Gianfranco Lazzaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gianfranco Lazzaro (Baveno, 1933) è uno scrittore, poeta e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato come operaio divenne giornalista, iniziando nel 1956 a scrivere per La Gazzetta del Popolo. Ha poi collaborato con la RAI; nel 1967 ha creato la rivista La Provincia Azzurra. Ha vinto il Premio Gastaldi di poesia nel 1955 per Prati d'Arniche, nonché il Premio Stresa di Narrativa 1976 per Il cielo colore delle colline.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • I giorni difficili, Milano, Baldini & Castoldi, 1969
  • Il cielo colore delle colline, Stresa, La Provincia Azzurra, 1976
  • Racconti d'infanzia, Stresa, La Provincia Azzurra, 1979
  • La collina dei ramarri lucenti, Locarno, Pedrazzini, 1981
  • Berto, Padova, Rebellato, 1982
  • La castrazione e altri racconti, Forlì, Forum, 1983
  • Il lago delle folaghe, Stresa, La Provincia Azzurra, 1983
  • Le ceneri della ragione, Stresa, La Provincia Azzurra, 1984
  • Racconti piemontesi, Stresa, La Provincia Azzurra, 1988
  • La terra irripetibile, Stresa, La Provincia Azzurra, 1990
  • La parola come potere e come menzogna, Stresa, La Provincia Azzurra, 1971
  • Cento aforismi per uccidere il pipistrello, Stresa, La Provincia Azzurra, 1993
  • Il processo, Stresa, La Provincia Azzurra, 1993

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • I canti del Verbano, Milano, Gastaldi, 1953
  • Prati d'Arniche, Milano, Gastaldi, 1955
  • La cerva d'oro, Milano, Ceschina, 1973
  • Il cuculo d'oro, Stresa, La Provincia Azzurra, 1980
  • Aforismi, Stresa, Bologna, Seledizioni, 1993
  • Poesie d'amore, Stresa, La Provincia Azzurra, 1997
  • Ballate, Stresa, La Provincia Azzurra, 2001
  • Dieci poesie d'amore e due ballate, Stresa, La Provincia Azzurra, 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29086859 · LCCN: (ENno88000005