Fal Dara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fal Dara è una città presente nell'immaginario mondo della Randland, nel ciclo di quattordici romanzi de La Ruota del Tempo creato dallo scrittore Robert Jordan.

Fal Dara si trova nel regno dello Shienar e viene descritta sia alla fine del primo libro della saga, L'occhio del mondo che all'inizio del libro secondo, La grande caccia. Si presenta come una grande città fortificata, con doppia cinta di possenti mura e fossati, al centro della quale si trova una rocca. La città si trova poco lontano dal confine con la Grande Macchia e sulla strada che conduce al Passo Tarwin e da lì verso il perduto Malkier. Essa sorge presso le rovine dell'antica Mafal Dadaranell e nei suoi pressi si trova anche una porta delle vie Ogier. Il lord di Fal Dara è Agelmar Jagad, uno dei Cinque Grandi Capitani.

La città[modifica | modifica wikitesto]

Le case della città hanno tetti a punta di legno, con uno spiovente molto acuto che arriva quasi fino al terreno, indice di un inverno molto nevoso.

La rocca[modifica | modifica wikitesto]

La rocca o fortezza si trova, come già detto, al centro di Fal Dara ed è anche la residenza di Lord Agelmar. Sorge su una collina ed è circondata da un fossato asciutto, sul letto del quale sono stati piantati innumerevoli spuntoni di ferro. Nella corte della fortezza sono presenti numerose botteghe di fabbri. Le aperture degli edifici sono tutte delle strette feritoie, adatte a respingere gli assalti nemici con le frecce. I corridoi sono adornati con tappezzerie molto colorate e pannelli di seta, con scene di caccia e di battaglie. Vi sono diverse aperture verso l'esterno, una verso la zona delle cucine, una verso le stalle, a l'angusta Porta del Cane, posta sul retro, dalla quale può passare solo un uomo alla volta.

Aes Sedai presenti a Fal Dara[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del secondo libro arriva in città una nutrita delegazione di Aes Sedai, guidata dall'Amyrlin Seat in persona, questo è il loro elenco.

Fonti principali al di fuori della saga[modifica | modifica wikitesto]