Domenico Dara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Dara (Catanzaro, 2 febbraio 1971) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Catanzaro nel 1971, vive e lavora tra Valbrona e Milano[1].

Dopo essersi laureato a Pisa con una tesi su Cesare Pavese[2], ha esordito nella narrativa nel 2014 con Breve trattato sulle coincidenze, finalista al Premio Italo Calvino[3].

Con il secondo romanzo, Appunti di meccanica celeste, ha vinto la XLI edizione del Premio Stresa nel 2017[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Verri, lettere da un amore, Bologna, Massimiliano Boni Editore, 2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia dello scrittore, domenicodara.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  2. ^ Dossier N. 31 su www.ilsole24ore.com
  3. ^ Incipit, premiocalvino.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  4. ^ Premio Stresa di narrativa, il successo va a Domenico Dara, lastampa.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]