuova tessitura che individua l'incanalare di Saidin; questi suoi comportamenti ed il suo supporto a Moira la rendono sospetta di appartenere all'Ajah Nera; dopo la riunificazione dallo scisma non viene riconfermata come Adunante
  • Talene Minly è una Adunante anziana che depone Siuan ed elegge Elaida come Amyrlin Seat; in seguito si scopre che appartiene all'Ajah Nera
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ajah Nera.
  • Farnah Sadaou è una nuova Adunante eletta dopo la riunificazione dallo scisma, nel Libro XIII partecipa ad alcune votazioni del Consiglio

Altre Verdi degne di menzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Elayne Trakand è una delle protagoniste della saga; nata principessa erede di un regno, diventa prima Regina di Andor e poi di Cairhien; viene inizialmente riconosciuta come Aes Sedai solo dalle ribelli; è una delle compagne del Drago Rinato
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elayne Trakand.
  • Cadsuane Melaidhrin è considerata una leggenda vivente da tutte le Aes Sedai, diventa una fidata consigliera di Rand al'Thor e lo aiuta in molte imprese, è molto anziana ed ha quasi trecento anni, che è molto persino per una Aes Sedai
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cadsuane Melaidhrin.
  • Leane Sharif è la ex Custode degli Annali di Siuan Sanche e faceva parte dell'Ajah Azzurra; è stata quietata durante il colpo di Stato che ha deposto la sua Amyrlin ma poi è stata parzialmente guarita da Nynaeve e dopo essere stata riconfermata come Aes Sedai, ha deciso di passare all'Ajah Verde
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Leane Sharif.
  • Alanna Mosvani è una passionale Aes Sedai che osa legare il Drago Rinato contro la sua volontà
    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Alanna Mosvani.
  • Merise Haindehl è una Tarabonese, dal carattere molto duro e severo, con tre custodi; è tra le compagne di Cadsuane e su suggerimento di quest'ultima, Merise è tra le prime Aes Sedai a legare con successo un Asha'man, Jahar Narishma, con il quale instaura un rapporto amorevole, ma a volte turbolento; segue Cadsuane a Far Madding e poi a Shadar Logoth, dove partecipa alla battaglia per la pulitura di Saidin; successivamente, assieme a Jahar Narishma, porta alle Aes Sedai ribelli la proposta di Rand al'Thor di far legare un'altra cinquantina di Asha'man come Custodi. Nei libri successivi Merise e Jahar rimangono sempre nell'entourage del Drago Rinato, seguendone le vicende. Quando Rand cade nella trappola di Semirhage, Merise arriva immediatamente a Guarire Jahar che è rimasto ferito dalle damane. Subito dopo, durante il Libro XI, nell'est di Tear, Merise e Jahar combattono contro la Progenie dell'Ombra che attacca la tenuta Pendaloan e poi i due contribuiscono ad incenerire i cadaveri nemici, rimasti sul campo di battaglia. Inoltre, poiché Jahar diventa sempre più forte di lei nell'Unico Potere, Merise capisce che non potrà più controllarlo attraverso il legame da Custode come in precedenza. Nel Libro XII, in Arad Doman, Merise contribuisce ad interrogare e a tenere schermata Semirhage, che nel frattempo è stata catturata. Quando poi Rand esilia Cadsuane dalla propria vista, Merise cerca di persuaderlo a rivedere la propria posizione, ma inutilmente. Nel libro XIII Merise e Jahar sono tra quelli che accompagnano Rand a Far Madding per incontrare i sovrani delle Terre di Confine. Nel Libro XIV Merise e Jahar sono tra gli incanalatori che assistono Lan ed Agelmar nella Battaglia dello Shienar; successivamente nell'Ultima Battaglia a Merrilor, Merise e Jahar si affiancano ad Egwene per aiutarla durante una fase dei combattimenti
  • Erian Boroleos inizialmente è tra le sorelle che appoggiano Elaida ed è tra le più importanti rappresentati dell'ambasceria inviata dalla Torre Bianca al Drago Rinato; Erian manteneva ben quattro Gaidin ma dopo la cattura del Drago, due vengono uccisi durante un tentativo di fuga da parte di quest'ultimo; dopo la battaglia dei pozzi di Dumai, Erian viene catturata e tenuta prigioniera presso le Sapienti Aiel nel loro campo di Cairhien; in seguito viene quasi sicuramente compulsa da Verin ed è perciò tra le prime cinque Aes Sedai prigioniere a giurare fedeltà al Drago Rinato, e questo nonostante Rand gli abbia ucciso i due Custodi; osservando le aure durante l'episodio del giuramento, Min Farshaw predice che Erian servirà il Drago Rinato, anche se alla propria maniera; nel corso del Libro XIV Erian è nel gruppo di incanalatori che combattono sulle pendici di Shayol Ghul assieme ad Aviendha, per impedire ai nemici di raggiungere il Drago Rinato, le sue sorti però non vengono descritte.
  • Beldeine Nyram è da poco diventata Sorella e quindi le manca l'aspetto senza età, tipico di ogni Aes Sedai, ma comunque si trova piuttosto in alto nella gerarchia ed era stata messa al comando di uno dei gruppi di sorelle che raggiungono in segreto Cairhien, al seguito dell'ambasciata inviata da Elaida; partecipa perciò alla cattura di Rand e viene imprigionata dopo la battaglia dei pozzi di Dumai; a Cairhien, nelle tende delle Sapienti Aiel viene compulsa da Verin ed è tra le prime cinque Aes Sedai prigioniere a giurare fedeltà al Drago Rinato; successivamente, assieme a Cadsuane, Verin ed Alanna, raggiunge il Drago Rinato fino a Far Madding e poi lo segue a Shadar Logoth e nella battaglia per la pulitura di Saidin, dove combatte contro Aran'gar; come predetto da Min Farshaw lega come custode l'Asha'man Karldin Manfor inoltre Min ha anche previsto che Beldeine servirà il Drago Rinato, sebbene alla propria maniera; verso la fine del libro XII viene ripresa da Cadsuane per il suo ingiustificato sarcasmo contro Min; nel Libro XIV Rand percepisce Beldeine e Karldin mentre muoiono durante l'Ultima Battaglia; l'Aes Sedai aveva circa 30-35 anni
  • Bera Harkin è andorana ed assomiglia ad una contadina robusta ed autorevole, ha tre custodi; è un personaggio particolarmente presente nel Libro VI in coppia con Kiruna Sedai; Bera è una sorella abbastanza forte da risultare nella fascia alta della gerarchia, alla pari con Sheriam; essa aderisce alla ribellione contro Elaida e da Salidar viene mandata, assieme a Kiruna, come ambasciatrice, alla ricerca del Drago Rinato al di là della Dorsale del Mondo, nella Desolazione Aiel; saputo però che il Drago è tornato nelle Terre Bagnate, le due raggiungono l'altra ambasciata ribelle inviata dal Drago a Caemlyn e ne prendono il comando, dopo l'incidente capitato a Demira con alcuni falsi Aiel; perciò in seguito, assieme a Perrin Aybara e su indicazione di Alanna, Bera e Kiruna guidano le sorelle e molti altri, alla liberazione del Drago Rinato catturato dalle fedeli di Elaida; dopo la battaglia dei Pozzi di Dumai Bera è tra le prime nove sorelle a giurargli spontaneamente fedeltà (anche se minacciate dagli Asha'man). Successivamente Bera viene presa come una apprendista dalle Sapienti Aiel e infine viene mandata a Tear assieme ad Alanna, Merana ed altre sorelle, per cercare di rappacificare gli Alti Signori che si sono ribellati; secondo una visione di Min Farshaw, è una delle cinque Aes Sedai che Rand tiene completamente in pugno e di cui si può fidare ciecamente. Nel corso del Libro XIV Bera è nel gruppo di incanalatori che combattono sulle pendici di Shayol Ghul assieme ad Aviendha, per impedire ai nemici di raggiungere il Drago Rinato, le sue sorti però non vengono descritte, viene solo detto che per un periodo guida uno dei circoli che ispezionano la zona
  • Kiruna Nachiman è una Aes Sedai elegante e statuesca, sorella di Re Paitar di Arafel che mantiene ben quattro custodi, ha meno di 70 anni; Kiruna è abbastanza forte nell'Unico Potere, si trova infatti nella fascia alta della gerarchia, alla pari con Bera, della quale segue tutte le vicende, dalla partenza da Salidar, fino a quando Bera viene mandata a Tear mentre Kiruna resta a Cairhien. Tra l'altro è proprio Kiruna che si scontra più volte con Perrin, negli eventi che accompagnano la battaglia dei pozzi di Dumai; Kiruna infatti, tra le sorelle che hanno giurato fedeltà a Rand, è una di quelle che necessita maggiormente di essere "rieducata" dalle Sapienti Aiel, perché fin troppo altezzosa, superba e piena di sé; l'ultima volta che si ha notizia di lei è a Cairhien, nel libro IX quando ottiene infine l'approvazione della Sapiente Sorilea, rimanendo lei stessa profondamente sorpresa e compiaciuta degli apprezzamenti ricevuti dall'Aiel; nel corso del Libro XIV Kiruna è nel gruppo di incanalatori che combattono sulle pendici di Shayol Ghul assieme ad Aviendha, per impedire ai nemici di raggiungere il Drago Rinato, ma durante gli scontri viene però uccisa da Hessalam
  • Faeldrin Harella è una Tarabonese dai capelli scuri però, che mantiene ben tre custodi; fa parte dell'ambasciata di Salidar al Drago Rinato. In seguito all'attentato subito da Demira Sedai, compiuto da falsi Aiel, Faeldrin è una delle sette Aes Sedai che si recano da Rand per protestare ed imporsi, venendo però scornate. Dopo la brusca rottura delle relazioni con il Drago che accade dopo questo episodio, Faeldrin è tra le nove sorelle che seguono Bera e Kiruna al salvataggio di Rand e perciò gli giura fedeltà ai Pozzi di Dumai; in seguito collabora con Merana ed Alanna a Tear, per sedare la rivolta degli Alti Signori; secondo una pre-visione di Min Farshaw, è una delle cinque Aes Sedai che Rand tiene in pugno e di cui si può fidare; nel corso del Libro XIV Faeldrin è nel gruppo di incanalatori che combattono sulle pendici di Shayol Ghul assieme ad Aviendha, per impedire ai nemici di raggiungere il Drago Rinato, ma durante gli scontri viene però uccisa da Hessalam
  • Seonid Traighan è Cairhienese ed ha due custodi; fa parte dell'ambasciata delle ribelli di Salidar inviata a Caemlyn al Drago Rinato. In seguito all'attentato subito da Demira Sedai, compiuto da falsi Aiel, Seonid è una delle sette Aes Sedai che si recano da Rand per protestare ed imporsi, venendo però scornate. Dopo la brusca rottura delle relazioni con il Drago, che avviene dopo questo episodio, Seonid è tra le nove sorelle che seguono Bera e Kiruna al salvataggio di Rand e perciò successivamente gli giura fedeltà ai Pozzi di Dumai; tornata a Cairhien con lui, viene dal Drago inviata nel sud, al seguito di Perrin Aybara; Seonid viene trattata da apprendista dalle Sapienti Aiel nel campo di Perrin, ma nonostante l'intervento di quest'ultimo in suo favore, lei accetta la situazione; durante la visita a So Habor, Seonid vorrebbe rimanere durante la notte per aiutare i cittadini spaventati dai fantasmi, ma Perrin glielo impedisce; in seguito lei ed i suoi custodi assistono sempre e validamente Perrin nelle sue imprese, soprattutto nella liberazione di Faile
  • Vandene Namelle è una delle Aes Sedai più anziane conosciute (con più di 250 anni), con i capelli completamente bianchi, non è molto forte nel potere, tanto che da sola non può aprire portali di viaggio; ha una sorella gemella, Adeleas, dell'Ajah Marrone; le due si sono ritirate per anzianità nell'Arafel ed entrambe sono amiche di Moiraine, che nel corso del secondo libro le va a trovare in cerca di informazioni. In seguito le due gemelle aderiscono alla ribellione di Salidar ed accompagnano Elayne Trakand e Nynaeve al'Meara ad Ebou Dar, per la ricerca della Coppa dei Venti; sulla via del ritorno, le due gemelle prendono in custodia la nera Ispan, ma poco prima di giungere a Caemlyn, Adeleas viene assassinata (assieme ad Ispan), perciò Vandene si mette alla caccia dell'assassina; otterrà vendetta poco prima di restare uccisa lei stessa
  • Aisling Noon è una delle poche Aes Sedai nate tra i Calderai, che divenne Ammessa lo stesso anno di Moiraine e Siuan, dopo aver studiato cinque anni come Novizia; in seguito, dopo aver ottenuto anche lo scialle, fu la consigliera personale di Re Easar Togita dello Shienar. Aisling però se ne andò da Fal Moran senza dare spiegazioni, quando arrivarono le prime notizie a proposito dello scisma tra Aes Sedai della Torre Bianca e ribelli. In seguito è entrata a far parte del gruppo delle cinquanta sorelle al seguito di Toveine Gazal, mandate da Elaida contro la Torre Nera, e perciò Aisling venne legata come Custode dall'Asha'man Arel Malevin. I due poi, al seguito di Logain, hanno raggiunto il Drago Rinato a Tear ed hanno partecipato alla battaglia contro le orde Trolloc alla tenuta di Lord Algarin Pendaloan
  • Kerene Nagashi compare brevemente nel prequel Nuova Primavera dove viene descritta come una sorella relativamente anziana e potente (seconda solo a Cadsuane nel potere ed alla pari con la bianca Meylin Arganya); nel corso del libro Moiraine le porta un messaggio dell'Amyrlin Seat Tamra Ospenya, dalla quale viene infatti incaricata di ritrovare il piccolo Drago Rinato; Kerene viene però eliminata con i suoi custodi dall'Ajah Nera

Membri storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Caraighan Maconar fu una leggendaria sorella che visse durante i primi due secoli dopo il completamento della costruzione di Tar Valon (per la precisione visse dal 212 al 373 dopo la Frattura); essa viene considerata come l'archetipo delle Aes Sedai dell'Ajah Verde, avendo portato a termine coraggiose imprese, ritenute impossibili dai più
  • Rashima Kerenmosa conosciuta come l'Amyrlin Soldato è stata una leggendaria Amyrlin Seat che visse al tempo delle Guerre Trolloc, la quale mantenne ben cinque Custodi contemporaneamente; guidò personalmente gli eserciti della Torre Bianca in numerose battaglie vittoriose contro le orde della Progenie dell'Ombra ed alla fine morì, vincendo la fondamentale Battaglia di Maighande; il suo corpo venne ritrovato sul campo di battaglia affiancato a quello di tutti i suoi fedeli Custodi, circondato da mucchi di Trolloc e Fade e dai corpi di ben nove Signori del Terrore
  • Shein Chunla fu una Amyrlin Seat che governò per 23 anni dal 578 al 601 della Nuova Era. Cercò inizialmente di governare con pugno di ferro, imponendosi al Consiglio della Torre Bianca con la forza, ma ben presto venne ridotta al ruolo di un fantoccio, da parte delle Adunanti. Questa situazione provocò parecchi disastri ed alla fine Shein Chunla venne deposta ed inviata in un esilio strettamente sorvegliato, mentre anche le Adunanti che avevano voluto manovrarla, creando gravi danni politici, vennero a loro volta rimosse. Dopo ben cinquanta anni dalla sua deposizione, e dopo ben quattro tentativi falliti per cercare di restaurarla, Shein Chunla venne infine uccisa dai suoi stessi guardiani, molto probabilmente soffocata nel suo letto. Tutta la sua vicenda venne però resa segreta ed edulcorata dalla storia ufficiale della Torre Bianca, infatti la sua morte risulta registrata come naturale negli Annali e Shein Chunla viene addirittura presentata come una buona governante; la sua disavventura viene narrata da Siuan ad Egwene, come esempio da non seguire assolutamente
  • Myriam Copan fu una Amyrlin Seat che governò per 43 anni dal 754 al 797 della Nuova Era; viene ricordata per la sua capacità di guadagnare influenza e potere: partendo da una posizione molto debole nei confronti del Consiglio, seppe rafforzare sempre di più la propria situazione, fino a riuscire ad imporsi sulle Adunanti che la tiranneggiavano, perciò viene additata da Siuan ad Egwene come esempio da seguire. In seguito si viene a sapere che fu un intervento poco ortodosso di Cadsuane (che arrivò persino a minacciare e costringere l'Amyrlin) a far diventare Myriam una ottima governante

Elenco completo[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono elencati in ordine alfabetico, per nome e cognome, tutti i membri dell'Ajah nominati nel corso dei libri.

  1. Adelorna Bastine (vedi articolo)
  2. Aisling Noon (vedi sopra)
  3. Alanna Mosvani (vedi articolo)
  4. Aleis Romlin (Amyrlin Seat)
  5. Asne Zeramene (vedi Ajah Nera)
  6. Beldeine Nyram (vedi sopra)
  7. Bera Harkin (vedi sopra)
  8. Bharatine (è una delle ribelli a Salidar)
  9. Cadsuane Melaidhrin (vedi articolo)
  10. Caraighan Maconar (vedi sopra: Personaggi Storici)
  11. Careane Fransi (vedi Ajah Nera)
  12. Chowin Tsao (personaggio storico, Aes Sedai dell'Ajah Verde che fu per un certo periodo la consigliera personale dell'imperatore Artur Hawkwing)
  13. Elayne Trakand (vedi articolo)
  14. Eleyan al'Landerin (una Aes Sedai dei tempi antichi, una sua statua con i suoi Custodi si trova nella zona sud occidentale di Tar Valon)
  15. Elza Penfell (vedi Ajah Nera)
  16. Erian Boroleos (vedi sopra)
  17. Faeldrin Harella (vedi sopra)
  18. Faiselle (vedi sopra)
  19. Farnah nuova Adunante eletta nel Libro XIII
  20. Hattori (riesce a fuggire dalla battaglia dei pozzi di Dumai e assieme ad altre raggiunge Dorlan, il suo custode è l'eroico Sleete, amico di Gawyn)
  21. Irgain Fatamed (viene quietata da Rand ai Pozzi di Dumai e poi guarita da Damer Flinn)
  22. Jala Bandevin (sorella piuttosto anziana che partecipa alla cattura di Leane ai porti di Tar Valon)
  23. Jeaine Caide (vedi Ajah Nera)
  24. Joline Maza (vedi sopra)
  25. Josaine (viene severamente punita da Elaida per avere trovato un angreal ed averlo tenuto per sé, ciò provoca nelle verdi molta avversione verso le Ajah delle Aes Sedai che si ritiene abbiano fatto la spiata; in seguito muore nel raid dei Seanchan contro la Torre Bianca)
  26. Leane Sharif (in precedenza Ajah Azzurra, vedi articolo)
  27. Kera (sorella rimasta fedele alla Torre di Elaida)
  28. Kerene Nagashi (vedi sopra)
  29. Kiruna Nachiman (vedi sopra)
  30. Kiyosa Natomo (Amyrlin Seat)
  31. Maerin (compare nel Libro XIV, ha numerosi Custodi; su iniziativa di Gawyn, durante la notte, presta segretamente la sua lussuosa e vasta tenda ad Egwene, così da proteggerla dagli attentati)
  32. Malind Nachenin (vedi sopra)
  33. Manda Wan (compare nel Libro XIV mentre combatte nell'Ultima Battaglia al fianco di Leane)
  34. Marthera (nel Libro XII viene catturata come damane dai Seanchan durante il raid contro la Torre)
  35. Merise Haindehl (vedi sopra)
  36. Myrelle Berengari (vedi articolo)
  37. Myriam Copan (Amyrlin Seat e personaggio storico: vedi sopra)
  38. Nacelle Kayam (vedi Ajah Nera)
  39. Nelavaire Demasiellin (il suo custode è l'Asha'man Naeff)
  40. Nimri (compare solo nel Libro XIII, quando apre un portale per Gawyn)
  41. Nirelle Coidevwin (Amyrlin Seat)
  42. Rashima Kerenmosa (vedi sopra)
  43. Rina Hafden (vedi sopra)
  44. Rubinde (vedi sopra)
  45. Samalin (vedi sopra)
  46. Selame Necoine (Amyrlin Seat)
  47. Seonid Traighan (vedi sopra)
  48. Shein Chunla (Amyrlin Seat e personaggio storico: vedi sopra)
  49. Talene Minly (vedi Ajah Nera)
  50. Teramina (molto debole, fugge dalla Torre dopo l'avvento di Egwene e ciò fa sospettare che appartenga all'Ajah Nera)
  51. Vandene Namelle (vedi sopra)
  52. Varuna Morrigan (Amyrlin Seat)
  53. Vasha (è una giovane sorella che riesce a fuggire dalla battaglia dei Pozzi di Dumai assieme al suo Gaidin e raggiunge il villaggio di Dorlan)

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Jordan, R. L'occhio del mondo. ISBN 0-312-85009-3
Jordan, R. La grande caccia. ISBN 0-312-85140-5
Jordan, R. Il Drago Rinato. ISBN 0-312-85248-7
Jordan, R. L'ascesa dell'Ombra. ISBN 0-312-85431-5
Jordan, R. I fuochi del cielo. ISBN 0-312-85427-7
Jordan, R. Il signore del caos. ISBN 0-312-85428-5
Jordan, R. La corona di spade. ISBN 0-312-85767-5
Jordan, R. Il sentiero dei pugnali. ISBN 0-312-85769-1
Jordan, R. Il cuore dell'inverno. ISBN 0-312-86425-6
Jordan, R. Crocevia del crepuscolo. ISBN 0-312-86459-0
Jordan, R. Nuova Primavera. ISBN 0-7653-0629-8
Jordan, R. La lama dei sogni. ISBN 0-312-87307-7
Jordan, R. Sanderson, B. Presagi di tempesta. ISBN 978-1-84149-165-3
Jordan, R. Sanderson, B. Le Torri di Mezzanotte. ISBN 978-88-347-1834-6