Il malato immaginario (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il malato immaginario
Il malato immaginario.jpeg
Una scena del film
Titolo originaleIl malato immaginario
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1979
Durata107 minuti
Generecommedia
RegiaTonino Cervi
SoggettoMolière
SceneggiaturaAlberto Sordi, Tonino Cervi, Cesare Frugoni
ProduttorePiero La Mantia
FotografiaArmando Nannuzzi, Enrico Appetito
MontaggioNino Baragli, Vivi Tonini, Alessandro Baragli
Effetti specialiEnzo Di Liberto
MusichePiero Piccioni
ScenografiaLuigi Scaccianoce, Stefano Ortolani
CostumiPiero Tosi, Alberto Verso
Interpreti e personaggi

Il malato immaginario è un film del 1979, di Tonino Cervi. Con Laura Antonelli, Alberto Sordi, e Christian De Sica. La commedia è ripresa dall'opera originaria di Molière, che la scrisse per il teatro in tre atti nel 1673.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma XVII secolo. Argante è un ricco proprietario terriero con la convinzione di essere malato. In realtà la sua malattia è il mero frutto dell'ipocondria e dell'immaginazione. Il suo stato fobico lo porta a circondarsi di medici di dubbia capacità. Moliere amava descrivere attraverso i suoi personaggi, l'arretratezza della medicina della sua epoca. Il contesto storico nel quale si svolge la commedia è la Roma di fine seicento, una Roma in preda alla povertà e alla violenza mossa dalle rivolte dei contadini affamati. Argante rientra in pieno in questa storia: i contadini in preda all'ira e alla fame invadono la sua casa ed egli non può fare altro che promettere giustizia, richiamando e licenziando il corrotto amministratore delle sue terre che le aveva interamente convertite a pascolo, lasciando così i poveri contadini senza terra da coltivare a grano. L'amministratore non aveva affatto rispettato il compromesso di convertire soltanto metà delle terre. Argante in fondo, non è altro che un personaggio circondato da gente falsa, la quale non fa altro che tramare alle sue spalle: l'amministratore che non obbedisce al compromesso, i medici che speculano sulla sua malattia immaginaria con strane teorie mediche campate in aria, la moglie Lucrezia che spera nella morte del marito malato per poter intascare l'eredità. Le uniche persone che lo amano veramente sono la figlia Angelica e la serva Tonietta. Del vero amore della figlia Argante non se ne accorgerà che nell'epilogo, quando inscenerà la sua morte, d'accordo con la serva, per scoprire tutta la verità. Quando tutti i sotterfugi vengono allo scoperto Argante potrà finalmente riconciliarsi con Angelica, con la quale aveva litigato per non aver accettato l'imposizione a sposarsi con un medico di nome Claudio (Cristian de Sica). Alla fine Angelica potrà sposare invece il suo Claudio, un rivoltoso che Argante induce a riflessione. La moglie Lucrezia invece viene scoperta nella sua ingordigia e nel suo amore interessato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema