Banda della Mano Rossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: La Ruota del Tempo.

Banda della Mano Rossa è il nome assunto da un gruppo militare nella saga fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, essa è comandata da Matrim Cauthon. Ha preso nome dalla leggendaria Banda che combatté in difesa del Manetheren durante le Guerre Trolloc.

Vicende della Banda[modifica | modifica wikitesto]

La Banda della Mano Rossa andò formandosi nel corso della Battaglia di Cairhien, durante la Guerra Shaido, quando Mat Cauthon, nonostante una iniziale riluttanza, intervenne a guidare vittoriosamente un variegato gruppo di soldati Cairhienesi e Tairienesi, che presi intrappola, sarebbero stati sicuramente annientati senza il suo aiuto. Mat si guadagnò così l'incrollabile fedeltà di questi soldati e poco alla volta ad essi se ne aggiunsero altri, dando vita ad un vero e proprio esercito. Dopo la conquista di Cairhien da parte del Drago Rinato, la Banda venne inizialmente impiegata per stabilizzare il regno, combattendo contro vari gruppi di saccheggiatori e contro le incursioni dall'Andor inviate da Rahvin.

In seguito il Drago inviò Mat e la sua Banda a sud, verso Illian, per cercare di distrarre Sammael. Durante il loro viaggio verso il meridione però, il Drago intervenne presso Mat, per indicargli un altro obbiettivo: aveva infatti da poco scoperto la posizione di Elayne, presso le Aes Sedai ribelli di Salidar e perciò aveva la necessità che Mat con la sua Banda, la scortasse il prima possibile nell'Andor. Arrivato a Salidar, Mat scoprì però che la situazione non era esattamente come gli era stata presentata; Egwene infatti molto abilmente manipolò la presenza della Banda, per dare una scossa alle ribelli. Perciò Mat si vide costretto a dividersi dalla Banda: mentre lui, con alcuni dei suoi seguaci, si diresse fino ad Ebou Dar, per scortare Elayne, Nynaeve, Aviendha ed altri, Lord Talmanes rimase a comandare il grosso della Banda seguendo Egwene e le ribelli con il loro esercito, nel loro viaggio verso Tar Valon.

Durante questo inseguimento a distanza, la Banda andò ingrossandosi, reclutando nuovi soldati lungo il cammino, finché sul confine tra l'Andor ed il Murandy, non si ebbe l'incontro di Egwene con i grandi Lord dell'Andor. Durante quell'evento Talmanes riuscì ad avere un colloquio con la giovane Amyrlin, rendendosi conto che da lì in avanti avrebbe dovuto abbandonare quel rischioso inseguimento e prendere un'altra via. Talmanes perciò decise di rimanere nel Murandy mettendosi segretamente al servizio di re Reodren, continuando nel frattempo ad ingrossare la Banda con nuovi reclutamenti.

Nel corso del Libro XI vi fu il ricongiungimento tra Mat ed una parte della Banda: Talmanes infatti dal Murandy si diresse in Altara con la parte più mobile e leggera della Banda, lasciando Daerid ed Estean al comando del resto, con l'ordine di portarsi in Andor. Mat sfruttò perciò ciò che aveva a disposizione della Banda (compreso un nuovissimo e veloce sistema di caricamento delle balestre, da poco inventato ed adottato da Talmanes), nel corso della sua spettacolare Campagna in Altara contro i Seanchan, per cercare di aprirsi una via di fuga.

Nel corso del Libro XII ritroviamo Mat e la parte della Banda che si era ricongiunta a lui, mentre attraversano il Murandy in direzione dell'Andor, finché Verin Sedai non li incontra e li trasporta velocemente nei pressi Caemlyn. Laggiù nel corso del Libro XIII, Mat si ricongiunge quindi con la parte della Banda comandata da Daerid ed Estean ed infine si accampa fuori dalla città.

Dopo aver contrattato con Elayne la costruzione dei dragons di Aludra, Mat stipula con lei anche un contratto di reclutamento per la Banda, concedendole poi circa metà della Banda stessa per il suo viaggio di incoronazione a regina di Cairhien e poi verso l'incontro alla Piana di Merrilor.

Nell'epilogo del Libro XIII Talmanes assiste sconvolto all'incendio di Caemlyn e chiama a raccolta i membri della Banda, accampati fuori della città, per andare a salvare i dragons di Aludra già fabbricati, e tenuti in un deposito segreto.

Personaggi della Banda[modifica | modifica wikitesto]

Comandanti

  • Matrim Cauthon, uno dei protagonisti della saga, è il Comandante Generale della Banda
  • Nalesean Aldiaya - è figlio di un Alto Signore Tairienese ed accompagna Mat ad Ebou Dar; comandava metà della cavalleria della banda; viene ucciso dal gholam nel corso del Libro VI
  • Talmanes Dalovinde - è un Lord di Cairhien che diventa molto amico di Mat. Comanda il Primo Stendardo di cavalleria, i Tuoni ed è il Luogotenente Generale della Banda; è in pratica il vice di Mat e comanda la Banda in Murandy durante la sua assenza e poi guida una parte di essa in Altara, per ritrovare Mat
  • Daerid Ondin- era un ufficiale di fanteria Cairhienese che comandava i picchieri durante la battaglia contro gli Shaido; in seguito diventa uno dei comandanti della Banda; Talmanes, quando si separa dal grosso della Banda per raggiungere Mat, gli affida il comando della fanteria lasciata in Murandy e lo dirige verso l'Andor

Altri ufficiali

  • Alhandrin -
  • Carlomin - leader dei Leopardi, è un Lord Tairienese, guida uno stendardo di cavalleria in Altara
  • Edorion - leader dei Martelli, segue Talmanes in Altara, guidando uno stendardo di cavalleria
  • Estean - Talmanes gli affida il comando della parte di cavalleria rimasta in Murandy e lo dirige verso l'Andor
  • Meresin -
  • Reimon - leader delle Aquile, è un Lord Tairienese, guida uno stendardo di cavalleria in Altara
  • Mandevwin - comanda i balestrieri a cavallo temporaneamente distaccati in Altara

Le Braccia Rosse (gruppo di uomini che accompagna Mat ad Ebou Dar)

  • Belvyn - viene ucciso da Moghedien nel Libro VII mentre fa da scorta a Nynaeve
  • Corevin - viene ucciso dal gholam nel Libro VII
  • Fergin -
  • Gorderan -
  • Harnan - tairenese, è a capo delle Braccia Rosse ad Ebou Dar
  • Ladwin -
  • Lawtin - viene ucciso da Moghedien nel Libro VI mentre fa da scorta a Nynaeve
  • Lawdrin Mendair - viene ucciso dal gholam nel Libro VI
  • Mar -
  • Metwyn -
  • Tad Kandel - viene ucciso dal gholam nel Libro VII
  • Chel Vanin - abilissimo sia come ladro di cavalli, che come esploratore, è un uomo dalla stazza particolarmente robusta; resta sempre e fedelmente al fianco di Mat fino al Libro XIII, quando viene inviato alla Torre Bianca per fare da scorta a Teslyn, Joline ed Edesina; in realtà Mat lo invia laggiù soprattutto per raccogliere delle informazione più precise su ciò che accade a Tar Valon
  • Verdin -
  • Wat - viene ucciso dal gholam nel Libro VII

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Jordan, R. L'occhio del mondo. ISBN 0-312-85009-3
Jordan, R. La grande caccia. ISBN 0-312-85140-5
Jordan, R. Il Drago Rinato. ISBN 0-312-85248-7
Jordan, R. L'ascesa dell'Ombra. ISBN 0-312-85431-5
Jordan, R. I fuochi del cielo. ISBN 0-312-85427-7
Jordan, R. Il signore del caos. ISBN 0-312-85428-5
Jordan, R. La corona di spade. ISBN 0-312-85767-5
Jordan, R. Il sentiero dei pugnali. ISBN 0-312-85769-1
Jordan, R. Il cuore dell'inverno. ISBN 0-312-86425-6
Jordan, R. Crocevia del crepuscolo. ISBN 0-312-86459-0
Jordan, R. Nuova Primavera. ISBN 0-7653-0629-8
Jordan, R. La lama dei sogni. ISBN 0-312-87307-7
Jordan, R. Sanderson, B. Presagi di tempesta. ISBN 978-1-84149-165-3
Jordan, R. Sanderson, B. Le Torri di Mezzanotte. ISBN 978-88-347-1834-6
Jordan, R. Sanderson, B. Memoria di luce. ISBN 978-88-347-2424-8