Min Farshaw

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Min Farshaw (il nome completo è Elmindreda Farshaw, ma Min odia il suo nome e preferisce farsi chiamare con il diminutivo) è una dei personaggi della saga fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan. Min è una giovane donna di circa venticinque anni, magra, di media statura, con grandi occhi neri e capelli corti, che ora però sta facendo crescere.

È uno dei maggiori personaggi di supporto, con numerosi capitoli che vengono narrati o descritti dal suo punto di vista.

Vicende di Min[modifica | modifica wikitesto]

Min fa la sua comparsa nel primo romanzo della serie, quando incontra Rand e gli altri amici fuggiaschi (Matrim Cauthon, Perrin Aybara, Egwene al'Vere, Nynaeve al'Meara) a Baerlon, la città dove risiede in quel momento. Min ha delle visioni su tutto il gruppo ed anche sul suo stesso futuro: si dovrà innamorare di Rand e dovrà dividerlo con altre due donne. Min inoltre aveva già conosciuto in precedenza Moiraine Sedai, che sapeva delle sue capacità e forse le aveva sfruttate per trovare il Drago Rinato. In seguito Min raggiunge la Torre Bianca dove fa amicizia con Egwene, Nynaeve e soprattutto con Elayne Trakand, una delle donne con cui dovrà dividere il suo amore. Di conseguenza le segue negli eventi di Falme e contribuisce alla liberazione di Egwene.

Dopo Falme Min segue Rand sulle Montagne di Nebbia, ma alla fine è costretta a tornare alla Torre Bianca per portare un messaggio di Moiraine all'Amyrlin Seat Siuan Sanche. Alla Torre si camuffa da Elmindreda per non rivelare la vera identità e la sua amicizia con Rand e viene anche sfruttata assiduamente da Siuan Sanche per i suoi poteri. Min però non riesce ad evitare il colpo di Stato che porta alla caduta di Siuan. Contribuisce però alla sua fuga ed anche a quella dell'ex Custode degli Annali, Leane Sharif e del Falso Drago Logain Ablar.

I quattro raggiungono le Aes Sedai ribelli riunite a Salidar e lì, Min ha un incontro chiarificatore con Elayne. In seguito Min si aggrega all'ambasciata guidata da Merana Ambrey e mandata delle Aes Sedai di Salidar al Drago Rinato; così, in questa maniera, ha finalmente l'opportunità di incontrare di nuovo Rand a Caemlyn. Tra i due scoppia l'amore e Min resterà d'ora in avanti quasi sempre al fianco di Rand, aiutandolo costantemente grazie ai suoi poteri.

Durante il VI Libro Min indirettamente è la causa della fuga di Rand a Cairhien, dove viene rapito dalle inviate di Elaida e dove lei stessa viene presa prigioniera. Durante la battaglia dei Pozzi di Dumai Min, dopo essere stata liberata, sceglie di restare con Rand anziché fuggire con Gawyn e quindi resta sempre al suo fianco, salvo rari casi. Nel VII Libro Min viene coinvolta nella Bolla di Male al campo dei ribelli Cairhienesi e contribuisce a salvare Rand dal pugnale di Shadar Logoth in mano a Padain Fain. Nel Libro VIII viene lasciata a Cairhien ma dopo l'attentato al Palazzo del Sole, Min fugge con Rand.

Nel Libro IX Rand e Min tornando brevemente in Andor, dove Min organizza l'incontro tra lui ed Elayne, perché possano finalmente consumare il loro amore; inoltre prima di separarsi nuovamente, Elayne, Aviendha e Min legano Rand con un legame da Custode, in maniera da avere sempre un contatto con lui. Poi assieme vanno a Far Maddin dove Rand viene imprigionato, ma presto liberato grazie a Cadsuane, con la quale Min inizia ad instaurare un certo rapporto.

Dopo la battaglia alla tenuta Pendaloan a Tear e la trappola organizzata da Semirhage, Min segue Rand in Arad Doman. Laggiù, durante il Libro XII, assiste quasi impotente alla sua discesa nell'ombra, quando addirittura Rand arriva persino a strozzarla a causa di Semirhage che è riuscita a scappare e lo costringe attraverso una fascia di dominazione. Poi quando l'oscurità di Rand arriva al punto di fargli distruggere Natrin's Barrow con tutta la sua popolazione, Min e Nyaneve decidono di aderire ai piani di Cadsuane per cercare di farlo rinsavire.

Durante il Libro XIII, attraverso il legame, Min percepisce il cambiamento interno di Rand dopo il suo incontro con Tam al'Thor e la sua epifania su Montedrago. Quindi lo accoglie con gioia e stupore al suo ritorno a Tear, e Rand le affida il compito di continuare a studiare Callandor per capire il suo ruolo nell'Ultima Battaglia. Min quindi lo accompagna di nuovo a Far Madding, quando si deve incontrare con i sovrani delle Terre di Confine. Infine dovrebbe essere andata assieme a lui alla Piana di Merrilor.

Nel corso del Libro XIV Min assiste Rand alla Piana di Merrilor, aiutandolo a capire la funzione di Callandor. Quando Rand parte per Shayol Ghul, manda Min ad assistere Egwene, perciò la ragazza viene impiegata come segretaria nel quartier generale delle Aes Sedai. Poco dopo, durante una delle innumerevoli battaglie, Min si incarica personalmente di recare un messaggio urgentissimo ai Seanchan. Perciò si incontra con Mat Cauthon e l'imperatrice Fortuona; quest'ultima scopre le sue doti particolari e la nomina come la sua nuova Voce della Verità, ricevendo grandi onori. Quando il quartier generale seanchan viene assaltato e distrutto dai nemici, Min si salva grazie all'intervento provvidenziale di Siuan, ma poi, assiste sconvolta, alla morte dell'amica che l'ha appena salvata. Inoltre Min salva personalmente Fortuona da un Uomo Grigio, perciò come ricompensa, viene elevata al Sangue.

Dopo che i Seanchan si sono ritirati dall'Ultima Battaglia, seguendo la strategia concordata tra l'imperatrice e Mat, Min riesce a scoprire il travestimento dietro cui si celava Moghedien, che manipolava i Seanchan nel convincerli a continuare a restare fuori dalla battaglia. Perciò subito dopo, Min persuade Fortuona a tornare in campo. Alla fine del libro Min si reca a Shayol Ghul per assistere Rand negli ultimi momenti di vita e poi ai funerali. Appare però evidente che Min, Elayne ed Aviendha sono consapevoli dello stratagemma di Rand, che ha scambiato il suo corpo morente con quello sano di Moridin per andarsene indisturbato.

Poteri[modifica | modifica wikitesto]

La capacità di cogliere e vedere le aure che circondano gli altri personaggi permette a Min di fare delle predizioni sul futuro di ciascun personaggio. La visione di queste aure è tuttavia del tutto casuale, nel senso che non è lei a stabilire quando essa debba avvenire; inoltre, in alcuni casi, le conseguenze delle visioni non sono affatto chiare, questo ad esempio avviene con le aure dei personaggi in grado di incanalare o dei ta'veren che sono continue, molto colorate, scintillanti ed in mutamento perenne.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Abilità particolari (La Ruota del Tempo).

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]