Pevara Tazanovni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella serie di quattordici romanzi fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, Pevara Tazanovni è una Aes Sedai dell'Ajah Rossa; Pevara ha quasi 170 anni ed è Kandori, viene descritta con una corporatura rotondetta ma di bell'aspetto, con occhi neri; ha un carattere piuttosto allegro ma è anche una anziana Adunante, che può diventare molto seria, severa e dura quando necessario. Come Rossa è di idee piuttosto aperte, tanto che non si era fatta problemi, nel passato, di proporre anche per la sua Ajah di legare Custodi, vista l'utilità di avere braccia maschili a disposizione.

Questo è uno dei principali personaggi di supporto; alcuni capitoli e paragrafi vengono narrati o descritti dal suo punto di vista.

Vicende di Pevara[modifica | modifica wikitesto]

Pevara compare a partire dal Libro VII, quando la sua amica ed Adunante Seaine dell'Ajah Bianca la contatta segretamente, perché l'Amyrlin Elaida le ha affidato il compito di stanare dei traditori all'interno della Torre Bianca.

Pevara viene perciò coinvolta da Seaine nella caccia alle sorelle dell'Ajah Nera dentro alla Torre; dopo alcune indagini ed utilizzando la Verga dei Giuramenti, le due amiche scoprono così tutte le dodici sorelle inviate segretamente dalle ribelli per seminare dissenso; le loro mosse però suscitano anche il sospetto di un gruppo di altre Adunanti, che le sorprendono nei sotterranei. Durante un momento di chiarimento, Pevara e Seaine fanno capire alle altre i loro scopi. Di conseguenza le Adunanti Yukiri, Doesine e Saerin si uniscono alle due amiche nella caccia, mentre finalmente viene svelato un membro delle Nere, l'Adunante Talene, a cui presto se ne aggiungono altre, come Galina Casban, l'ex capo delle Rosse, il che sorprende ed intristisce molto Pevara; alla fine, tuttavia, le loro indagini giungono ad un punto di stallo e si scopre che la loro caccia era nata da una sbagliata interpretazione dell'originale ordine di Elaida, che quindi è sospettabile lei stessa di essere una Nera.

Nell'undicesimo libro, in maniera del tutto inaspettata, il nuovo capo dell'Ajah Rossa, Tsutama Rath, prende seriamente in considerazione il piano, suggerito da Tarna e proposto da Pevara, di andare alla Torre Nera per legare alcuni Asha'man come Gaidin; infatti secondo loro, dopo l'avvento del Drago Rinato e la scoperta su come guarire la domatura, non si può più continuare come in precedenza, nei confronti degli incanalatori maschi e perciò legarli come Custodi, potrà essere comunque un metodo per tenerli sotto controllo. Pevara seleziona quindi un gruppo di altre cinque consorelle Rosse (compresa Tarna) e nell'epilogo del medesimo libro, le guida perciò alla Torre Nera, dove richiedono a Mazrim Taim di legare alcuni Asha'man. Taim accetta, ma le sue parole paiono foriere di guai.

Durante il Libro XIII Pevara si trova in pratica intrappolata alla Torre Nera, Taim infatti proibisce a lei ed alle altre Aes Sedai di allontanarsi, inoltre i portali per viaggiare non funzionano, a causa di un Chiodo Onirico; come se ciò non bastasse Tarna all'improvviso, appare misteriosamente cambiata in maniera maligna, mentre Javindhra, un'aòtra Adunante Rossa, insiste in maniera molto sospetta nel voler rimanere, accampando delle scuse. Per fortuna Androl, un Asha'man legato alla luce, si reca da Pevara in segreto, per collaborare con lei nel cercare di trovare una via di uscita, perché è convinto che nella Torre Nera, ci sia ormai qualcosa di molto sbagliato.

Nel prologo del Libro XIV Pevara si incontra con Androl, Emarin ed altri Soldati Asha'man, per pianificare un tentativo di fuga dalla Torre Nera, durante la prossima tempesta. Androl rivela agli amici che Pevara gli ha spiegato in cosa consista la conversione forzata di un incanalatore attraverso il cerchio misto con 13 Fade. Pevara inoltre si offre di spiegare come legarsi in circolo con lei. I due fanno il tentativo, però Androl in qualche modo usurpa il controllo del circolo. Di conseguenza Pevara, molto spaventata, lo lega a sé come un Gaidin, senza chiedere il permesso. Androl reagisce a questo atto, facendo lo stesso con lei: in questo modo i due creano un particolarissimo doppio legame, nel quale si forma uno scambio continuo di pensieri, da mente a mente, ed in certi casi vi è una difficoltà nel mantenere la proprio individualità.

Poco dopo Androl scopre che Logain deve essere tenuto prigioniero da Taim nella Torre Nera e sta per essere convertito forzatamente all'Ombra. Pevara perciò lo aiuta a catturare alcuni seguaci del M'hael, così da scoprire dove Logain viene custodito, per poi tentare di liberarlo. In questi eventi Pevara si dimostra molto brava nel combattere contro gli altri incanalatori, spiegando che nell'Ajah Rossa vengono appositamente allenate a questo tipo di duelli. Il tentativo di liberare Logain e gli altri incanalatori però fallisce e non solo Pevara ed Androl vengono catturati, assieme ad altri amici, ma iniziano ad essere convertiti forzatamente anche loro.

Dopo la cattura Androl però non si arrende e riesce a liberarsi, approfittando anche dell'intervento di Perrin Aybara, che chiude il Chiodo Onirico che agiva sulla Torre. In questi drammatici frangenti Androl mostra a Pevara il suo incredibile talento nel creare in modo geniale le Tessiture per Viaggiare. Subito dopo la liberazione della Torre Nera, alle altre Aes Sedai giunte a legare nuovi Asha'man come Gaidin, appare ormai evidente che il legame che si è instaurato tra Pevara ed Androl, sia diventato ormai di tipo anche sentimentale.

Durante l'Ultima Battaglia a Merrilor, Pevara, Androl, Emarin, Jonneth e Theodrin Sedai, formano un affiatato ed efficace gruppo di combattimento. In particolare si occupano anzitutto con successo di recuperare i Sigilli trafugati da Taim. Poi di mettere fuori combattimento un gruppo di Signori del Terrore, che minacciano di distruggere i Dragons di Aludra, attirandoli dentro ad uno Stedding grazie ad una stratagemma ideato proprio da Pevara. Infine si occupano di difendere un gruppo di profughi di Caemlyn, che vengono assaltati dai Trolloc.

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]