Liù Bosisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Liu Bosisio)
Liù Bosisio in un fotogramma del film Fantozzi (1975)

Liù Bosisio, nome d'arte di Luigia Bosisio Mauri (Milano, 30 gennaio 1936), è un'attrice e doppiatrice italiana che è stata attiva in cinema, teatro, radio e televisione soprattutto fra gli anni sessanta e gli anni ottanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1953 al 1955 ha frequentato l'Accademia di Arte Drammatica di Milano.

La Bosisio è conosciuta per aver interpretato tra l'altro il ruolo della signora Pina nei primi due film di Fantozzi: Fantozzi (del 1975) e Il secondo tragico Fantozzi (del 1976), entrambi diretti da Luciano Salce. In questo ruolo è stata poi sostituita da Milena Vukotic, tornando però ad interpretarlo per l'ultima volta in Superfantozzi (del 1986), con la regia di Neri Parenti.

Come doppiatrice è stata la voce di Marge Simpson nelle prime 22 stagioni e Patty e Selma Bouvier per le prime 21 stagioni nel cartone animato I Simpson[1], è stata la voce del cane protagonista Spank nella serie di anime Hello Spank ma anche in alcune delle sue serie successive, è stata la voce del gatto spaziale Doraemon nel 1982. Ha doppiato anche l'attrice Angela Lansbury e ha dato la voce a Charlie Brown nel cartoon omonimo.

Artista eclettica e dai mille interessi, una volta abbandonata la carriera di attrice si è dedicata alla letteratura. Nel 1976, assieme a Peppino Venetucci, scrive un testo teatrale tratto da Povera gente, primo romanzo di Dostoevskij, che verrà poi rappresentato a Roma con la regia dello stesso Venetucci. In seguito, nel 1977, questo dramma sarà registrato per la RAI che lo trasmetterà parecchie volte. Tra i suoi interessi, la creazione di collages polimaterici e la ceramica raku[2]. Nel 2006 ha iniziato a collaborare, diventandone poi redattore capo, al sito internet Buffonimaledetti.org[3], per la promozione di giovani talenti in prosa, poesia e letteratura.

L'anno successivo è stata tra i soci fondatori dell'Associazione Culturale "Buffoni Maledetti" che supporta il sito web e la casa editrice Buffoni Maledetti Editori[4]. Sempre nel 2007 sette suoi racconti sono stati inclusi nella raccolta Peripezieperipatetiche, edita dalla Buffoni Maledetti Editori. Nel 2008 è stata curatrice del libro di poesie Liberamente edito dalla medesima casa editrice. Nel 2009 pubblica sempre per BMeditori il suo primo romanzo Il Carbonio nell'Anima[5] liberamente ispirato alla sua vita già narrata in una serie di diari la cui redazione è iniziata quando aveva sedici anni[6].

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Povera gente, 1977, adattamento del romanzo di Fëdor Michajlovič Dostoevskij per la radio ed il teatro in collaborazione con P. Venetucci
  • Peripezie peripatetiche, 2007, Buffoni Maledetti Editori
  • Il carbonio nell'anima, 2009, Buffoni Maledetti Editori

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1960 - La collana di zia Marù (La Collana di zia Marù, 7") più dischi con lo stesso titolo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90388981 · SBN: IT\ICCU\UFEV\291846