Lorenzo Marone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lorenzo Marone (Napoli, 12 dicembre 1974) è uno scrittore italiano.

RIC 2279.jpg

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato La tentazione di essere felici (Longanesi, 2015), 18 edizioni in Italia, Premio Stresa 2015, Premio Scrivere per amore 2015, Premio Caffè Corretto – Città di Cave 2016, che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio; La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Premio Città di Como 2016, dal quale è stato liberamente tratto l'omonimo film; Magari domani resto (Feltrinelli, 2017), 8 edizioni, Premio Selezione Bancarella 2017; Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani; la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), due edizioni; Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019); La donna degli alberi (Feltrinelli 2020), Premio Prata. Per Einaudi nel 2020 ha pubblicato il saggio Inventario di un cuore in allarme, e nel 2021 ha pubblicato il racconto Il bosco di là all'interno della collana "Il bosco degli scrittori" di Aboca Edizioni. Nel 2022 ha pubblicato per Einaudi "Le madri non dormono mai".

È tradotto in 17 paesi, ha una rubrica domenicale (I Granelli) su 'La Repubblica di Napoli', e collabora con 'Tuttolibri de La Stampa'.

Dal 2018 è direttore artistico della fiera del libro di Napoli "Ricomincio dai libri". Dal 2021, inoltre, dirige la collana di letteratura italiana di Marotta&Cafiero editori.

Vive a Napoli con la moglie Flavia e il figlio Riccardo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Stresa 2015 per La tentazione di essere felici.
  • Premio Scrivere per amore 2015 per La tentazione di essere felici.
  • Premio Caffè Corretto Città di Cave 2016 per La tentazione di essere felici.
  • Premio Città di Como 2016 per La tristezza ha il sonno leggero.
  • Premio Selezione Bancarella 2017 per Magari domani resto.
  • Premio Giancarlo Siani 2018 per Un ragazzo normale.
  • Premio Prata nel 2021 per La donna degli alberi.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305948781 · ISNI (EN0000 0004 2502 552X · SBN RT1V021787 · LCCN (ENno2014001273 · GND (DE1076746292 · BNF (FRcb16974481w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2014001273