Il tassinaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il tassinaro
Il tassinaro.jpg
Giulio Andreotti e Alberto Sordi in una scena
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1983
Durata120 minuti (versione cinematografica)
205 minuti (versione televisiva)
Generecommedia
RegiaAlberto Sordi
SoggettoAge & Scarpelli, Alberto Sordi
SceneggiaturaAge & Scarpelli, Alberto Sordi
ProduttoreFulvio Lucisano
FotografiaSergio D'Offizi
MontaggioTatiana Casini Morigi
MusichePiero Piccioni
ScenografiaMassimo Razzi
Interpreti e personaggi

Il tassinaro è un film commedia del 1983 diretto ed interpretato da Alberto Sordi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Marchetti, maturo tassista romano, ha degli innumerevoli ed interessanti incontri mentre è in servizio con la sua vettura "Zara 87", che vanno da una ragazza con intenti suicidi ad un anziano portiere che gli affida un neonato da recare a sua madre prostituta sul posto di lavoro. Seguono un'impossibile coppia di sposi, una matura ex diva (Silvana Pampanini) che egli ferisce scambiandola per un'altra, fino al politico Giulio Andreotti ed il regista e coetaneo Federico Fellini, tutti interpretati dai medesimi. Quest'ultimo, davanti allo sguardo divertito di Marchetti, incontra l'attore Sordi negli Studi di Cinecittà.

Non mancano situazioni critiche come alterchi e tentativi di rapina alle quali egli reagisce con dignità, una volta venuta meno la pazienza, nonché situazioni comiche dal sapore di altri tempi all'interno delle mura domestiche.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il taxi guidato da Sordi è una Fiat Ritmo II serie.
  • L'abitazione della famiglia Marchetti, simile a degli scorci trasteverini del dopoguerra, è nell'antico borgo di Ostia Antica in piazza della Rocca.
  • Esterni girati a Roma nei luoghi menzionati nel film. La piazza dove l'anziano portinaio consegna il neonato, si trova nei pressi della fermata Metro A Subaugusta, vicino agli studi di Cinecittà.
  • L'hotel dove si svolge la cena dell'emiro è la Sala Ellisse del Cavalieri Hilton in via Cadlolo 101, al quartiere Medaglie d'Oro.
  • Gli interni sono girati nei teatri di posa di Cinecittà, tra i quali numerose scene nella vettura di servizio, utilizzando la tecnica di uno schermo retrostante cui sono proiettati scorci urbani, spesso sproporzionati con il soggetto, e conosciuta come trasparente.
  • Un'edizione del film più lunga fu trasmessa su Rai Uno in due serate nel 1988.
  • Il film ha avuto un séguito, Un tassinaro a New York del 1987, sempre diretto e interpretato dallo stesso Sordi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema